Eleaml - Nuovi Eleatici



La rivoluzione napoletana del 1820-1821 tra "nazione napoletana" e "global liberalism" di Zenone di Elea

CHIACCHIARIATA

CHE SE FANNO PE TRE MATINE

LU CUORPO DE NAPOLE,

E LU SEBETO A S. LUCIA

NCOPA A LA CUSTETUZIONE

(se vuoi, scarica il testo in formato ODT o PDF)

______________________

Corpo de Nap... Sebè buonoiuorno:

Sebeto..... Oh si compà!.... bonni e salute..

Che baje facendo a chess’ora da she bie?

C. di N..... Mo te conto..... Steva a lu mmeglio de lu suonno ncoppa a chillo pojariello mio; quanto cierti strille a. luntano m' hanno scetato matino matino. Nnitto nfatto tutti i guagliuni miei, si manco tenevano a tarantula, so zumpate nterra, e se so puoste a correre a via i Tuleto. Cridimi, l'aggio visti, e nu l'aggio visti chiù. Dubetanno de quaccosa, me so susuto io pure e le so curzo appriesso; e pe chesso i baco truvanno ntutti i cunti.

Sebeto.... Sa che buo fà? vide a lloco ncoppa, po esse che i truove.

C. di N. Ca pecchesse sto cammenanno. E po pe tè dicere a verità tengo nu poco i a sfunnolo ncuorpo. Da duje o tre juorne a chessa via, e la notte specialmente, nu beco auto che battuglie sotte, e battuglie ncoppa: surdate vanne, e surdate veneno.

Pe me, nu la saccio capì. Dimme a verità sapisse quaccosa?

Seb... Cumpà che buò che ti dico?.... mme pare che ne è nu poco i lli lli...... Ajere nu sguattero i cucina i nu signore gruosso assaje, che sta vicino a me, me decette ca nc'è mbruoglio; e ca u patrone sujo steva qua saraca dint'a sacca.... zì.... zì...

C. de N... Che dè?

Seb..... Siente st'allucche?

C. de N... Addò?

Seb..... Nnante palazzo.

C. de N... Mannaggia craje e che sarrà? ASeb. Siente siè, diceno Viva u Re, Viva a Costetuzione!

C. de N... Mmalora, e chesso è u vero!... Siente buono ca diceno Viva a Custipazione, Viva a Conclusione... Compà lasseme correre a vedè de che se tratta; me premono i guagliuni, e nu burria che s'avessero da truvà dinto a quacche mbruoglio.

Seb... Sine cumpà curre;... ma po famme sapè quaccosa:

C. de Nap... Statte buono, po nce vedimmo… bonni.

Seb. Lu cielo te mamma mpoppa, va e torna priesto.

7. Luglio 1820

Seb. O compare mio che sii lu bemmenuto! Te steva aspettanno cull'acqua ncanna pe sapè quaccosa... Vamme contanno che so state tutte ste vuci che strellavano aiere?

Veco tutte nfruscia; chi va chi vene... dimme, di... sto propio ascevoluto de n'appurà u custrutto.

C. de N... Sebete mio, e chi te lu sape cuntà. Aje da sapè c'ajere, quanno te lassaie currette nnanze a lu Palazzo Riale, e là trovaje li figli miei, mmiscati cu tanta gente i fora, cu Signuri, afficiali, e ba scorrenno; e sotto u barcone du Rre nuosto strellavano a auta voce... Viva u Re, Viva a Costetuzione. Aizavano i muccatora, menavano i cappielli pe l'aria, i coppole; e facevano tanta strilli. Io che sapeva quanta guai hanno passate li figli miei, accommensai a farle ritirà, dicendo che nu facessero tantu schiasso, e se stessero cujeti. Cammenanno vedette ca tutte currevano pi puntune a leggere nu cartiello; m'azzeccaje a nu pacchesicco, e le spiaie... né mio Signò, faciteme razia chisso che dice; e lu si abate mme respose... chesta è prummessa che fa u Re Nuosto, de nce da a Costetuzione. Sentenno stu parlà ncercola, m'arravugliaje i bavatelle cu i figli miei, e me ne jette. Numperò t'aggio da di a verità: sta notte sempe aggio pensata a sta baruffa, e sto propio speruto i sapè che segnifica sta Costetuzione. Tu che si chiù saputo i me, n'avarraje da sapè na nzenna; addonca sprecamella ca i piccirilli pure lu bonno sapè…

Seb Cumme meglio pozzo te voglio, cuntentà. Ma primme che mme scordo, mnezzeja ai figliule, che se stanno cu di piedi into a na scarpa; che nu facessero quacche solita cugliunaria di loro.

C. de N. No nce pensà ch' hanno cagnato sistema, e se so fatte capaci de chello che l'attocca.

Seb.... Mo mme pare ca la ntenneno.

C. de N.. A pruposito Sebè... stammatina aggio ntiso prubbecamente, ca se cagnava u guvierno; e ca sti Ministi che nce stanno, jarranno a menà i prete a i guagliune.

Seb... Ubbi ca lu diceva io!... E si, sta cosa nu poteva i chiù nnante... Compare mio tu stive nu poco arassa, e n'aje potuto sentì chello ch'aggio ntiso io, che sto becino a sti palazze de Gran Signure! N'aggio ntise jastemme, suspire, abbasca! N'aggio viste aggente che perdevano i jornate sane 'nnanze a sti purtune, cu carte e suppreche mmano! Chi s'allamentava i na cosa, e chi de n'auta: mo decevano ca nu potevano chiù ca i pisi erano assaje; ca nu truvavano justizia; ca tutto si faceva pe impegno e pe denaro. S'arrubbava mprubbeco, e la peggio ca s'avea da schiattà e zitto. A n' auta parte pò, aggio visto tanta scarfaseggia che la i potevano aizà na vreccia nterra, tutte sfurgià, carrozze, vestite, feste, massarie, e ba scorrenno. Ora vi chi se credeva ca ncera stu poco i vozzola sotto?

C. di Nap... Mo nce vò, avimmo sempe tenuti pappuni pi Rri; ma sti mmalora i Ministi so chilli che sempe l'anno zucato lu sidici....... Ma lassammo sta chesto, e benimmo a lu discurzo nuosto. Tu m'aje da dire che robb'è sta Custetuzione.

Seb Aje ragione, sientemo mo cu tanto de recchia aperta. Tu saje ca songo nu poco chiù bicchiariello de te; e tutte ste prete se so aizate a tiempo mio...... Aggio viste tanta vote fa sti guarattelle, e tanta naziune ch'anno con una nato e guvernato, chi de na manera, e chi de n'auta, che ne so proprio stufo. Stu pizzitiello nuosto ha fatto sempe cannavola chiù d'uno. Tengo cierti scartafezie viecchie, che si li bavo a revotà quabbota, pure me diceno quaccosa. Sempe aggio visto però ca u puveriello è ghiuto a sotto; e lu ricco cu lu putente e cu lu nsanfarrone hanno mastriato loro, e hanno fatto chello ch'hanno voluto. Ma a chello che sento da quaccanno a chessa via, me pare ch'anno apierti l'uocchie i muscilli, e non è chiù tiempo i nce fa mettere dinto u sacco.

C. de N... Tu parle veramente da ommo addotto; e pecchesso cerco de sapè che razza de guvierno nce vonno da.

Seb... Voglio vedè i te fa capace cumme meglio me riesce. Dimme na cosa? l paisi, li città, tu cumme cridi ca se so fravecate e pupulate; e cumme pienze ca tanta gente a unita a nu pizzo, ubbedesce chi a uno, e chi a n' auto che li commanna?

C di N... E che saccio io mo! de chesso nu in me ne sò maje ntrecato.

Seb... E mo è benuto lu tiempo che te n'aje, da ntricà. Sacce cumparo mio ca l'uommene, quanno s'accommenzaino a murdipricà, capettero ca tutti nu potevano cummannà; e aveano abbesuogno de nu capo sulo: o de chiù superiuri auniti, che facessero li parte de tutti. Chissi capi che doveano guvernà, l'aveano da fa cu justizia e buon core pe lu bene e vantaggio de tutte l'uommene, che le stevano suggette. Ecco pecchè, vedenno ca non se poteva campà cumme animale feruci dinto a li vuoschi ogneduno acconsentette de fa stu piccolo sacreficio de la libertà soja; se sottomettette a n'auto simile a isso, pe sarvà lu riesto; e accossì fatecanno e crescenno nsocietà, avesse no potuto fa na vita chiù commota, e chiù sicura. Ma cumme facimmo ca chisse che ne aveano da cummannà, aveano da essere uommene cumme a muje; e nn sempe se trova u buono e u vertuloso che pensa pe lu bene nuosto. Ecco pecchè l'uommene chiù savii pensaino de fa cierte leggi, ch avessero arregulate lu cummanno e lu guvierno. Ste leggi fatte na vota e stabelute pe na Nazione, lu capo che governa pure l'ha da osservà; e nu po fa chello che bo isso, ma chello che stace scritto. Ste leggi addonca so chelle che tutte assieme aunite se chiemmano Costetuzione.

C di Nap.... Ma sti leggi chi le fa?.

Seb... Nuje stissi.

C. di Nap. .. Tutti quanti? E comme è possibile i combinà tanta piniune ncuntrarie?

Seb.... E tu non saje comme se fa: mo te ne porto nu paraone. A nu paese, per esempio, si ciente parzonali avessero da fa na lite contro a nu patrone, cummo faciarriano pe nu ji tutte ciente nnanze u Tribunale, o pe tenì na sessione pe s'agghiustà, e ba scorrenno?

C. di N.... Putarriano fa nu prucuratore che facesse li pparte de tutte quante.

Seb... E justo accossi se fa a Custetuzione. Ogne paese fa u procuratore, tutti sti procuraturi fanno l'auti procuraturi chiù gruossi, e chisti s'aunesceno po a na parte, e fanno u parlamiento. U parlamiento fa li leggi che l'aggio ditto, e sti leggi c'anno da essere assarvate da nuje e da chille che nc’ave da guvernà. Te si fatto capace?

C. de Nap... Addonca chessa potarria essere na cosa bona?

Seb... Bona? sicuro ca è cosa bona, pure che se face cu cierte principi che sso nicessarie. Chesto figurate che sia nu bello palazzo che se vo fravecà. Mo sta a farece le bone pedamenta; e tutte i maste che nc anno da fatecà, n'anno da pensà de fa a fraveca pe nc'avè lloro na casarella; ma anno da essere tutte de uno anemo, e uno core. Hanno da pensà a lu bene generale; e nu fare che sta bella fraveca avesse d' asci cumme a la Torre i Babele, che se confonnettero le lengue, e nu se capevano chiù.

C. de N...... Ora chi l'avea a dicere, ca a vicchiaja avea da vedè tanta cose move, e io cu tutte li guagliune miei pure avevamo a fa a parte nosta a cuvernà?

Seb... chesto a te te pare na cosa nova, e pure n'auto juorno te farraggio vedè ca è cosa vecchia... A proposito di guagliune io te lebbreco da frate de core. Fa senti a voce toja a sti bammenielle che tieni, e falle capè tutto chello che t'aggio ditto. Dille che nu jessero facenno i bottomannaggia; che s'aunesseno cu i galantuommini, ca chissi cercane n buono pe tutti. Chessa è causa commune che se fa: e che nu se facessero veni chiù a mingria da Santafede.

C. de N..... Sebè non nce penzà te torno a dicere, ca de chesso me ne comprometto io. Hanno visto che sò i guaje; e tutti pensano a cojetudine e a pace. E po tu saje ca i figli miei se lagnano du male cuvierno, e abbasta che magnano a buon mercato so tanta ainielli... Vi ca nuje no tenimmo lu fele ncuorpo; e u Napulitano è curazzone. Compà conchiudimmo u discurzo: o parola o scorza i chiuppo. Io te venarraggio a truvà ogne matina, appuro chello che succede, e tu mme mpare quacche cosa che saje.

Seb.... Sine cumpare mio cu tutto lu core. Mo è tiempo de parlà franco, per lo justo però, e senz'affennere a nisciuno. Nce volimmo cuntà i ragiune noste, e creo che sarrà fenuto chillo tiempo ch'avevamo da sta sempe cu la lengua dereto, pecchè se diceva ca li mmura no tenevano recchie e sentevano.

C. de N... Sè se... ca chessa pure è na consulazione pe lu puveriello. Avevamo a essere scurtecate vive, e non potevano manco chiagnere. Sacce ca tutte i spiumi se so mpezzate dinto a nu culo d'aco. Orsù statte buono.... arrevederci....

Seb. Bonni e salute, si Compà....

C. de Nap.... Bonnì…

8. Luglio 1820

C. de N.... Eccome ccà lesto cumm'a sargente... Mme volle sempe ncanna i senti quaccosa nova.

Seb.... Bemmenuto, bemmenù... E accossì che nutizie mme puorte?

C. de N.... E che nutizie vaje trovanne?

Avimmo viste tanta cose e bedimmo o juorne d'oje, che nuje stisse nu li credimmo. Nce simmo cuccati tunni a sera, e nce simmo susuti quatre a matina. Ma chello che me fa asci a fora i panne, ca miezo a tanta ntruvoli, nuje stammo accossi cujete che non pare maje d'esseresi fatto stu cagnamiento.

Seb.... Dice buono, e a me pure mm'è a passato pe capo. Mo nce vò, i triati ogne sera, le Signure a S. Lucia, i carrozze cha banno e beneno, se magna, se veve, s'abballa, allummenazione, feste e ba scurrenno Chesso però sa a do nasce? ca ognuno fa i core, e lu fa pe bene di tutte, Dice buone lu pruverbio; quanno u piro è ammaturo se ne cade appiisso. Lassamme fa lu Cielo: Isso sape lu core nuosto, e ne ave da scanzà d'ogne malanno.

C. de N... Cumpà appruposito, aggio ntiso dicere prubbecamente, ca mo se levano i pisi, a fundiaria, i gabelle, u registro... e dico a verità io pa priezza non nce cape dinto i panni.

Seb.... Chiano cumpare mio, nu ghì tanto i pressa. Tu saje ca la gatta, se dice, ca pe ghì de pressa, fa i figli cecate. Vi ca la Custetuzione t'aje da fegurà comme fosse nu bello arbusciello, che mo s'è chiantato dinto a lu giardino alliero e fertulo de lu paese nuosto. Chisso ave abbesuogno de buono terreno, meglio curtivo, e qua poco de tiempo pe fa li frutti: si nò secca, e addio tutte ste belle spampanate. E po u govierno pe se mantenè, e fa chello che abbesogna, ha da avè i mezzi, cioè i spese: E lu vero ca se potarrà a lu sparagno, ma nnitto nfatto non è na cosa facile. Io però sto sicuro ca i paisane nuoste teneno qua dito i cereviello, addonca fidammo a loro, e no dubetammo.

C. de. N.... Vi che te fa a bedè i cose pa scorza! aveva pigliato stu rancefellone! Pure è buono ca tu mme daje ste belle leziune; e io pe parte mia ntante te starraggio sempe a senti.

Seb.... E po aje da sapè n'auta cosa: s'a da cercà de non fa nascere nu malecontiento. Le ccose s'hanno da fa cu tutto lu judicio, pecchè in cheste accasiune besogna che simmo tutte amici, e no nemici. Cu la bella armonia se po ji nninante, si no ne po succedere che n'avimmo chiù n'ora d'arrecietto.

C. de Nap.... E già che simmo a stu tasto te, voglio palesà nu suspietto che m'è trasuto dinto a lu chiricuozzolo. Che diciarranno l'auti Rignante de chesso che stanno facenno a Napole?

Seb... E ch'anno a dicere? A cara e grazia se ponno ntrecà de le corna di paise loro. Cumpà vi ca ccà se tratta de la causa propia! E saje cumme se dice? Non ji a stuzzecà l'urzo quanno sta dinto a tana. Ognuno è patrone de la casa soja, e la vò regolà comme le pare e piace. Quanno l'aziune noste n'affenneno i ragiune du tierzo e sapimmo rispettà i diritti loro, se levaranno u cappiello anzi a nterra. Nuje volimmo bene u Re nuosto e tutta a famiglia, soja; e saranno sempe amate e venerate. E po aje da rifrettere ca de tutte sti Suvrane che tu dice poche so chilli che non guvernano come se vo fa mo a Napoli: e si quacche gelosia, o principio de nteresse li potesse mai smovere a fare ce n'uocchio stuorto, che bedendo addò mettono i piedi, ca putarriano tirzià na brutta primera. Vi ca stu fuoco che s'è alluummato ncuorpo a nuje, sa da quanto tiempo arde surdo surdo ncuorpo a na bona purzione de chilli. paisi che nu tenono a Costetuzione. E chissi si hanno nu poco i viento frisco sa cumme se ne vanno mpoppa!

C. de N.... E nu ncè che di nu ttecchete. Chi s'è puosto abballà, abbesogna c'abballa. Io pure so stato tantu tiempo curcato, ma mo me so sosuto, e boglio essere u primmo a bedereme le corna meje. E che mmalora nel sempe suggette, mo a chisto, e mo a chillo. Chi nce accatta, chi nce venne, chi nce dona, manco si fossemo nu piezze i territorio, o qua mandra de piecore... Ah ca mme sento ncuorpo vollero nu Mungibello; saccie cumpà ca si m'attocca, nu me farraggio passà a mosca pe lu naso.

Seb.... Aunione nce vò e, fora nteresse i è u riesto scummetto ca tutto va buono.

C. de Nap.... E chi nn pensa accossi o merita d'essere de la Nazione nosta. Mme voglio scetà, voglio chiacchiarià io pure; e fra tanta allucche nce voglio mettere pure i miei.

Seb.... Parlammo, scrivimmo, facimmece a sentere; ca da miezo a l'arrore n'esce la verità. Lu fierro, si s'allimma o mbrunesce luce, si no s'arrozzesce, e, non fa vista. Anemo e core, e chi po fa che faccia.

C. de Nap.... Sebè mine ne voglio i, ca avimmo pigliato nu poco papera.

Seb.... Governate e bedimmece spisso, cavimmo a dicere tanta cose.

C. de N.... Statte buono cumparone mio..

Seb... Addio.










Nicola Zitara mi chiese diverse volte di cercare un testo di Samir Amin in cui is parlava di lui - l'ho sempre cercato ma non non sono mai riuscito a trovarlo in rete. Poi un giorno, per caso, mi imbattei in questo documento della https://www.persee.fr/ e mi resi conto che era sicuramente quello che mi era stato chiesto. Peccato, Nicola ne sarebbe stato molto felice. Lo passai ad alcuni amici, ora metto il link permanente sulle pagine del sito eleaml.org - Buona lettura!

Le développement inégal et la question nationale (Samir Amin)










vai su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità  del materiale e del [email protected].