L'unità d'Italia è una beffa, che comincia con una bugia.
Due Sicilie
Eleaml



Pietrarsa: la solita furfanteria,

questa volta di Sole 24Ore

(clicca qui, se vuoi scaricare questo articolo in formato RTF)

 

Come è arcinoto, il Sole 24Ore è un quotidiano i cui giornalisti e i cui costi industriali e commerciali sono spesati dalla Confindustria.Altrettanto noto è che la Confindustria è l'associazione nazionale degli industriali italiani.

Poco chiaro, anzi nebuloso, è cosa sia realmente la nazione italiana (e quindi a cosa corrisponde l'aggettivo nazionale).

Limitatamente alla Confindustria si può arrivare a una buona approssimazione facendo riferimento alla residenza degli associati e alla sede delle rispettive imprese.

Sotto tale angolo visuale, la nazione italiana va dalle Alpi alla Toscana, più qualche appendice decorativa che, partendo dalle valli del Tevere e del Tronto, penetra dentro il Mediterraneo fino a lambire l'Affrica; ubi sunt leones, arido e incolto luogo - tranne il petrolio - dove vivono i leoni.

Ciò nonostante l'illustre quotidiano - fondato nel 1865, del tutto un anno prima del patriottico e lumbrad Corso Forzoso dell'infida liretta sabauda, con cui è stata benedetta la nascita del capitalismo padano - dedica degli inserti settimanali al Sud, leonina terra non confindustriale, monda da industrie e ricca di gente che non sa più a che dio voltarsi. Immagino (ma immagino soltanto) che lo faccia da quando è assurto a gran comunicatore della Confindustria un napoletano, la cui siluette, inquadrata fra quelle degli industriali padani, fa pensare a una triglia al cartoccio, servita al centro di una portata di lesso di manzo con contorno di bietole e patate lesse.

Personalmente non ho gli elementi per dare un giudizio sulle altre parti del giornale. Per quel poco che capisco - e inquadrando l'insieme nell'ottica padan-capitalistica - a me sembrano interessanti e istruttive.

Invece, per ciò che riguarda il Sud, il quotidiano dispensa rimasticature edulcorate, che un giornaletto di provincia rifiuterebbe. In genere lascio la lettura di questa parte del giornale a chi è più ingenuo di me, e se, questa volta, gli occhi mi sono caduti sulla parola Pietrarsa, che fa parte del titolo di un articolo, ciò si deve alla pigrizia del mio intestino retto.

L'articolista, il collega Bisogni, ha bisogno di una maggior dose di coraggio. Intanto è poco corretto fornire il dato relativo all'occupazione sviluppata dalle Officine di Pietrarsa nella fase italiana - cioè da un simulacro di fabbrica, che il governo di Torino non aveva ancora sufficiente autorevolezza per affossare definitivamente - e confrontarla con il dato relativo all'occupazione sviluppata dall' Ansaldo di Sampierdarena.

Se dopo l'unità, il rapporto a favore di Pietrarsa era ancora di tre a uno, dieci anni prima era stato di dieci a uno.

Fra l'altro, intorno al 1845/ 1848, Pietrarsa fornì le prime vaporiere che corsero sulle ferrovie sabaude, con relativi macchinisti.

Vorrei per inciso ricordare che le maestranze napoletane dell'epoca erano considerate dai tecnici inglesi le migliori al mondo, ovviamente dopo quelle britanniche.

Mi piacerebbe altresì che il collega Bisogni s'informasse sull'Esposizione industriale di Parigi, credo del 1853, e sui giudizi allora espressi dalla stampa internazionale e dagli addetti ai lavori, che trascurarono in toto le industrie lumbard, venete, sabaude e toscane. Nonché sulle medaglie in quell'occasione assegnate alle singole industrie nazionali.

E veniamo al clou.

Si continua a far volare il concetto del protezionismo borbonico e a ricordare insistentemente che l'industria napoletana aveva a fondamento il capitale pubblico.

Se il collega Bisogni ha la pazienza di spulciare gli atti parlamentari del Regno di Sardegna, vedrà che intorno al 1855 o 1856, Cavour fu fortemente attaccato in aula per il sostegno che dava sottobanco all'officina di Sampierdarena e alle banche di sconto operanti a Genova e a Torino.

Noterà, fra l'altro, che Carlo Bombrini era contemporaneamente il padrone della Banca Nazionale e il socio portante delle Officine Ansaldo.

E se avrà la pazienza d'andare avanti, si renderà conto che Bombrini non dismetterà la doppia veste fino alla morte. Vedrà anzi che lo Stato nazionale (nazionale proprio come l'attuale Confindustria) donò ben 16 milioni agli eredi del medesimo, a titolo di compenso per le perdite sopportate nella gestione dell'Ansaldo.

Il protezionismo cavourrista fu fustigato dal massimo economista italiano dell'Ottocento, Francesco Ferrara, con l'espressione "Protezionismo dall'interno".

I governi sabaudi succeduti a Cavour presero il meglio dell'insegnamento del "grande ministro" nonché conte: liberisti quando si trattava di demolire le industrie sudiche e protezionisti con l'industria genovese, milanese e fiorentina.

Peccato che la vista di Francesco Ferrara si indebolisse dopo l'unità, con il suo ingresso nella schiera dei ministeriali.

 

 

________________________________________________

 

The "Rigoletti" of the heavely damaged South
The material constitution
A note by Vico
The animal spirits
The national hypocrisy
Italy
A New Workers'International
Nicola Zitara
Avvertenza

 

 

_______________________________________________________________________________

Siderno, 11 febbraio 2004

Avvertenza

"La rivista elettronica Fora accetta e pubblica gli eventuali articoli, i saggi e gli altri testi inviati solo se si presentano consentanei con la linea del Separatismo meridionale, per la fondazione di uno Stato indipendente e a base liberal/socialista. Questa formula, ormai abusata, nel nostro caso si specifica con l'abolizione del lavoro dipendente a favore di forme di collaborazione aziendale (società anonime di capitale, società cooperative) fra i produttori. Insomma, niente padrone. Il lavoro e il rischio d'impresa sono unificati in una sola figura giuridica.

"La Rivista ha facoltà di decidere circa la pubblicazione totale o parziale delle collaborazioni firmate.

"Si prega di non inoltrare corrispondenza nella forma di "lettera al direttore", che pretenderebbero una risposta ad personam. La rivista non ha un'organizzazione adeguata a fornire detto servizio.

"Grazie e saluti."

Nicola Zitara

 

Nicola Zitara
89048 Siderno - Piazza Portosalvo 1
Tel e fax 0964 380498

Email
[email protected] - disattivato

 

Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].