L'unità d'Italia è una beffa, che comincia con una bugia.
Due Sicilie
Eleaml


La vergogna de “la Padania”! 

Titolo di oggi 28/07/’004 su “la Padania” (organo di “disinformazione” della LEGA) :
“Giustizia è fatta! Cancellato il Napoli!” Alludendo alla decisione del Governo Calcistico di escludere il Napoli dal campionato di calcio di Serie B.

A parte il fatto che la storia non è chiusa, essendoci in atto ricorsi al TAR e addirittura al Consiglio di Stato, ma il loro desiderio di sguazzare su disgrazie (fossero solo calcistiche) del Sud è irrefrenabile e incontenibile. Inaudite e incredibili dichiarazioni che mostrano il lato più becero dell’antimeridionalismo della LEGA.

A questi topi da fogna si alleano – coprendosi di altrettanta vergogna – forze politiche che dicono di voler lavorare per il Sud, ovvero : Forza Italia, AN e UDC! Non che nell’opposizione vi siano fraticelli samaritani, ma questo è troppo!

I Meridionali si ricordino che è la stessa gente venuta, qualche settimana fa, a chieder voti dalle nostre parti o a proporre alleanze a qualche meridionalista sprovveduto, credulone o pronto a vestire i panni mai smessi dell’ascaro dell’ultim’ora!

Questi sono i fatti, il resto è aria fritta! “FORA!” come allude con rabbia il titolo della rivista di Zitara! “FORA!” dalle nostre terre, non offendano le nostre intelligenze, di gente sì più tollerante di loro ma non stupida da farsi incantare dai loro partiti di plastica, dai loro finti ideali risorgimentali svenduti alla LEGA per quattro scanni al governo e per quattro affari loschi!

La melma ricopra le loro teste bacate e malsane! Zitara è accusato di utopia per le sue idee separatiste, ma più passa il tempo più i fatti gli danno ragione! Non è possibile! Che cosa mai di attendibile e credibile è mai possibile costruire con gentaglia di tal risma?

E allora che parta il Movimento di liberazione del Sud, liberazione attesa da più di un secolo e ormai irrimandabile e improcrastinabile! Sarà difficile, tutto quel che si vuole, ma almeno è un’idea che (come ebbi già a dire) profuma di dignità e non maleodora di compromessi e di cattive compagnie.

O ancora, come disse e scrisse il mio amico meridionalista Antonio Civita Gentile : “noi abbiamo l’ingrato compito, per i nostri avi e per noi ed i nostri figli, di far tornare ad ardere il fuoco che cova sotto la cenere della nostra Storia! “.

Viva il Sud, viva il Napoli e che chi ci odia e mal sopporta sia sommerso dalla vergogna della loro incultura, delle loro bugie, e dei loro imbrogli, e dalla rabbia del nostro DNA brigantesco che, a fronte di un miglior destino e di una nuova buona sorte, tornerà prima o poi a ruggire!


Andrea Balìa

Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].