L'unità d'Italia è una beffa, che comincia con una bugia.
Due Sicilie
  Eleaml


io nun me scordo

APPARENTAMENTI FACILI: MERIDIONALI SVENDESI!

di Andrea Balìa

(se vuoi, puoi scaricare l'articolo in formato RTF o PDF)

Napoli, 8 Marzo 2008

Apprendiamo in queste ore, prima telefonicamente e poi leggendolo come comunicato su Internet che i neonati Comitati delle Due Sicilie (Come Dire Si) saranno presenti alla prossima tornata elettorale apparentandosi con l’MPA (Meridionali Per (o Pronti) all’Asservimento) di Raffaele Lombardo, a sua volta fidanzatosi con il PDL di zio Silvio Berlusconi, che di parte sua è concubino della LEGA NORD. Ogni commento già sarebbe superfluo, ma in democrazia se loro sono liberi di far come credono, in compenso anche chi scrive è libero d’esternare le proprie considerazioni.

Andiamo per ordine:

1) L’MPA nasce da una fervida mente ex (si fa per dire!) democristiana qualche anno fa come Movimento per l’Autonomia, intesa come problematica strettamente siciliana, che si tramuta ed estende magicamente con l’aggiunta della parolina SUD nel simbolo (in occasione delle prossime elezioni) in una veduta complessivamente meridionale per raccattare qualche voto in più fuori della Trinacria. Già dalla sua nascita in combutta con i Cuffaro e company siciliani, ed ora apparentati con il Cavaliere. Questa la fulgida storia del Movimento, che fa nascere l’ovvia domanda: Autonomi da chi? Da cosa? Boh…!?

2) Alla fin fine però non sono una novità già dalla loro apparizione sulla scena politica, per cui era ovvio che si sarebbero schierati con qualcuno, e con chi era altrettanto chiaro!

3) I Comitati Due Sicilie nascono poco tempo fa da ex neoborbonici e giovani di belle speranze. Si distinguono per un certo attivismo, dichiarano (come per la maggioranza dei movimenti meridionalisti) di non essere né per la Destra e né per la Sinistra, fanno banchetti per le strade, partecipano alla riunione di Gaeta per la nascita de Il Partito del Sud, e si dichiarano propugnatori d’una via culturale che porti solo per gradi all’esperienza politica. Appaiono infatti fra i meno propensi a quel processo unitario propedeutico ad una neo/costituenda forza politica del Sud.

4) Intanto cade il Governo, e fulminati sulla via di Damasco, vengono presi dal raptus elettorale e dalla conseguente fregola partecipativa e di protagonismo. Fanno la somma scelta d’apparentarsi con l’MPA e con quel CentroDestra che contiene la LEGA NORD! Dimenticano il non voler essere né di qua e né di là, e portano all’ammasso i sacri simboli della memoria del Sud come i candidi gigli borbonici, e portano al mercato il meridionalismo traghettandolo (anche se il Ponte sullo stretto ancora non c’è!) verso l’ennesima figura di merda!

5) Ho sentito parlare di pragmatismo politico ed altre balle del genere. Stiano attenti che molte delle loro tesserine raccolte negli ultimi mesi potrebbero essere restituite. Questo mi sembra in fondo il minore dei mali, rispetto ad una svendita di valori meridionali che deprime profondamente!

Già... ma poi dimenticavo… mica rappresentano il Sud! Rappresentano solo sé stessi!






 

Per comunicare con Nicola Zitara potete inviare un messaggio breve anche senza dover indicare il vostro indirizzo di posta elettronica:



Se volete inviare una email a Nicola Zitara:

Email per Nicola Zitara - Yahoo


Se, invece, volete inviare una email a Nicola Zitara usando il nostro indirizzo:

Email per Nicola Zitara - Eleaml


Buona navigazione e tornate a trovarci.




Creative Commons License
FORA... by Nicola Zitara is licensed under a Creative Commons
Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia
.
Based on a work at www.eleaml.org.


You may copy pages from this site on the following conditions:
  • The article must be published in its entirety without any modification.
  • This is how the link should then look...
  • Article authored by Nicola Zitara and first published on “Fora” – eleaml.org








vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].