L'unità d'Italia è una beffa, che comincia con una bugia.
Due Sicilie
  Eleaml


io nun me scordo

“TACI  MONNEZZA!”: una voce dal nulla!

di Andrea Balìa

(se vuoi, puoi scaricare l'articolo in formato RTF o PDF)

Napoli, 3 Aprile 2008

Apprendiamo dalle pagine dei giornali l’ultimo incredibile episodio di razzismo e bullismo avvenuto nel trevigiano ai danni d’un bimbo di terza elementare napoletano iscritto (perché colà purtroppo residente) in una scuola di primo grado di cotanta civilissima città. 

La madre ha scoperto, leggendo il diario del figliolo, per quali ragioni il bimbo non mangiava più e aveva minacciato addirittura d’uccidersi (incredibile per la sua età!) se fosse stato ancora costretto ad andare in quella scuola. 

In effetti da tempo il ragazzino non aveva un normale rapporto con i suoi coetanei ed ogni volta che tentava di comunicare o dialogare era tacitato dai suoi compagni con la frase : “Taci monnezza!”. Il tutto nella totale sottovalutazione dei docenti e della presidenza.

Le parole non servono più. Servono i fatti. Questo è il risultato delle campagne mediatiche sull’immondizia propinate a tutto spiano. E’ la stessa cosa se un africano viene tacciato di avere l’AIDS solo perché quelle terre sono flagellate da questo male. 

Ebbene sì, abbiamo la “monnezza” e figuratevi se ciò può starci bene, ma insieme a quella abbiamo qualcosa, siamo qualcosa, lo siamo stati e prima o poi lo saremo ancora. Invece questi candidi esempi umanitari arrivano dalla città e dalla provincia del sindaco sceriffo e leghista Gentilini, quello che si fa fotografare con le pistole e vuol fare sugli immigrati “pum, pum come sui leprotti!” (testuali sue parole!).

Ma, purtroppo per Gentilini e la sua gente, innanzitutto gli immigrati meridionali ed extracomunitari devono tenerseli, altrimenti col cavolo le mandano avanti le loro belle fabbriche dai fatturati gonfi di nero con cui hanno creato il miracolo del nord/est! E poi, come dicevamo prima, noi meridionali abbiamo la monnezza, c’è il degrado, la malavita, e chi lo nega! Ma abbiamo anche una storia di sette secoli di regni, autonomie, primati, cultura, una sensibilità ed una creatività che se la sognano, ed ancora oggi le menti migliori arrivano dal Sud e sono del Sud! Insomma nel male nel bene noi siamo qualcosa. 

Mi perdonino gli abitanti di Treviso e provincia, ma Treviso e periferia cosa è? Cosa sono? Cosa sono stati? Il nulla! Secoli di grigiore! Secoli di niente! 

La loro storia più famosa per cui li si ricorda prima dell’unità e fino ancora agli anni 60 del secolo da poco finito, è una storia di cameriere in giro per il belpaese ed anche al Sud! Intelligenze distintesi sempre per una vivacità limitata. 

Ricordo ancora che pochi anni fa, quando m’interessavo per lavoro della direzione commerciale di un’azienda, ero costretto almeno un paio di volte l’anno a recarmi in quelle terre. Mi dicevano : “ah Lei è napoletano! E come si sta giù da voi in Puglia?”. 

Credetemi non è una storiella; è la verità! Stupidi, ignoranti, e con un tasso di scolarizzazione tra i più bassi, nonostante le truffaldine ricchezze accumulate negli ultimi anni. Sono cattivo? Sono un razzista all’incontrario?

Potrei rispondervi con una frase micidiale del nostro comico Giobbe Covatta : “non sono io razzista! Sono loro che non sono napoletani!”.

Il nulla, credetemi, il nulla...









 

Per comunicare con Nicola Zitara potete inviare un messaggio breve anche senza dover indicare il vostro indirizzo di posta elettronica:



Se volete inviare una email a Nicola Zitara:

Email per Nicola Zitara - Yahoo


Se, invece, volete inviare una email a Nicola Zitara usando il nostro indirizzo:

Email per Nicola Zitara - Eleaml


Buona navigazione e tornate a trovarci.




Creative Commons License
FORA... by Nicola Zitara is licensed under a Creative Commons
Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia
.
Based on a work at www.eleaml.org.


You may copy pages from this site on the following conditions:
  • The article must be published in its entirety without any modification.
  • This is how the link should then look...
  • Article authored by Nicola Zitara and first published on “Fora” – eleaml.org








vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].