L'unità d'Italia è una beffa, che comincia con una bugia.
Due Sicilie
Eleaml


io nun me scordo

“Il falso plebiscito”


Napoli, 10 Febbraio 2007

I piemontesi, non contenti d’aver annesso il Regno delle Due Sicilie, e d’averlo fatto con una guerra d’invasione illegale e priva d’alcuna regolare dichiarazione, vollero che la loro conquista fosse avallata da una votazione ufficiale. Insomma un plebiscito che sancisse la loro vittoria e desse una facciata istituzionale e legale al loro operato.

Fu scelta la grande e rappresentativa piazza antistante Palazzo Reale e che era denominata “Largo di Palazzo”, nome che poi fu cambiato appunto in “Piazza del Plebiscito” e che amaramente è a tutt’oggi in essere.

Il popolo fu intimidito nei giorni precedenti alle votazioni con l’affissione di manifesti in tutta Napoli, in cui veniva dichiarato “nemico della patria” chi pensava d’esimersi d’andare a votare o “chi (e qui siamo già alla farsa coercitiva) pensava di votare no!“.

Fu montato un palco con due grandi urne: una col SI ed una col NO. La mafia aveva già dato il suo contributo in Sicilia allo sbarco dei Mille che erano nel frattempo diventati circa 15 mila picciotti, e del resto solo qualche anno fa Riina ha dichiarato (vantandosene) che i suoi avi avevano favorito l’ingresso di Garibaldi.

La camorra non fu da meno: Liborio Romano (ultimo ministro di polizia borbonico) aveva nel frattempo tradito ed era passato con i Savoia facendosi dare l’incarico di Prefetto di Polizia e Primo Ministro dell’Interno del nuovo governo in stanza a Napoli.

Egli già da qualche mese aveva preso contatti con il capo della camorra Salvatore De Crescenzo detto “Tore ‘e Crescienzo”; in cambio della liberazione dei suoi uomini garantì il sostegno al nuovo governo ed il controllo sulle votazioni. In pratica null’altro che “il primo esempio di collusione tra malavita (mafia e camorra) e politica”; le due organizzazioni malavitose erano sì presenti anche prima, ma erano tali e di dimensioni ridotte, mentre con l’unità d’Italia facevano il loro salto di qualità.

Erano ai lati delle urne, e armati di tutto punto, intimidivano con minacce verbali e fisiche i votanti, invitandoli “a votar bene”. Ai contadini analfabeti fu fatto credere che votare SI voleva dire approvare il ritorno di Francesco II°, cioè un campionario di abusi, violenze ed illegalità semplicemente mostruoso.

Arrivarono ad uccidere all’istante vicino alle urne un contadino che gridò: Viva Francesco! Innanzitutto votarono per primi i camorristi, i garibaldini ed i soldati piemontesi e impropriamente alcuni stranieri e, poiché furono istituiti altri undici seggi in Napoli, ripetettero il loro voto dovunque e più volte. Ovviamente non fu concesso di votare ai 40.000 soldati di Francesco II°!

I votanti furono appena il 19% dei designati a farlo ed i risultati finali furono: 1.032.064 SI e 10.302 NO. Durante le elezioni, come ci racconta Giacinto De’ Sivo, “camorristi e baldracche, con coltelli, stocchi, pistole e fucili, correan le vie gridando: Italia, Vittorio e Garibaldi!”.

Lo scrittore Marcello D’Orta (l’autore di: “Io..speriamo che me la cavo”) a proposito di quanto sopra ha dichiarato: “Il nome Piazza del Plebiscito andrebbe, per rispetto ai Napoletani, modificato in Piazza presi per il sedere.








___________________________________________________________________________________

Se avete commenti da fare agli interventi della Rubrica Napoletana oppure dei suggerimenti da dare ad Andrea Balìa potete inviare un messaggio breve anche senza indicare il vostro indirizzo di posta elettronica:



Buona navigazione e tornate a trovarci.




Per comunicare con Nicola Zitara potete inviare un messaggio breve anche senza dover indicare il vostro indirizzo di posta elettronica:



Se volete inviare una email a Nicola Zitara:

Email per Nicola Zitara - Yahoo


Se, invece, volete inviare una email a Nicola Zitara usando il nostro indirizzo:


Email per Nicola Zitara - Eleaml


Buona navigazione e tornate a trovarci.


___________________________________________________________________________________



Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].