L'unit� d'Italia � una beffa, che comincia con una bugia.
Due Sicilie
  Eleaml


4 Novembre, giorno dell'ingratitudine

di Nicola Zitara

Siderno, 4 Novembre 2007

(se vuoi, scarica il testo in formato ODT o PDF)



Ci mettiamo sul retro dell'Altare della patria e celebriamo anche noi il 4 Novembre. Non lo celebriamo come la data della Vittoria, ma come data dell'INGRATITUDINE.

A stare a quel che è avvenuto negli ultimi sessant'anni, è difficile sostenere che Trento e Trieste volessero essere LIBERATE. La Repubblica italiana le ha tenute legate a sé a suon di migliaia di miliardi di lire e le continua a tenere legate a sé a suon di miliardi di euro. I contadini meridionali caduti per liberarle forse non meritano la riconoscenza dei trentini e dei triestini, però la meritano sicuramente dai milanesi e dai torinesi che inalberarono la rivendicazione delle "terre irredente" per fabbricare armi e munizioni e venderle allo Stato con colossali guadagni.

Appartengo alla generazione dei figli dei superstiti di quella guerra. Per i nonni, per i padri e per i figli, la guerra, il dolore, il lutto, i patimenti, l'alienazione dell'umanità cristiana erano un ricordo, una rievocazione quotidiana.

Il Sud non c'entrava, non sapeva nulla di Trento e Trieste. Aveva ben diversi interessi. Fu ingannato dalla retorica patriottarda, violentato dalla forza dello Stato. Però dette il maggior contributo di sangue. Fu a opera dei fanti meridionali che lo Stato italiano vinse l'unica guerra della sua pesante storia  di sconfitte militari in terra e in mare.

Sarebbe giusto e doveroso che il presidente della Repubblica celebrasse la ricorrenza a Cagliari o a Catanzaro. Sfilano invece gli alpini, fra cui quelli delle Alpi orientali i cui nonni combatterono valorosamente per l'Austria e Francesco Giuseppe, contro i contadini meridionali.    

L'etica dell'Italia è interamente descritta da questo falso. 





Tutti gli indirizzi di questo riquadro sono stati disattivati.


Per comunicare con Nicola Zitara potete inviare un messaggio breve anche senza dover indicare il vostro indirizzo di posta elettronica:


Se volete inviare una email a Nicola Zitara:

Email per Nicola Zitara - Yahoo


Se, invece, volete inviare una email a Nicola Zitara usando il nostro indirizzo:

Email per Nicola Zitara - Eleaml


Buona navigazione e tornate a trovarci.









You may copy pages from this site on the following conditions:
  • The article must be published in its entirety without any modification.
  • This is how the link should then look...
  • Article authored by Nicola Zitara and first published on “Fora” – eleaml.org







vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].