Eleaml



FONDAZIONE PIAZZOLLA
IL CANTICO NATALIZIO
Quanno nascette ninno
di
S. Alfonso Maria de Liguori
a cura di
Giuseppe Centore


Vogliamo segnalare sia agli esperti sia a quanti amano la Musica un interessante e rigoroso studio edito dalla Fondazione Piazzolla in Roma.

Il testo, scritto dal sacerdote Giuseppe Centore, già autore di un dotto commento alla poesia di Karol Wojtyla, non è destinato alle librerie, ma, secondo noi, merita di essere conosciuto anche al di fuori della ristretta schiera degli specialisti.

Per questo abbiamo deciso di scrivere due righe su questa pubblicazione di cui siamo venuti a conoscenza in quanto ci è stata donata una copia del libro, copia che abbiamo letto con grande attenzione.

Noi siamo perfettamente d'accordo con l'autore quando ritiene che il Cantico della Natività non può essere ridotto a un "mero espediente" (parole nostre) per far passare degli assunti teologici. Così come hanno cercato di sostenere - e qualcuno continua a farlo - schiere di studiosi.

Le "ventisei sestine dell'estasiante 'Inno a Gesù Bambino' dall'incipit QUANNO NASCETTE NINNO" (parole del Centore, cfr. pag. 37) sono ben altro.

Secondo noi il Cantico costituisce un felicissimo momento creativo di S. Alfonso Maria de Liguori, il testo poetico rientra nella migliore tradizione della letteratura napoletana colta e accostarlo - come fa Centore - al Cantico dei Cantici non è affatto una trovata peregrina.

Se ci possiamo permettere - modestamente, rispetto alla trattazione dotta del libro citato - un commento finale, è questo: dal Cantico natalizio di S. Alfonso emerge una immagine del Cristianesimo estremamente solare.

Mino Errico - 2000
 

Il testo in nostro possesso è stato confrontato con quello utilizzato
da Giuseppe Centore
nel libro pubblicato dalla
FONDAZIONE PIAZZOLLA.

QUANNO NASCETTE NINNO
S.Alfonso Maria de’ Liguori
(Napoli 1696 - Pagani 1787)
 
Quanno nascette Nínno a Bettlemme
Era nott' e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle - lustre e belle
Se vedetteno accossì:
E a cchíù lucente
Jett'a chíammà li Magge all'Uríente.
 
De pressa se scetajeno l'aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe 'nsi agrille - co li strílle,
E zombanno a ccà e a llà;
E' nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc'à críato.
 
Co tutto ch'era víerno, Nínno bello,
Nascetteno a míglíara rose e scíure.
Pe 'nsì o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto - sott'a Te,
Se 'nfíglíulette,
E de frunnelle e scíure se vestette.
 
A no paese che se chíamma Ngadde,
Sciurettero le bígne e ascette l'uva.
Nínno mio sapurítíello,
Rappusciello - d'uva -sì Tu;
Ca tutt'amore
Faje doce a vocca, e po mbríache o core.
 
Non c'erano nemmice pe la terra,
La pecora pasceva co líone;
Co o caprette - se vedette
O líupardo pazzeà;
L'urzo e o vitíello
E co lo lupo 'npace o pecoriello.
    
Se rrevotaje nsomma tutt'o Munno,
Lu cielo, a terra, o mare, e tutt'í gente.
Chi dormeva - se senteva
Mpíett'o core pazzeà
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.
    
Guardavano le ppecore i Pasturí,
E n'Angelo sbrannente cchíù do sole
Comparette - e le dicette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.
 
A buie è nato ogge a Bettlemme
D'o Munno l'aspettato Sarvatore.
Dínt'í panni o trovarríte,
Nu potíte - maje sgarrà,
Arravuglíato,
E dínto a lo Presebío curcato.
 
A meliune l'Angíule calare
Co chiste se mettetten' a cantare:
Gloria a Dio, pace'n terra,
Nu cchíù guerra - è nato già
Lo Rre d'amore,
Che dà príezza e pace a ogni core.
    
Sbatteva o core mpíetto a ssí Pasture;
E l'uno 'nfaccía all'auto diceva:
Che tardammo? - Príesto, jammo,
Ca mme sento scevolì
Pe lo golio
Che tengo de vedè sso Nínno Dio.
 
Zombanno, comm'a cíereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno María
Co Gíuseppe e a Gioia mia;
E 'n chíllo Viso
Provajeno no muorzo 'e Paravíso.
 
Restajeno ncantate e boccapierte
Pe tanto tíempo senza dì parola;
Po jettanno - lacremanno
Nu suspiro pe sfocà,
Da dint'o core
Cacciajeno a míglíara atte d'amore.
 
Co a scusa de donare li presíente
Se jetteno azzeccanno chíano chíano.
Nínno no li refiutaje,
L'azzettaje - comm'a ddì,
Ca lle mettette
Le Mmane ncapo e li benedícette.
    
Píglianno confedenzía a poco a poco,
Cercajeno lícenzía a la Mamma:
Se mangiajeno li Pedille
Coi vasílle - mprímmo, e po
Chelle Manelle,
All'urtemo lo Musso e i Mascarielle.
    
Po assieme se mettetteno a sonare
E a cantà cu l'Angiule e Maria,
Co na voce - accossì doce,
Che Gesù facette: a aa...
E po chíudette
Chíll'uocchie aggraziate e s'addormette.
 
La nonna che cantajeno mme pare
Ch'avette a esse chesta che mò dico.
Ma nfrattanto - io la canto,
Mmacenateve de stà
Co li Pasture
Vecíno a Nínno bello vuje pure.
 
"Viene suonno da lo Cielo,
Vien'e adduorme sso Nenníllo;
Pe pietà, ca è pecceríllo,
Viene suonno e non tardà.
 
Gioia bella de sto core,
Vorría suonno arreventare,
Doce, doce pe te fare
Ss'uocchíe bell'addormentà.
 
Ma si Tu p'esser'amato
Te si fatto Bammeníello,
Sulo amore è o sonnaríello
Che dormire te po fa.
 
Ment'è chesto può fa nonna,
Pe Te st'arma è arza e bona.
T'amo, t'a... Uh sta canzona
Già t'ha fatto addobeà!
T'amo Dio - Bello mio,
T'amo Gíoja, t'amo, t'a...
 
Cantanno po e sonanno li Pasture
Tornajeno a le mantre nata vota:
Ma che buò ca cchíù arrecíetto
Non trovajeno ínt'a lu píetto:
A o caro Bene
Facevan' ogni poco ò va e bíene.
 
Lo nfierno sulamente e i peccature
Ncoccíuse comm'a ísso e ostínate
Se mettetteno appaura,
Pecchè a scura - vonno stà
Li spurteglíune,
Fujenno da lo sole li bríccune.
 
Io pure songo niro peccatore,
Ma non boglío esse cuoccío e ostinato.
Io non boglío cchíù peccare,
Voglio amare - voglio stà
Co Nínno bello
Comme nce sta lo voje e l'aseníello.
 
Nennillo mio, Tu sì sole d'amore,
Faje luce e scarfe pure o peccatore
Quanno è tutto - níro e brutto
Comm'a pece, tanno cchíù
Lo tiene mente,
E o faje arreventà bello e sbrannente.
 
Ma Tu mme dícíarraje ca chiagníste,
Accíò chíagnesse pure o peccatore.
Aggío tuorto - haje fosse muorto
N'ora primmo de peccà!
Tu m'aje amato,
E io pe paga t'aggío maltrattato!
 
A buje, uocchíe míeje, doje fontane
Avríte a fa de lagreme chíagnenno
Pe llavare - pe scarfare
Li pedíllí di Gesù;
Chi sa pracato
Decesse: via, ca t'aggío perdonato.
 
Víato me si agqío sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
O Maria - Speranza mia,
Ment'io chíango, prega Tu:
Penza ca pure
Si fatta Mamma de li peccature.
La nostra non ha la presunzione di voler essere una traduzione, bensì un semplice aiuto alla comprensione (per questo manteniamo la costruzione della frase del testo originale).
Il termine Ninno (=il Bambino) non lo 'traduciamo'.

QUANNO NASCETTE NINNO
S.Alfonso Maria de’ Liguori
(Napoli 1696 - Pagani 1787)

Quando nacque Ninno a Betlemme
Era notte e pareva mezzo giorno.
Mai le Stelle - luccicanti e belle
Si videro così:
E la più lucente
andò a chíamàre i Magi ad Oríente.
 
Di prescia si  svegliarono gli uccelli
Cantando in una forma tutta nuova:
Pensa al grillo - con gli strílli,
E saltando di qua e di là;
E' nato, è nato,
Dicevano, il Dio, che ci ha creato.
 
Nonostante fosse inverno, Nínno bello,
Spuntarono a míglíara rose e fiori.
Come il fieno secco e tosto
Che fu posto - sotto di Te,
S'ingemmò,
E di fronde di fiori si vestì.
 
In un paese che si chíama Engaddi,
Fiorirono le vígne e spuntò l'uva.
Nínno mio saporítello,
Grappolino - d'uva -sei Tu;
Che tutto amore
Fai dolce la bocca, e poi ubríachi il cuore.
 
Non c'erano nemici per la terra,
La pecora pasceva col leone;
Con le caprette - si vide
Il leopardo giocare;
L'orso e il vitello
E con il lupo in pace l'agnellino.
    
Si rivoltò insomma tutto il Mondo,
Il cielo, la terra, il mare, e tutte le genti.
Chi dormiva - si sentiva
Nel petto il cuore saltare
Per l'allegrezza;
E si sognava pace e contentezza.
    
Guardavano le pecore i Pastorí,
E un Angelo splendente più del sole
Comparve - e disse loro:
Non vi spaventate no;
Contenti e riso
La terra è diventata Paradiso.
 
Per voi è nato oggi a Betlemme
Del Mondo l'atteso Salvatore.
Dentro í panni lo troverete,
Non potete - mai sbagliarvi,
Avvolto,
E dentro al Presepío adagiato.
 
A milioni gli Angeli calarono
Con questi si misero a cantare:
Gloria a Dio, pace in terra,
Non píù guerra - è nato già
Il Re d'amore,
Che dà allegrezza e pace a ogni cuore.
    
S-batteva il cuore in petto aí Pastori;
E l'uno all'altro diceva:
Chè tardiamo? - Presto, andiamo,
Ché me sento venir meno
Per il desiderio
Che ho di vedère il Nínno Dio.
 
Saltando, come cervi feriti,
Corsero i Pastori alla Capanna;
Là trovarono María
Con Gíuseppe e la Gioia mia;
E in quel Viso
Provarono un morso di Paradíso.
 
Rimasero incantati e a bocca aperta
Per tanto tempo senza dìre parola;
Poi fecero - lacrimando
Un sospiro per sfogarsi,
Dal [profondo del] cuore
Emisero a míglíaia atti d'amore.
 
Con la scusa di offrire doni
Iniziarono da accostarsi piano piano
Nínno non li rifiutò,
Li accettò - come a dire,
Che mise loro
Le Mani sul capo e li benedísse.
    
Pígliando confidenza a poco a poco,
Chiesero il permesso alla Mamma:
Si mangiarono i Piedini
Coi bacetti - prima, e poi
Quelle Manine,
All'ultimo il Musetto e le Guancine.
    
Poi  assieme si misero a suonare
E a cantare con l'Angelo e Maria,
Con una voce - così dolce,
Che Gesù fece: a aa...
E poi chíuse
Quegli occhi aggraziati  e s'addormentò.
 
La ninnananna che cantarono mi pare
Dovesse essere quella che ora dico.
Ma intanto - che io la canto,
Immaginatevi di stare
Coi Pastori
Vicíno a Nínno bello voi pure.
 
"Vieni sonno dal Cielo,
Vieni e addormenta questo Nenníllo;
Per pietà, ché è piccino,
Vieni sonno e non tardare.
 
Gioia bella di questo cuore,
Vorrei sonno diventare,
Dolce, dolce per farti
Quest'occhi belli addormentare.
 
Ma se Tu per esser amato
Ti sei fatto Bambinello,
Solo amore e il sonnaríello
Che dormire ti può far.
 
Mentre questo può far la nanna,
Per Te quest'anima è arsa e buona.
T'amo, t'a... Uh questa canzone
Già t'ha fatto assopire!
T'amo Dio - Bello mio,
T'amo Gíoia, t'amo, t'a...
 
Cantando poi e suonando i Pastori
Tornarono alle mandrie un'altra vota:
Ma cosa vuoi? Píù ríposo
Non trovarono nel petto:
Al caro Bene
Facevano ogni poco va e víeni.
 
L'inferno solamente e i peccatori
Testardi come esso e ostínati
Si misero paura,
Perchè nella tenebra - vogliono stare
I pipistrelli,
Fuggendo dal sole i brícconi.
 
Io pure sono nero peccatore,
Ma non voglío essere duro e ostinato.
Io non voglío píù peccare,
Voglio amare - voglio stare
Con Nínno bello
Come ci stanno il bue e l'asinello.
 
Nennillo mio, Tu sei sole d'amore,
Fai luce e scaldi pure il peccatore
Quando è tutto - nero e brutto
Come la pece, tanto più
Lo tieni a mente,
E lo fai diventare bello e splendente.
 
Ma Tu mi dirai che hai pianto,
Affinchè piangesse pure il peccatore.
Ho torto - ahi! fossi morto
un'ora prima di peccare!
Tu m'hai amato,
E io per paga t'ho maltrattato!
 
A voi, occhi miei, due fontane
Avrete da fare di lacrime piangendo
Per lavare - per scaldare
i piedini di Gesù;
Chissà che  placato
[non] Dica: via, che t'ho perdonato.
 
Beato me se ho questa fortuna!
Che mai posso più desiderare?
O Maria - Speranza mia,
Mentr'io piango, prega Tu:
Pensa che pure
Sei fatta Mamma dei peccatori.


NCCP - Quanno Nascette Ninno

Quanno nascette ninno - Pina Cipriani 1977

Quanno nascette ninno - Piccolo Coro dell' Antoniano












vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.