Eleaml


Fonte:
http://www.editorialeilgiglio.it/

L’Inno delle Due Sicilie


Paisiello
"Iddio conservi il  Re per lunga e lunga età

come nel cor ci sta

viva Fernando il  Re

Iddio lo serbi al duplice

trono dei Padri suoi

Iddio lo serbi a noi

viva Fernando il  Re"

Il testo citato è tratto da una partitura datata tra il 1835 ed il 1840, destinata alla principessa Eleonora Galletti di Palazzolo, moglie del diplomatico Folco Ruffo di Calabria, ambasciatore napoletano a Torino.


La partitura prevede l’esecuzione con due parti di canto: soprano e basso.


Gli strumenti sono: flauti, clarinetti in do, oboi, corni in fa, trombe in do, fagotto e serpentone (antico strumento simile ad una canna d’organo).


Più volte è stato sollevato il problema del testo dell’Inno del Re, di Giovanni Paisiello.

Secondo diverse fonti l’Inno non aveva precisamente un testo e le sue parole vennero modificate in più occasioni.


La versione che riportiamo, trovata  nel 1996 da Roberto de Simone in una libreria antiquaria, acquistata dal collezionista Claudio Lamberti e donata alla Biblioteca del Conservatorio di San Pietro a Majella, doveva, tuttavia, essere quella utilizzata in occasioni ufficiali. L’ambasciatore Folco Ruffo di Calabria, in occasione dei suoi viaggi all’estero, probabilmente la consegnava insieme alla musica, per l’esecuzione.


Il testo della parte corale si riferisce al tempo in cui si distinguevano i Regni di Napoli e di Sicilia, quando Ferdinando I era IV Re di Napoli e III di Sicilia.


L’espressione “Iddio lo serbi al duplice trono dei Padri suoi” fa intendere che l’Inno fu composto prima del 1799. Ferdinando, infatti, rientrato a Napoli dopo l’occupazione francese, modificò per sé e per i discendenti il titolo in Re delle Due Sicilie.


Il Principe Folco Ruffo di Palazzolo, nato a Napoli l’11 giugno 1801, fu ambasciatore dei Borbone a Torino ed in Svizzera. Morì il 17 aprile 1848.


La partitura ritrovata faceva parte di un fondo di spartiti appartenuti alla famiglia. La sua provenienza è attestata dalla dicitura Palazzolo scritta a penna sulla copertina.



____________________________________________________________________________________


Scarica lo spartito

spartito_inno_naz_2sicilie
Lo spartito
dell’Inno
del Re
per banda


Quando lo hai scaricato e scompattato,
il file mp3 - se hai una porta IRDA -
puoi trasferirlo dal computer al tuo cellulqare.

Se non hai winzip, puoi utilizzare
l'ottimo 7zip, uno scompattatore open source.


7-Zip is a file archiver with the high compression ratio. The program supports 7z, ZIP, CAB, RAR, ARJ, LZH, CHM, GZIP, BZIP2, Z, TAR, CPIO, RPM and DEB formats. Compression ratio in the new 7z format is 30-50% better than ratio in ZIP format.

Scarica l'Inno

zip-mp3


____________________________________________________________________________________


paisiello

Ritratto dal Libretto dei Giuochi
di Agrigento - Venezia, Archivio storico
del Teattro la Fenice




paisiello

Litofrafia di Vicenzo Roscioni - Taranto, Biblioteca Civica P. Acclavio


Fonte:
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Giovanni Paisiello

Giovanni Paisiello o Paesieixo (Taranto, 9 maggio 1740 - Napoli, 5 giugno 1816) fu un compositore italiano del periodo classico.

Nella città di Taranto frequentò il liceo dai Gesuiti ma la bellezza della sua voce attirò talmente l'attenzione che nel 1754 venne inviato a studiare al conservatorio di Sant'Onofrio a Napoli, dove studiò sotto la supervisione di Francesco Durante, divenendo a tempo debito assistente maestro.

Per il teatro del conservatorio, che lasciò nel 1763, scrisse alcuni intermezzi, uno dei quali attrasse così tanto l'interesse dell'opinione pubblica che fu invitato a scrivere due opere, La Pupilla e Il Mondo a Rovescio, per la città di Bologna, e una terza, Il Marchese di Tidipano, per Roma.

Essendo la sua fama oramai stabile, si trasferì per qualche anno nel capoluogo campano, dove - nonostante la popolarità di Nicola Piccinni, Domenico Cimarosa e Pietro Guglielmi, dei cui trionfi si dice fosse amaramente geloso - produsse una serie di opere altamente di successo, una delle quali, L'Idolo Cinese, provocò grande scalpore presso il pubblico napoletano.

Nel 1772 Paisiello iniziò a dedicarsi alla musica sacra, componendo un requiem per Gennara Borbone. Lo stesso anno si sposò con Cecilia Paolini, e il matrimonio fu felice. Nel 1766 venne invitato dalla zarina Caterina II di Russia nella neonata San Pietroburgo, dove rimase 8 anni, producendo, tra le altre opere, il suo capolavoro, Il Barbiere di Siviglia, che raggiunse subito una fama di livello europeo. Il destino di quest'opera segna un'epoca nella storia dell'arte italiana: con essa morì la gentile soavità coltivata dai maestri del XVIII secolo, lasciando spazio all'abbagliante splendore del periodo successivo.

Quando, nel 1816, Gioacchino Rossini mise lo stesso libretto in musica, con il titolo Almaviva, venne fischiato in palcoscenico; ciò nonostante, con il titolo modificato, Il Barbiere è oggigiorno riconosciuto come il più grande lavoro di Rossini, mentre l'opera di Paisiello è stata consegnata all'oblio: uno strano esempio di vendetta poetica postuma, dal momento che Paisiello stesso aveva molti anni prima tentato di eclissare la fama di Pergolesi, rimusicando il libretto del suo famoso intermezzo, La Serva Padrona.

Paisiello abbandonò la Russia nel 1784, e, dopo aver prodotto Il Re Teodoro a Vienna, si mise al servizio di Ferdinando IV a Napoli, dove compose numerose tra le sue migliori opere, incluse Nina e La Molinara. Dopo molte vicissitudini, derivate da cambiamenti politici e dinastici, venne invitato a Parigi (1802) da Napoleone, il cui favore si era conquistato cinque anni prima con una marcia composta per il funerale del generale Hoche. Napoleone lo trattò munificamente, mentre crudelmente trascurava due compositori largamente più meritevoli, Luigi Cherubini e Etienne Méhul, verso i quali il nuovo favorito trasferì l'odio che aveva precedentemente riservato a Cimarosa, Guglielmi e Piccinni.

Paisiello dirigeva la musica di corte alle Tuileries con uno stipendio di 10 mila franchi, oltre a 4800 per vitto e alloggio, ma fallì completamente nei confronti del pubblico parigino, che accolse così freddamente la sua opera Proserpina che, nel 1803, egli richiese e con difficoltà ottenne il permesso di ritornare in Italia, con la scusa della cagionevole salute della moglie. Al suo arrivo a Napoli venne reinstallato nei suo precedenti compiti da Giuseppe Bonaparte e Gioacchino Murat, ma aveva sfruttato il suo genio oltre le proprie capacità, ed era ora incapace di accontentare le richieste di nuove idee che gli venivano fatte. Anche le sue aspettative erano precarie. Il potere della famiglia Bonaparte barcollava in discesa, e la fortuna del compositore con esso. La morte della moglie nel 1815 lo colpì duramente. La sua salute si guastò con rapidità, e la sua gelosia nei confronti della popolarità altrui era una fonte di preoccupazione continua.

Le opere di Paisiello (se ne conoscono 94) abbondano di melodie, la cui bellezza leggiadra è tuttora caldamente apprezzata. Forse la più conosciuta tra queste arie è "Nel cor più" dalla Molinara, immortalata anche nelle variazioni di Beethoven. La sua musica sacra fu molto voluminosa, comprendendo 8 messe, oltre a numerosi lavori minori: produsse anche 51 composizioni strumentali e svariati pezzi separati. Manoscritti delle partiture di molte sue opere vennero donate alla biblioteca del British Museum da Domenico Dragonetti.

La biblioteca dei Girolamini a Napoli possiede un'interessante raccolta di manoscritti che registrano le opinioni di Paisiello sui compositori a lui contemporanei, e ce lo mostrano come un critico spesso severo, soprattutto del lavoro di Pergolesi.

Opere


Il ciarlone (12.5.1764 Bologna)
I francesi brillanti (24.6.1764 Bologna)
Madama l'umorista, o Gli stravaganti (26.1.1765 Modena)
L'amore in ballo (carn.1765 Venezia SM)
I bagni d'Abano (spr.1765 Parma)
Demetrio (Lent.1765 Modena)
Il negligente (1765 Parma)
Le virtuose ridicole (1765 Parma)
Le nozze disturbate (carn.1766 Venezia SM)
Le finte contesse (2.1766 Roma V) [Il Marchese di Tulissano?]
La vedova di bel genio (spr.1766 Napoli N)
L'idolo cinese (spr.1767 Napoli N)
Lucio Papirio dittatore (sum.1767 Napoli SC)
Il furbo malaccorto (win.1767 Napoli N)
Le 'mbroglie de la Bajasse (1767 Napoli F)
Alceste in Ebuda, ovvero Olimpia (20.1.1768 Napoli SC)
Festa teatrale in musica (31.5.1768 Napoli PR) [Le nozze di Peleo e Tetide]
La luna abitata (sum.1768 Napoli N)
La finta maga per vendetta (aut?.1768 Napoli F)
L'osteria di Marechiaro (win.1768 Napoli F)
La serva fatta padrona (sum.1769 Napoli F) [rev. Le 'mbroglie de la Bajasse]
Don Chisciotte della Mancia (sum.1769 Napoli F)
L'arabo cortese (win.1769 Napoli N)
La Zelmira, o sia La marina del Granatello (sum.1770 Napoli N)
Le trame per amore (7.10.1770 Napoli N)
Annibale in Torino (16.1.1771 Torino TR)
La somiglianza de' nomi (spr.1771 Napoli N)
I scherzi d'amore e di fortuna (sum.1771 Napoli N)
Artaserse (26.12.1771 Modena)
Semiramide in villa (carn.1772 Roma Ca)
Motezuma (1.1772 Roma D)
La Dardanè (spr.1772 Napoli N)
Gli amante comici (aut.1772 Napoli N)
Don Anchise Campanone (1773 Venezia) [rev. Gli amante comici]
L'innocente fortunata (carn.1773 Venezia SM)
Sismano nel Mogol (carn.1773 Milano RD)
Il tamburo (spr.1773 Napoli N) [Il tamburo notturno]
Alessandro nell'Indie (26.12.1773 Modena)
Andromeda (carn.1774 Milano RD)
Il duello (spr.1774 Napoli N)
Il credulo deluso (aut.1774 Napoli N)
La frascatana (aut.1774 Venezia SS) [L'infante de Zamora]
Il divertimento dei numi (4.12.1774 Napoli PR)
Demofoonte (carn.1775 Venezia SB)
La discordia fortunata (carn.1775 Venezia SS) [L'avaro deluso]
L'amor ingegnoso, o sia La giovane scaltra (carn.1775 Padova)
Le astuzie amorose (spr.1775 Napoli N)
Socrate immaginario (aut.1775 Napoli N)
Il gran Cid (3.11.1775 Firenze P)
Le due contesse (3.1.1776 Roma V)
La disfatta di Dario (carn.1776 Roma A)
Dal finto il vero (spr.1776 Napoli N)
Nitteti (28.1.1777 St. Peterburg)
Lucinda e Armidoro (aut.1777 St. Peterburg)
Achille in Sciro (6.2.1778 St. Peterburg)
Lo sposo burlato (24.7.1778 St. Peterburg)
Gli astrologi immaginari (14.2.1779 St. Peterburg E) [Le philosophe imaginaire]
Il matrimonio inaspettato (1779 Kammenïy Ostrov) [La contadina di spirito]
La finta amante (5.6.1780 Mogilev) [Camiletta]
Alcide al bivio (6.12.1780 St. Peterburg E)
La serva padrona (10?.9.1781 Tsarskoye Selo)
Il duello comico (1782 Tsarskoye Selo) [rev. Il duello]
Il barbiere di Siviglia, ovvero La precauzione inutile (26.9.1782 St. Peterburg)
Il mondo della luna (1782 Kammenïy Ostrov)
Il re Teodoro in Venezia (23.8.1784 Wien B)
Antigono (12.10.1785 Napoli SC)
La grotta di Trofonio (12.1785 Napoli F)
Olimpiade (20.1.1786 Napoli SC)
Le gare generose (spr.1786 Napoli F) [Gli schiavi per amore; Le bon maître, ou L'esclave par amour]
Pirro (12.1.1787 Napoli SC)
Il barbiere di Siviglia, ovvero La precauzione inutile [rev] (1787 Napoli F)
La modista raggiratrice (aut.1787 Napoli F) [La scuffiara amante, o sia Il maestro di scuola napolitano; La scuffiara raggiratrice]
Giunone e Lucina (8.9.1787 Napoli SC)
Fedra (1.1.1788 Napoli SC)
L'amor contrastato (carn.1789 Napoli F) [L'amor contrastato o sia La molinarella]
Catone in Utica (5.2.1789 Napoli SC)
Nina, o sia La pazza per amore (25.6.1789 Caserta)
I zingari in fiera (21.11.1789 Napoli Fo)
Le vane gelosie (spr.[[1790] Napoli F)
Zenobia in Palmira (30.5.1790 Napoli SC)
La molinara (1790 Wien) [rev. L'amor contrastato]
Nina, o sia La pazza per amore [rev] (1790 Napoli F)
Ipermestra (6.1791 Padova)
La locanda (16.6.1791 London Pantheon) [La locanda di falcone; Lo stambo in Berlina]
I giuochi d'Agrigento (16.5.1792 Venezia F)
Il fanatico in Berlina (1792 Napoli F) [rev. La locanda]
Il ritorno d'Idomeneo (aut.1792 Perugia)
Elfrida (4.11.1792 Napoli SC) [Adevolto]
Elvira (12.1.1794 Napoli SC)
Didone abbandonata (4.11.1794 Napoli SC)
Nina, o sia La pazza per amore [rev 2] (1795 Napoli F)
Chi la dura la vince (9.6.1797 Milano S)
La Daunia felice (26.6.1797 Foggia)
Andromaca (4.11.1797 Napoli, Teatro San Carlo)
L'inganno felice (1798 Napoli Fo)
Proserpine (28.3.1803 Paris O)
Elisa (19.3.1807 Napoli SC) [+ Mayr]
I pittagorici (19.3.1808 Napoli SC)












Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.