Eleaml


Fonte:
DUE SICILIE - 3/2005

Ma cos'è questa Patria?

di Antonio Pagano

Dopo sessant'anni repubblicani di distruzione sistematica di ogni valore «nazionale», politico, culturale ed etnico, dopo l'abbattimento della sovranità e degli interessi economici e territoriali della repubblica italiana, il presidente e banchiere Carlo Azeglio Ciampi non perde occasione per far cantare l'inno di Mameli o per sventolare varie fogge di tricolore, persino quello a rombi della giacobina repubblica cispadana.


Non vuole accorgersi che questa Italia, americanizzata, banchierizzata, resa multirazziale, i valori della «patria» resi evanescenti, ha perduto anche il senso dell'onore. La perdita della sovranità per l'eurocentrismo, infatti, l'ha portata al servilismo e alla sudditanza di altre nazioni.

E si può dire che ha perso anche il senso del ridicolo.


Del resto che si può pretendere da questa Italia nata non per spinta naturale di un popolo unico, ma con una sanguinosa e vile aggressione militare da parte di uno Stato corrotto e fallimentare, il Piemonte, a danno degli altri popoli della penisola? Così si spiegano le incongruenze politiche e, soprattutto, la mancanza di onore che ha sempre contraddistinto le vicende di questa Italia nata nel 1861.


Ma cos'è questa Patria?


Chiariamo il significato di questa parola. Patria è il «bene comune» di un popolo, che, proprio per avere questo bene comune, può definirsi «popolo». Essa è la terra su cui il popolo ha sviluppato la sua civiltà, ha creato le proprie tradizioni e ha vissuto la continuità tra passato e futuro. Cose che tutte insieme sono necessarie perché un popolo esista. Un popolo senza patria non è un «popolo».


Sembra che in Italia esista veramente un unico popolo? Sembra che ci sia una patria comune per tutti noi «italiani»? Tra gli abitanti del Sud e quelli dei Nord non c'è mai stato nulla in comune per migliaia di anni, nemmeno nel lungo periodo dell'Impero romano. Diverse le origini, diversi i costumi e le tradizioni. Basta andare indietro con la storia per accorgersi che non è mai esistito un «popolo italiano», né una «patria italiana». 1 palestinesi o gli irakeni hanno oggi una patria, noi dei Sud no.


Noi del Sud una Patria ce l'avevamo da più di 2500 anni, ma i savoiardo﷓piemontesi ce l'hanno tolta subito dopo l'annessione al Piemonte. Incominciarono a distruggerci il senso d'identità e, quindi, i valori della «nostra» Patria per sostituirli con quelli savoiardo﷓piemontesi. Lo dissero gli stessi invasori dopo l'occupazione delle nostre terre: «L'Italia è fatta, ora bisogna fare gli italiani».


E dunque, perché questa Italia, che sfrutta ogni occasione per santificare questo «risorgimento», a rinnegare e nascondere i mali inferti a noi duosiciliani, a cancellare la nostra storia, a perseguire costantemente una politica coloniale nel nostro territorio, dovrebbe essere la nostra patria?


Fa forse parte della «nostra» storia Pietro Micca o il conte Biancamano? Ogni vicenda anteriore al 1861 è riferita al Piemonte come facente parte della storia «italiana»: che forse gli altri Stati preunitari non avevano la loro storia, eroi o tradizioni?


Iniziarono anche a criminalizzare il nostro passato, operazione non ancora ultimata, cercando sempre in ogni modo di creare dentro di noi veri e propri complessi di colpa e di inferiorità: Il Sud è camorra e mafia, il Sud succhia i soldi al Nord che lavora, ecc. ecc. Eppure dalle statistiche ufficiali e dalla storia risulta che i più grandi ladri e truffatori sono sempre stati nel Nord, ma su questo si sorvola con indifferenza. Questa continua azione di mistificazione è sotto gli occhi di tutti e solo chi non vuol vedere non se ne accorge.


Gli alti vertici dello Stato italiano non fanno che abboffarci di «risorgimento», ma questo «risorgimento», per come è nato, apportatore di stragi, di ladrocinii, di odio, è stato anche la principale fonte del fascismo, cioè dell'integralismo nazionalistico giacobino e totalitario. Ora i vertici italiani ipocritamente lo rinnegano, ma illogicamente non rinnegano il «risorgimento» che lo ha originato. Perché?


La risposta è abbastanza semplice: evidentemente nulla è cambiato da quel lontano 1861. Lo Stato non riesce, non potendo rinnegare se stesso, ad andare avanti nella Storia. t rimasto fermo a quella guerra di conquista: l'Italia è solo un Piemonte allargato.


Dopo aver perso tutto con le varie avventure militari, l'unica colonia rimasta è il Sud e, perciò, consapevolmente non riconosce che anche i «meridionali» sono «italiani». Con tutte le conseguenze che ciò comporta. Infatti lo Stato «italiano» ha fatto pochissimo o nulla per il Sud e vi continua a creare danni con scelte politiche che ne impediscono lo sviluppo.


Tutti i movimenti estremisti affermatisi in Italia sono sempre nati al Nord e, quindi, non sono un bene comune anche per noi del Sud. Come non è un bene comune il movimento della Lega Nord ﷓ Paludania, emblema di ipocrite e puerili spinte centrifughe e secessioniste, altro movimento del Nord, ancorato al Nord.


Questi del Nord, insomma, non stanno mai fermi. Non solo ci hanno invaso, rubato i nostri averi, ammazzata la nostra gente e annesso le nostre terre ai loro territori, ma ci hanno mandato, e ancora ci mandano (come in Irak), anche a morire come loro ascari nelle loro guerre mondiali e coloniali per le loro squallide ambizioni di conquista. Mai domi, imperterriti, continuano a parlarci ipocritamente di «unità» e di «patria».


Questo Nord è fonte di tutti i guai per tutti coloro che abitano in questa penisola. Usque tandeni ... ?

C'è ora da chiedersi perché noi del Sud siamo così coglioni.


La prima causa è che non riusciamo ad esprimere una classe politica «nostra», che guardi cioè al Sud come la «propria» terra e, quindi, diriga i suoi sforzi per il suo bene. Gli sforzi dei politici nostrani sono solo diretti a mantenere la loro poltrona, ragion per cui si guardano bene dal non inimicarsi g li interessi del Nord.


Nessuno di costoro, quando sono andati al governo ha mai fatto nulla per il Sud. Non è questione di destra o di sinistra, basta osservare che quando perdono voti al Sud, fanno apparire qualche specchietto delle allodole (come ora il Ministero per il Sud), salvo poi dimenticarsene quando le elezioni sono passate.


I politici, si dice, sono i camerieri dei banchieri. In effetti i veri poteri sono trasversali, non hanno colore politico. Gli schieramenti politici sono solo una suggestiva invenzione necessaria per confondere il popolo che, costretto a focalizzare il suo interesse sulle votazioni, non si accorge dei maneggi dei poteri forti.


D'altra parte, l'assoluta mancanza di idee della classe politica nostrana, quella che riesce ad arrampicarsi sulla greppia dello Stato, blocca anche la fantasia dei nostri giovani aspiranti politici che non sanno nemmeno quale sia il loro popolo!


Tutto ciò è una perversa spirale, una trappola, che fatalmente sta portando all'estinzione la nostra gente, quella cioè che si sente ancora duosiciliana.


E potrà anche accadere che la nostra millenaria civiltà venga ridotta, in futuro, a riempire solo libri di archeologia per studenti forse di incerta nazione.


Antonio Pagano



Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].