Eleaml



From: "Alessandro Romano" 
Subject: MSG 06 - 160 - La prima galleria ferroviaria
Date: Fri, 26 May 2006 15:04:45 +0200
Stemma Due Sicilie Rete di Informazione
delle Due Sicilie

La prima galleria ferroviaria

Siamo stati sempre convinti che l'elenco dei primati raggiunti dal Regno delle Due Sicilie non fosse completo.


Periodicamente emergono fatti e notizie sulla esplosiva vitalità di uno stato incredibilmente organizzato e proiettato verso un futuro sempre più di benessere e di equità sociale.


Pertanto, quello che ci invia il compatriota ed amico Giuseppe Ciuffreda da Foggia, non è altro che la conferma dell'enorme mole di notizie storiche che attendono ancora di essere recuperate, valutate e divulgate.


La notizia delle gallerie napolitane, in realtà, venne già data qualche anno fa dalla RAI in un programma scientifico dove, in modo assolutamente asettico, venivano descritte le tecniche di scavo, di puntellamento e di rivestimento utilizzate nell'800 dai "borboni" per la realizzazione dei tracciati ferroviari sotterranei.


E' da dire che anche se nel breve documentario ben se ne guardarono di mettere in evidenza l'importanza politica di quell'ennesima impresa tutta Meridionale, seppero tracciare fedelmente i motivi che ne resero necessaria la realizzazione: a) il nuovo sistema di trasporto su rotaia; b) la tormentata orografia del territorio meridionale.


Da quanto emerge, si evince chiaramente che la realizzazione anch'essa tutta meridionale dei ponti in ferro, unitamente a quella delle gallerie, in realtà facevano parte di un'organica "progettualità politica e sociale" a quei tempi, ed in alcuni casi anche oggi, fuori da ogni immaginazione.


Cap. Alessandro Romano




Ferrovie_Galleria.jpg


Fonte:

IL PRIMO TUNNEL FERROVIARIO 

del Regno delle Due Sicilie

La galleria dell'Orco, inaugurata il 31 maggio del 1858, fu il primo tunnel ferroviario del Regno delle Due Sicilie, ma andò in esercizio solo dopo la caduta dei Borboni, il 17 febbraio 1861, per collegare la linea ferroviaria Capua-Cancello-Sarno a Mercato San Severino, sulla vie delle Puglie; essa è situata in corrispondenza dell'omonimo passo dell'Orco, che mette in comunicazione la valle del Sarno con quella di Mercato S.S. (Campania-prov.Salerno), tra la collina di Torricchio, lato Nocera e la collina di S. Apollinare, dalla parte opposta.

La località ove è situato il tunnel è notoriamente storica, perchè, nel 216 A.C., permise al cartaginese Annibale, dopo la vittoria di Canne (2^ guerra punica), di guidare il proprio esercito attraverso la " Montagna Spaccata" o "Campanile dell'Orco" e irrompere verso la città fortificata di Nuceria.

Allo sbocco del tunnel, lato Nocera, si trovava la vecchia stazione di Codola.

La nuova stazione di Codola (1882) fu collegata con un raccordo di 5 Km. con Nocera Inferiore sulla linea Napoli-Salerno.

Nel giorno dell'inaugurazione la galleria fu rischiarata con 5000 lumicini per permettere agli invitati l'attraversamento dei 442,55 metri di lunghezza, mentre alcuni carri posti su un binario erano tirati a mano per l'intero percorso.








Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].