Eleaml


Ringraziamo Luca Esposito per averci autorizzato a pubblicare questo messaggio inviato alla Rete d'Informazione Due Sicilie di Alessandro Romano.

[email protected] - 6 marzo 2006
___________________________________________________________________________________

A proposito di Negri

Caro Alessandro,

                         ti invio una documentazione interessante: un elenco di  partigiani borbonici fucilati da Zettini, un "macellaio" piemontese, nel beneventano ed una piccola chicca riguardante Negri, l'altro macellaio piemontese che invece distrusse Pontelandolfo.

Questo elenco è l'unico trasmesso dal maggiore comandante Zettini al sottoprefetto di Cerreto:
  
Elenco degli individui passati per le armi per ordine del maggiore Zettini:
1)  Angelo Santangelo da Mercogliano, in Cerreto 16 settembre 1861;
2)  Domenico Giordano da Cerreto, in Cerreto, 21 settembre 1861;
3)  Pasquale Giordano da Cerreto, in Cerreto, 21 settembre 1861;
4)  Lorenzo Sasso da Casalduni, in Cerreto 22 settembre 1861;
5)  Zaccaria Sasso da Casalduni, in Cerreto 22 settembre 1861;
6)  Libero Rinaldi da Casalduni, in Cerreto 22 settembre 1861;
7)  Gabriele Forgione da Solopaca, in Cerreto 22 settembre 1861;
8)  Filippo Matteo da Faicchio, in Cerreto 21 settembre 1861;
9)  Giovanni Barbieri da Pontelandolfo, in Cerreto 24 settembre 1861;
10) Antonio Rinaldi da Pontelandolfo, in Cerreto 24 settembre 1861;
11) Donato Luciani da Pontelandolfo, in Cerreto 24 settembre 1861;
12) Gennaro Di Rubbo da Pontelandolfo, in Cerreto 25 settembre 1861;
13) Domenico Fusco da Pontelandolfo, in Cerreto 24 settembre 1861;
14) Alfonso Leone da Casalduni, in Cerreto 26 settembre 1861;
15) Nicola Romano da Casalduni, in Cerreto 26 settembre 1861;
16) Errico Giordano da Cerreto, in Cerreto 26 settembre 1861;
17) Vincenzo Longo da Pontelandolfo, in Cerreto 28 settembre 1861;
18) Angelo Sforza da Pontelandolfo, in Cerreto 28 settembre 1861;
19) Michelangelo Longo da Pontelandolfo, in Cerreto 28 settembre 1861;
20) Gregorio Perugini da Pontelandolfo, in Cerreto 28 settembre 1861;
21) Saverio Barbieri da Pontelandolfo, in Cerreto 28 settembre 1861;
22) Domenico Guerrero Mommo da Pontelandolfo, in Cerreto 28 settembre 1861;
23) Nicola Sforza da Pontelandolfo, in Cerreto 28 settembre 1861;
24) Filippo Lorenzo da S. Giuliano, in Cerreto 13 ottobre 1861;
25) Gennaro De Michele da Casalduni, in Casalduni 16 ottobre 1861;
26) Angelo Frangiosa da Casalduni, in Casalduni 16 ottobre 1861;
27) Nicola Mungiolo da Cautano, in Casalduni 16 ottobre 1861;
28) Sigismondo Cifaldi da Campolattaro, in Pontelandolfo 17 ottob. 1861;
29) Angelo Cifaldi da Campolattaro, in Pontelandolfo 17 ottob. 1861;
30) Simone Nardone da Campolattaro, in Pontelandolfo 17 ottob. 1861;
31) In Cusano il 13 settembre 1861 furono esentati 4 individui per ordine del maggiore Selva, cioè De Paolo alias Cardicchio di Cerreto e 3 di Pietraroia di cui si ignorano i nomi. (TOMMASELLI - DI CROSTA FRANCESCO di Cerreto - MICHELE TOMMASO di Gioia)

Il Negri aveva l'obbligo di inseguire quei briganti ma preferì prendersela con il paese innocuo e portare a termine più facile impresa. Dopo il saccheggio e l'incendio, fece bruciare i 25 cadaveri dinanzi alla cappella di S. Rocco per nascondere le sue perdite".


Ti posso assicurare che dopo aver letto queste note son trasalito. Vergogna, vergogna mille volte vergogna. Ci sono tanti giorni dedicati al ricordo di vari eccidi (sono farovevole a tutti poiche chiunque muore per la bestialità umana è da ricordare), ma il nostro no. A quando...


Distinti saluti


Luca Esposito



negri
Negri Pietro Eleonoro





Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].