Eleaml


Fonte:
http://www.euromedi.org/  3-05-2005

Lettera ai governatori

Ai governatori delle Regioni del Sud, convocati  da Basssolino presso Palazzo Santa Lucia, il comitato esecutivo della Fondazione Laboratorio Mediterraneo-Maison de la Méditerranée (Michele Capasso, Walter Schwimmer, Claudio Azzolini, John Esposito, Pedrag Matvejevic e Caterina Arcidiacono) hanno inviato il seguente documento-appello.


Signori presidenti,

                           quali responsabili di un’istituzione che da oltre un decennio si è distinta per la promozione del dialogo e dello sviluppo economico condiviso nello spazio euromediterraneo assegnando alle Regioni un ruolo di primo piano, desideriamo esporvi quanto segue. Nel 1997 la nostra Fondazione organizzò a Napoli il Secondo Forum Civile Euromed in collaborazione con le Regioni Campania, Calabria, Sardegna, Sicilia, Abruzzo, Marche, Lombardia, Piemonte, Lazio, Puglia, Catalogna, Languedoc-Roussillon, Andalucia, Algarve, e altre collettività locali euromediterranee.


I 2.248 partecipanti, tra i quali Capi di Stato e di Governo, Presidenti di Regione, Sindaci e rappresentanti di istituzioni internazionali — sottolinearono l’importante ruolo delle Regioni che si affacciano sul Mediterraneo per promuovere dialogo e sviluppo condiviso.


I partecipanti a quel Forum deliberarono di incaricare la nostra Fondazione di costituire una “Rete di reti” per promuovere il dialogo tra le società e le culture e lo sviluppo condiviso: dopo tre anni di lavoro e con il coinvolgimento di molteplici Regioni euromediterranee si è addivenuti alla costituzione di una rete di Regioni, Città, Collettività locali, Accademie, Istituti di Cultura e di ricerca e organismi della Società civile con sede a Napoli e in altri Paesi euromediterranei.


Particolare attenzione è stata rivolta nel nostro lavoro alle Regioni del Sud d’Italia nelle quali sono stati istituiti bureaux e sedi tematiche. Già nel giugno 2000, la Fondazione offrì a titolo non oneroso, al Ministero degli Affari Esteri e alle Regioni del Sud destinatarie dei Fondi strutturali, il proprio contributo elaborando studi di fattibilità per progetti di internazionalizzazione culturale ed economica riguardanti le citate Regioni e il Mediterraneo.


L’ipotesi fu quella di costituire una “Rete di centri di eccellenza” e coordinamento per l’area euromediterranea valorizzando le specifiche competenze di Regioni e collettività locali del Mezzogiorno d’Italia: la “Sicurezza alimentare” a Benevento; il “Turismo balneare” a Vico Equense; le “Medicine tradizionali” a Fisciano; le “Culture immateriali per ragazzi” a Giffoni Valle Piana; l’”Arte della Ceramica” a Cerreto Sannita; i “Luoghi di accoglienza delle religioni” a Pietrelcina; i “Siti ipogei” a Matera; le “Minoranze linguistiche” a Campobasso; la “Tradizione mitologica” a Bari; le “Migrazioni” a Lecce; le “Nuove povertà” a Cosenza; la “Siccità e desertificazione” a Porto Torres; le “Isole” a Lipari; la “Cultura alimentare” a Chieti e via dicendo.


Un’imponente “architettura di progetti in rete” che avrebbe potuto consentire l’uso di oltre 1 miliardo di euro disponibili sulle Misure destinate dai Fondi strutturali all’internazionalizzazione. Ben poco è stato fatto di tutto questo: i limiti della burocrazia europea si sono radicati a livello regionale e hanno agito in sinergia con l’impossibilità di coniugare diverse appartenenze politiche presenti nei Governi regionali della scorsa legislatura. Di qui l’assenza di un coordinamento tra le Regioni del Sud su questi temi. Ecco perché è importante il rilancio di questo coordinamento voluto da Bassolino, approfittando della comune appartenenza politica e, in molti casi, della personale amicizia tra i neo Presidenti.


La sfida non è solo a livello interregionale. Bisogna operare all’interno delle singole Regioni per ridurre il blocco della burocrazia: interessi contrapposti di assessorati e incompetenze di alcuni burocrati, di fatto hanno paralizzato le decisioni assunte a livello politico e inducono le intelligenze locali a desistere dall’impegno e a porsi al servizio di altri organismi.


Nel Mediterraneo sono attive da tempo consociazioni di Regioni, quali ad esempio la “Euroregione Pirenei-Mediterranea”, per sviluppare azioni congiunte nell’ambito del partenariato euro-mediterraneo.


Le Regioni del Mezzogiorno d’Italia non devono costituire un’ennesima entità amministrativa ma uno spazio aperto, capace di coinvolgere i Consigli e i Governi regionali per azioni di cooperazione economica, socio-culturale e scientifica avendo come “focus” i giovani e la comunicazione.


Organismi qualificati, quali ad esempio l’agenzia stampa Ansamed e la nostra Fondazione Laboratorio Mediterraneo-Maison de la Méditerranée (che da tempo hanno sottoscritto un protocollo permanente di cooperazione) possono affiancare le Regioni del Sud in questo difficile percorso a condizione che vengano riconosciute immediatamente le specifiche professionalità in una rinnovata mentalità e cultura politica basata sulla dimostrata competenza e qualità.


In mancanza, vi è il rischio di perdere strumenti di competenza apprezzati e richiesti da altre Regioni e Paesi euromediterranei. In questi giorni, in considerazione delle competenze maturate e della rappresentatività istituzionale riconosciuta alla Fondazione - anche quale Antenna europea e Capofila della Rete italiana della Fondazione Euro-mediterranea per il Dialogo tra le culture (nella quale, guarda caso, sono rappresentate Regioni quali il Friuli, il Trentino Alto Adige, la Lombardia, il Piemonte e nessuna del Mezzogiorno (Sic!) — stiamo producendo documenti di lavoro per altre Regioni del Mediterraneo Occidentale e del Medio Oriente per far fronte a problemi comuni quali: l’insularità, i problemi delle zone con scarsa o con troppa densità di popolazione, i quartieri in difficoltà nelle grandi aree urbane, le zone industriali in declino, l’insufficienza della rete dei trasporti, l’accoglienza degli immigrati, ecc.


Sarebbe un “non senso” dover lavorare nelle nostre sedi del Sud d’Italia mettendo a disposizione strumenti, esperienze maturate in oltre un decennio di attività e competenze per altri spazi regionali del Mediterraneo. Da queste considerazioni nasce l’appello a Voi Governatori del Sud dell’Italia a voler utilizzare tutti gli organismi presenti sul territorio, inclusa la nostra Fondazione, per raccogliere le sfide presenti su una scala regionale importante, qual è il Sud d’Italia, in cui spesso è difficile essere al passo con l’Europa allargata e con l’economia globalizzata.


Una prima sfida è l’organizzazione intorno a reti di trasporto moderne e a reti di energia e di comunicazioni che rispondano alle esigenze della popolazione.


Le Regioni del Sud devono giocare un ruolo più importante nel Partenariato euro-mediterraneo. Come affermato dal nostro Segretario Generale (già Segretario generale del Consiglio d’Europa) Walter Schwimmer l’8 gennaio 2005 in occasione del “Primo Concerto Euromediterraneo per il dialogo tra le culture”, le Regioni hanno una sfida da cogliere in uno spazio, quello euro-mediterraneo, in cui vi è non uno scontro tra culture, ma tra ignoranze.


Siamo convinti che Voi neo-Governatori dobbiate essere capaci di trasformare una sterile “identità dell’Essere” , da sempre associata all’ “Amore per il Potere”, in una indispensabile “identità del Fare”, da associare al “Potere dell’Amore”: per il dialogo, lo sviluppo condiviso, la giustizia sociale, i diritti umani e la pace. Con questo auspicio formuliamo gli auguri più cordiali di buon lavoro.


Walter Schwimmer,
segretario generale della Maison de la Méditerranée
Claudio Azzolini
responsabile dei rapporti istituzionali
Predrag Matvejevic
presidente del Comitato Scientifico Internazionale della Flm
John L. Esposito,
presidente del comitato Scientifico Esecutivo della Flm
Caterina Arcidiacono
vicepresidente della Flm
Michele Capasso
presidente della Flm
 
 
 



Torna su



Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.