Eleaml


25 giugno 2006

Zenone di Elea

RdS, 5 giugno 2006

Noi tifiamo, in padania moggiano. Si può sintetizzare così quello che siamo – o quello che non siamo, decidete voi, fa lo stesso – da quando il nostro marciare verso la modernità venne interrotto a suon di fucilate e tribunali speciali. Tanti anni fa.


E fino a quando non sceglieremo quella che viene definita dalla redazione del Movimento Sudistaontologica equidistanza dalle destre e dalle sinistre” meglio lasciar perdere la politica e darci all’ippica, magari vinciamo pure qualcosa alle corse.


Questo referendum prossimo venturo del 25 giugno 2006 sulla devolution (si tratta di un referendum confermativo, non c'è quorum, vince la maggioranza dei votanti) ne è e ne sarà la prova ulteriore caso mai ce ne fosse bisogno.


Il sud è stretto fra 

Nel primo caso non finirà lì, già i soliti tromboni politologi ed esperti costituzionalisti buttano le mani avanti dicendo che, però, si dovrà rimettere presto mano alla costituzione.


Nel secondo caso i padani ci piazzeranno – come ciliegina sulla torta – il federalismo fiscale e buonanotte ai suonatori. Chi ha avuto ha avuto chi ha dato ha dato scurdammoce o passato simmo 'e Napule paisà.


Noi tifiamo e loro moggiano. Noi votiamo e loro usano i nostri voti per mantenere saldo il proprio dominio. Su di noi!


Ricordo che un paio di anni fa – in una mailing list di appassionati di storia meridionale – esaltavo il senso di identità dei calabresi, un iscritto mi zittì dicendomi ma smettila, i più grandi tifosi juventini sono proprio i calabresi. Aveva ragione, è così.


In politica è lo stesso, anzi peggio. Visto che attraverso la politica si seleziona la classe politica che poi andrà a legiferare. Per la padania.


Finanche lo stesso meridionalismo è nato ed è stato utilizzato come strumento culturale di giustificazione dell’asservimento sociale ed economico. È stato - e lo è tuttora - il luogo privilegiato della lamentazione e della insipienza politica di noi meridionali d’Italia.


Ci viene in mente un caso esemplare, Giustino Fortunato (se ne potrebbero fare tanti, tra cui spicca il Villari, l’antesignano di tutti i meridionalisti, di cui abbiamo parlato altrove e non intendiamo tornarci sopra).


Riportiamo le parole di un grande, il Pedio:


A chi ha giovato la tesi fortunatiana delle due Italie? Chi aveva interesse a convincere le popolazioni meridionali che soltanto Giustino Fortunato aveva finalmente intuito quali fossero le cause del nostro male.


Tra la tesi nittiana secondo la quale lo Stato doveva restituire quanto era stato tolto dai governi della Destra al Mezzogiorno e la tesi fortunatiana che, non nella politica dei nostri governi, ma nella natura geofisica del territorio ravvisava la causa di tutti i nostri mali. i governi italiani hanno sempre accettato ed avvalorato la tesi fortunatiana delle due Italie. Non accettarla significava condannare la politica seguita dai nostri governi nei confronti del Mezzogiorno.


Cosa mai avrebbero potuto fare i nostri governi per un paese povero dove la natura geofisica del suo territorio rendeva impossibile tentare una profonda e radicale trasformazione della sua struttura economica?


Il tempo ha dato torto a Giustino Fortunato: è bastata una riforma, anche se non perfetta e mal gestita, a trasformare il paesaggio agrario nella nostra regione.


("I mensili del Consiglio regionale" di Basilicata, n. 12 /1987: Identità e specificità di una regione: la Basilicata". TOMMASO PEDIO, docente di Storia Moderna nella Università di Bari)

 

Noi ce ne convinciamo ogni giorno di più, usciremo fuori dal pantano del tifare padania – o toscopadania per dirla alla Zitara – solamente quando dilagherà il virus della “ontologica equidistanza dalle destre e dalle sinistre”. Altra via non c’è.



_________________________________________________________________________________

Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
_________________________________________________________________________________


http://www.cgil.it/nuovoportale/Documenti/RiformaCostituzionale/default.htm
http://italy.indymedia.org/news/2006/05/1078120.php
http://www.referendumcostituzionale.org/
http://www.leganord.org/eventi/esterni/2006/ReferendumDevoluzione/default.asp
http://www.sivotasi.it/
http://www.forza-italia.it/referendum2006/

Referendum 25-26 giugno 2006
Referendum costituzionale

Il 25 e 26 giugno 2006 i cittadini italiani sono chiamati a votare per confermare o respingere la riforma sulla II parte della Costituzione italiana.

È UN REFERENDUM COSTITUZIONALE
E' il referendum a cui sono chiamati i cittadini in caso di riforme sulla Costituzione.
L'art. 138 della Costituzione prevede la possibilità di richiedere il referendum dopo la seconda votazione, da parte delle Camere, di una legge di revisione costituzionale o di una legge costituzionale.  Una modifica della Costituzione è immediatamente promulgata, se in entrambe le Camere è stata raggiunta la maggioranza qualificata dei 2/3. Se invece, come nel caso della riforma del Titolo V, tale maggioranza non è stata raggiunta, la promulgazione viene "congelata" in attesa del responso degli elettori.
La richiesta di referendum può essere presentata da un quinto dei membri di una Camera, da cinquecentomila elettori o da cinque Consigli regionali entro tre mesi dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

NON C'È QUORUM
Il quorum strumentale (il numero di votanti) non è pregiudiziale alla validità del referendum, poichè questo tipo di procedimento, a differenza del referendum abrogativo, non è finalizzato al perfezionamento ed al bilanciamento delle scelte del legislatore, ma è uno strumento di garanzia delle minoranze. Come tale, ne verrebbe sminuito il valore se fosse richiesto un numero minimo di votanti. La legge costituzionale è confermata se i voti favorevoli superano quelli sfavorevoli.

SI VOTA
Domenica 25 giugno, si vota dalle 8.00 alle 22.00, mentre lunedì 26 giugno dalle 7.00 alle 15.00. Gli elettori presenti nei seggi all'orario di chiusura potranno comunque votare.

COME SI VOTA
All'elettore sarà consegnata una scheda.
Il voto si esprime tracciando un segno sul SI o sul NO.

INIZIO SCRUTINIO
Lo scrutinio delle schede, comprese quelle della circoscrizione estero, inizierà subito dopo la chiusura dei seggi (ore 15.00 di lunedì 26 giugno). Contemporaneamente a tutte le altre, verranno scrutinate anche le schede della Circoscrizione estero.







Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.