Eleaml


Ringraziamo Edoardo Vitale per averci autorizzato a pubblicare questo suo editoriale, il primo dalla scomparsa di Silvio Vitale, compianto fondatore e direttore della rivista "L'Alfiere".

Buona lettura e tornate a trovarci.

[email protected] - 4 giugno 2006
____________________________________________________________________________________

Fonte:
L'Alfiere - Gennaio 2006 - Editoriale

Le chiavi di casa

di Edoardo Vitale

L'Alfiere entra nel 46° anno di vita, il primo senza il suo fondatore. Quando la rivista ebbe vita, era del tutto egemone il pensiero secondo il quale gli uomini del Sud sono portatori di un pernicioso retaggio di secoli di arretratezza sociale ed economica e di sudditanza agli stranieri, da cui uomini del Nord di cuore ardito e mente illuminata avevano cercato di liberarli. Il mancato raggiungimento degli esiti sperati veniva imputato all'indole sostanzialmente asociale e retriva delle masse meridionali, legate a una visione della vita superata e dedite a usanze e riti pittoreschi, che il progresso avrebbe auspicabilmente relegato nella soffitta della storia.


Attualmente l'intellettuale, l'accademico di rado osano fare sfoggio di questo armamentario mentale. Certo, esso continua ad essere utilizzato da vastissimi settori dell'opinione pubblica italiana, talora incoraggiata dalle sommarie filippiche di un giornalismo tanto altezzoso quanto refrattario all'approfondimento e alla riflessione.


Tuttavia oggi, quando le nebbie della disinformazione, dell'ignoranza, dell'oblio accennano ad addensarsi, quasi sempre accorrono a dissiparle baldanzose raffiche di limpido scirocco.


Si va finalmente affermando l'esigenza di riconoscere, rivendicare e difendere i valori distintivi della nostra civiltà, l'identità del nostro popolo quale si è delineata, attraverso un processo storico ricco di apporti straordinari ed eterogenei, caratterizzati, diversamente da quanto accaduto nel resto d'Italia, sia dalla formazione di un'entità statuale unitaria cui facevano capo molteplici e vaste realtà territoriali, sia dal radicamento di un senso di appartenenza tuttora vivo.


E possiamo ormai stabilmente scorgere, in lontananza, ma reale e raggiungibile, la terra delle nostre origini, quella di cui mezzo secolo fa solo pochi osavano affermare l'esistenza, tacciati nel migliore dei casi di idealismo visionario.


Impariamo a riconoscere, magari per contrasto con l'onda grigia e penetrante dell'ininterrotto sconvolgimento mon-dialista, i grandi e piccoli segni di vitalità che la nostra antica cultura non cessa di dare. Impariamo ad aggrapparci alle salde colonne della nostra filosofia di vita, che i venti e i terremoti di cento stagioni turbolente non sono riusciti ad abbattere. Impariamo a individuare le dinamiche dei confronti e degli scontri fra civiltà, entro le quali si è collocata la presenza militante del nostro popolo nel corso di una storia plurimillenaria, che, come insegna Fernand Braudel, vede fronteggiarsi, nel mutare delle istituzioni, blocchi di forze a grandi linee inalterati, nonostante lo scorrere dei secoli.


Particolarmente feconda e illuminante, per la riscoperta della nostra identità nella storia, è stata la conoscenza, promossa dal fondatore di questa rivista, dell'opera di Francisco Elias de Tejada, lo storico spagnolo che ha posto nel giusto rilievo la naturale collocazione della nazione napoletana a fianco di quanti difendevano la Tradizione sotto l'egida dell'Imperium cattolico contro le spinte disgre-gatrici del mercantilismo imperialista, che trovava nell'eresia la propria giustificazione teorica.

Il suo pensiero ci ha aiutati a comprendere che la vulgata antimeridionale è figlia della leyenda negro diffusa ad arte dopo la sconfitta dell'Invincibile Armata; che il conflitto di concezioni del mondo con cui si è aperta l'età moderna è ben lungi dall'essere sopito; che riaffermare con orgoglio la nostra identità di uomini del Sud significa respingere l'associazione di idee fra il termine "europeo" e il termine "nordico" e rivendicare l'essenzialità della componente mediterranea nella costruzione dell'unità continentale.


Sono nitide direttrici di meditazione e approfondimento, seguendo le quali, con la massima disponibilità al leale confronto di idee e al contributo dialettico di amici e antagonisti, si possono schiudere nuovi orizzonti di consapevolezza, attualizzando le verità storiche disvelate per far sì che i funesti errori del passato non abbiano a ripetersi ed estendendo la nostra analisi al contesto internazionale, entro il quale, oggi ancor più di un tempo, le sorti della nostra Patria -come delle altre - si decidono.


La difesa della Tradizione, dinamicamente intesa, la quale più che mai si configura come difesa dell'Uomo e della Natura, non può prescindere da una visione globale delle forze che a tutti i livelli trasformano la nostra vita, e che spesso oscurano di inquietanti minacce il nostro futuro nello stesso tempo in cui indeboliscono o paralizzano la nostra capacità morale di farvi fronte.


La sfida cruciale che il tradizionalismo deve oggi affrontare è dunque ampia e impegnativa, ma inevitabile. E appassionante. Per questo non possiamo non accettarla, armati della forza tranquilla degli argomenti e della serena perseveranza di chi è in pace con la propria coscienza. Questa è la migliore via da seguire per rendere un buon servigio alle idee in cui si crede: solo l'adesione profonda, ottenuta attraverso un difficile itinerario personale, può generare effetti duraturi, non scalfibili dalle sirene del materialismo livellatore.


Perciò il passo de L'Alfiere non sarà esitante. Ora sappiamo di avere una "casa", e vogliamo riappropriarcene. Vogliamo liberarci dall'incubo concretatosi due secoli fa, che ci ha portato tre invasioni, la perdita dell'indipendenza, la distruzione progressiva delle nostre istituzioni, la spoliazione dei nostri beni, lo sterminio della nostra gente, l'annientamento della nostra economia, la piaga dell'emigrazione, il pregiudizio etnico e addirittura razziale, il trionfo delle associazioni mafiose, la perdita della nostra dignità e con essa, lentamente, la cancellazione della nostra identità di popolo.


Vogliamo che venga presto il giorno in cui gli uomini del Sud si riprenderanno le chiavi di casa, si riconosceranno nella luce della Tradizione, si riabbracceranno come fratelli ritrovati nel ricordo di quelli che hanno tenuto accesa la fiamma della riscossa.



Chi vuol sottoscrivere un abbonamento si rivolga direttamente a
Edoardo Vitale indirizzo email

L'Alfiere - Gennaio 2006 - Editoriale

L'ALFIERE
Gennaio 2006 - Anno XLII n° 1 fascicolo 42

SOMMARIO
Le chiavi di casa di Edoardo Vitale  1
"II sacco dell'orco"  2
1806: la guerra civile e il muro di ortiche di Ulderjco Nisticò  4
L'incredibile storia del napoletano Carlo Gentile e di suo figlio "pellerossa" di Armando De Simone   5
Andreas Hofer eroe della Tradizione di Francesco Maria Agnoli 7
La regina del Sud indomita e ribelle di Fulvio Izzo 11
I quadri direttivi di Pietrarsa "storica" di Giuseppe Pavone 17
Matteo Wade e l'assedio della fortezza di Civitella del Tronto di F.  Maurizio Di Giovine. 21
La vostra tomba è un'ara 24
In copertina: I Reggimento Dragoni Porta Stendardo e Trombetta in Gran Tenuta, Napoli 1854 
In retrocopertina: Carta geografica del Regno delle Due Sicilie, Napoli 1840




Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].