Eleaml


11.07.2009  FEDERAZIONE DUOSICILIANA

di Emilio Zangari

12 Luglio 2009
 

L'11 luglio, a Napoli, c’è stata la prima riunione nata da una proposta che voleva formare una federazione dei movimenti meridionalisti.

Nella stessa data, in altri posti, altre persone hanno cercato e cercheranno di formare un “partito del Sud”.

Sicuramente saranno più organizzati, avranno più risorse, avranno più esperienza e avranno chissà quante altre cose più di noi; ma io ieri ho visto persone che da anni portano avanti le ragioni del Sud; con impegno, onestà e mettendo a disposizione per una causa in cui credono tempo e denaro.

Adesso sembra che tutti si siano accorti che il Sud sta morendo. Sono contento che tutti dicano, "è ora di finirla”, ma mi permetto di dubitare, almeno un po’, della bontà di questa tardiva scelta.

Sono circa quaranta i movimenti e i partiti politici che da anni si battono per il Sud con sistemi e strategie diverse. Adesso qualcuno ha deciso di appropriarsi delle idee che tante persone da anni portano avanti.

A noi la scelta; lasciare che qualcuno si appropri del lavoro fatto da tutti noi fino ad adesso, oppure cercare di mettere insieme le forze per poter contare di più, nell'interesse supremo per la nostra martoriata Terra.

Qualsiasi trattativa, privi di una forza numerica (elettorale), è una trattativa perdente. Se pensiamo di trattare con chi da decenni vive di numeri andando singolarmente a parlare e contando più sulle amicizie che sui numeri siamo già perdenti.

La strada è quella di unirci, di mettere assieme le forze, avere insomma quei numeri che ci permetteranno di cominciare a mettere in pratica le nostre idee.

Ieri erano presenti 7 movimenti, tutti quelli che avevamo contattato, e se non abbiamo contattato gli altri è solo per nostra mancanza, e ci scusiamo, ma sicuramente per la prossima riunione, che si terrà a breve, cercheremo di invitare tutti;  ma di tanti movimenti e partiti ci mancano i contatti,   se qualcuno volesse intervenire  ce lo comunichi, abbiamo bisogno di tutti quelli che hanno a cuore le sorti dei territori Duosiciliani e della sua gente.

La presenza di 7 movimenti diversi è sicuramente stata una partenza positiva. Abbiamo incominciato qualcosa che potrà crescere  solo se continueremo, come successo ieri, a parlare delle cose che ci uniscono lasciando da parte le piccole, piccolissime cose che dovrebbero dividerci.

Se lo spirito sarà questo non importa se qualcun altro sarà più organizzato, con tante risorse o con più esperienza, perché insieme noi conteremo di più.


Zangari Emilio
CDS Lombardia
































vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].