Eleaml

Fonte:
http://www.comitatiduesicilie.org/

Pontelandolfo: Omunicoli senza spina dorsale

di Massimo Cuofano

 

Carissimo amico e compatriota Fiore Marro, ricordo con gioia e commozione l'incontro del 14 agosto, e aldilà dei giochi politici di chi, chiuso dietro i propri pregiudizi, ancora rinnega la verità della storia, volendo solamente leggere gli avvenimenti e i fatti con il proprio metro di giudizio, tante volte anche strumentalizzato dal proprio colore politico, possiamo essere sicuri che è stato solenne questo momento di memoria.

Non è il numero che conta, ma la qualità. Sappiamo bene che tutti quelli che hanno partecipato all'incontro, fossero quaranta, sessanta o cento, erano tutti profondamente ispirati da valori e ideali, aldilà della strumentalizzazione che certi uomini vogliono fare. Ogni momento era condotto dal cuore, dal sentimento, dalla volontà di fare della verità il bene supremo. E chi, per ovvi motivi di strumentalizzazione, vuol dire diversamente, è in cattiva fede. Ma stai certo che la gente pian piano capirà e si saprà dividere il vero dal falso. Intanto tra noi c'erano giovani, c'erano famiglie, c'erano bambini che cresceranno... il futuro non è per questi ciarlatani, che parlano delle cose senza conoscerle, ma degli onesti. Fanno ridere questi politicozzi di paese, che di monarchia o repubblica non ne sanno proprio nulla, anch'essi parte di questo grande varietà, di questa farsa, che si porta avanti dal 1860.

Figli della bugia risorgimentale, fautori di quel grande scempio culturale, spirituale e civile, che è stata la rivoluzione massonicoliberale del risorgimento. Distinguono il ruolo delle bandiere, ma non conoscono neppure la storia di quelle bandiere.

Cosa sanno del tricolore, nato dalla rivoluzione francese, e portato in Italia prima dai giacobini francesi e poi dalla massoneria? E conoscono la storia della bandiera del Regno delle Due Sicilie, che non è borbonica, ma l'insieme della storia del sud?

In quella bandiera si conservono 750 anni di storia meridionale.,... ma questi somari vestiti da amministratori, e che purtroppo hanno la cultura dei buoi, e che hanno studiato la storia imposta dal sistema, senza mai chiedersi o cercare quale fosse la verità, non conoscono nulla della storia.

Non sanno della Magna Grecia, e neppure di tutte le dinastie che si sono succedute lungo il corso degli anni, ma che sono state sempre segnate dalla continuità. In quella Bandiera si conserva la nascita del più antico regno della penisola Italica, si conserva la memoria dei normanni, degli angioini, degli svevi, degli aragonesi, del periodo spagnolo e infine dei borbone e di tutte le categorie militari e sociali e religiose del sud. Tutto napoletanamente autentico.

La nostra è stata sempre una Nazione libera e regnata da sovrani napoletani o siciliani... non come i piemontesi, sempre sotto il dominio culturale e feudale della Francia, o come i lombardo veneti, sotto il dominio dell'Austria.

Quella bandiera non appartiene ad una dinastia, ma al popolo meridionale, e per quella bandiera, volontariamente e senza imposizione, sono morti migliaia di patrioti e semplici civili della nostra terra, compreso i pontelandolfolesi.

Non possiamo dire così dei poveri giovani meridionali, mandati a morire senza motivo sul piave, oppure in Etiopia, in Libia, in Albania e in Grecia, o in Russia, e senza conoscere per quale patria combattevano.

Anche noi crediamo e siamo cittadini di questa Repubblica, ma è ora che la Repubblica riconosca i torti della storia passata e renda giustizia alla Verità. Andiamo avanti e senza paura. Io credo fermamente che il futuro sarà ricco di sorprese... e questi politici che credono di avere le chiavi della verità, sono forse certi di essere ancora sulla poltrona tra due anni?

Io voglio sperare che aprano gli occhi, e sappiano indirizzarsi alla verità... prima che sia il popolo stesso a mettere sulla piazza le loro bugie. Ho inserito sul mio blog un post sulla giornata del ricordo di Pontelandolfo e ho fatto un vdeo con le foto che ho scattato.... inoltre c'è una mia poesia scritta la sera del 14, proprio per quelal circostanza. Saluti a te, caro amico, e a tutti i tuoi collaboratori.

Con coraggio andiamo avanti, e guardiamo in alto, senza troppo soffermarci a guardare questi omuncoli senza spina dorsale. A presto.

Massimo Cuofano

comitati2sicilie






vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del Webm@ster.