Eleaml


Riceviamo da Nino Gernone commento ed articolo tratto da "il manifesto".

30 maggio 2005 - [email protected]

___________________________________________________________________________________

Non è nostra abitudine introdurre un articolo che segnaliamo ai conterranei e ai siti del nostro Sud. Eppure, questa volta, qualcosa va detto.

E' vero bisogna dire BASTA! dal basso al dittatore massmediatico che con i suoi alleati malgoverna il tricolore; occorre come si indica nell'articolo di Pardi dire anche BASTA! alle lotte di potere della coalizione di centrosinistra che si oppone a jena ridens e complici.

Ma a noi del Sud - forti della consapevolezza che si afferma ogni giorno di essere colonia di una Nazione Padrona con buona pace dei nazionalisti e di chi rende omaggio alla memoria dei dittatori della conquista del Sud - questo Basta! non soddisfa per niente.

Noi vogliamo che in tutte le periferie, i quartieri, i paesi, le città della Macroregione Duosiciliana, in tutti gli abruzzesi, calabresi, campani, lucani, molisani, pugliesi, siciliani (e anche i sud della Sardegna e del Lazio e di tutti i subalterni) nascano nuove energie, si diffondano nuovi movimenti dal basso che abbiano una dignità dei loro luoghi e della loro gente. Vogliamo che tutti i nostri conterranei si abituino a consumare la produzione locale per creare nuovi posti di lavoro per i nostri disoccupati, vogliamo che ci siano nuovi movimenti che non siano  civetta delle segreterie e degli apparati dei partiti nazionali, pronti a vendersi ora a queste ora a quelle e che lasciano insoluti i problemi sociali, infrastrutturali, culturali del Sud. Vogliamo che questi movimenti per un Sud liberato incalzino per il momento le vecchie strutture politiche ma che abbiano nel contempo la prospettiva di costruire centinaia di migliaia di intelligenze, sensibilità del Sud e per il Sud che si armonizzino in una federazione macroregionale a larghissimo raggio per una rinascita di un Sud liberato dal colonialismo politico-economico-culturale degli interessi del Nord. E' un lavoro culturale, politico, economico che non si deve delegare a nessuno ma che tocca a noi del Sud.


Sebastiano Gernone
 
____________________________________________________________________________________

Il Manifesto 28 maggio 2005 - pag.11    
SINISTRA

E' tempo di dire basta, non deleghiamo più

FRANCESCO «PANCHO» PARDI
 
Stavolta dal basso La libera cittadinanza deve rafforzare Prodi costruendo una lista
che nasca dal vivo della società. Per vincere ma sfuggendo ai partiti


Abbiamo appena stravinto le elezioni regionali e, invece di prendere la rincorsa per vincere le politiche del 2006 e cancellare subito la deformazione costituzionale voluta dal centrodestra, la nostra classe dirigente non ha pensato niente di meglio che dividersi. La sua capacità autolesionista non conosce limiti. Ha creduto di aver vinto per meriti propri e non si è accorta che il merito essenziale era di un elettorato che aveva saputo uscire dallo sconforto della sconfitta e rinnovare un atto di fiducia nella possibilità di vittoria.


Non ha capito che in questa riscossa unitaria dell'elettorato i meriti di movimenti, associazioni, sindacati e protagonismo civile erano di gran lunga superiori ai suoi. Non si è accorta che ha vinto nonostante i propri demeriti. Ha imbastito, con debole filo, la federazione dei riformisti moderati e non ha capito che il successo, peraltro discutibile e limitato, non dipendeva dalla sua natura intima (che oggi si svela mera apparenza) ma dalla sua allusione a una possibile saldezza dell'intera coalizione.


Insomma, la federazione è stata appoggiata da molti solo perché percepita come una garanzia dell'Unione. Ma non ha saputo tenere fede a questo ruolo e oggi appare finzione crudelmente svelata. La leadership di Prodi, il solo che abbia già battuto Berlusconi, è in pericolo. Nella volontà di indebolirlo non si vede tanto la critica di un primato quanto la consapevole distruzione dell'unica possibilità di guida politica unitaria.


E dietro la sua fine si intravvede l'ascesa di un baronato frammentario e litigioso, capace semmai di imporre mutamenti di leadership solo in direzione di altre debolezze facilmente condizionabili. Anche la difesa di Prodi tramite i raduni ulivisti è ormai un espediente senza speranza. La stessa lista di Prodi, se si mostrasse solo come manipolo difensivo dei fedeli, mancherebbe l'obbiettivo di realizzare un'aggregazione dinamica e propositiva, capace di ricondurre alla ragione gli spezzoni dispersi della coalizione.


Ora è necessario ragionare sulla necessità di dare un secondo segnale alla classe dirigente: più intenso, più urgente, più mirato di quello di piazza Navona e piazza San Giovanni. Non hanno il diritto di distruggere tutto ciò che anche noi abbiamo costruito, non possiamo lasciare nelle loro mani un lavoro, appena cominciato, che non sanno e non vogliono portare a compimento.


Non possiamo permettere loro di avviarci tutti a una sconfitta che sarà micidiale per la democrazia italiana. Quante volte hanno ripetuto che le critiche dei movimenti, pur giustificate, portavano la divisione nel centrosinistra! Con la loro insufficienza degli ultimi due anni i movimenti li hanno lasciati liberi di decidere, e ora che nessuno li disturba riescono a dividersi da soli nel modo più astioso.


Dimostrano così la falsità del luogo comune che li vuole uniti solo contro Berlusconi: nemmeno il rischio terribile di un radicamento dell'anomalia italiana impedisce loro di dividersi. Diciamolo: non ce ne importa niente della federazione dei riformisti moderati, ma se la sua crisi apre la disgregazione dell'Unione (che forse non ha nemmeno cominciato a esistere) questo ci riguarda tutti.


Come fronteggiare l'emergenza? Basterà raccogliere le energie in una lista a sostegno di un Prodi già dimezzato nelle intenzioni dei suoi infidi alleati? Dovremo farlo, ma soprattutto dobbiamo creare una grande spinta dal basso per portare dentro l'Unione il peso di una volontà collettiva. Oggi questa forza è diffusa in una generosa attività partecipativa distesa in reti orizzontali ma è incapace di fare corpo; non riesce a esercitare un controllo sulla classe dirigente, non riesce a imporle il vincolo delle proprie intenzioni: basti pensare all'abisso tra il rifiuto popolare della guerra preventiva e il possibilismo dell'arte politica.


Sappiamo bene che cosa vogliamo: la cancellazione dell'anomalia italiana, l'attuazione della Costituzione, la salvaguardia dei beni comuni, la ricostruzione dello stato sociale, un fisco che faccia pagare le tasse ai ricchi, una scuola pubblica che istruisca e qualifichi, una sanità pubblica che curi e guarisca, la riduzione del lavoro flessibile e precario, il rilancio della ricerca e della salvaguardia ambientale, un impulso all'economia che non sia basato solo sui bassi salari, il ritiro dei soldati dall'Iraq, un disegno di politica estera per una nuova Europa e per un nuovo primato dell'Onu.


Ma nemmeno una briciola di tutto ciò avremo se non sapremo influire sulla formazione della classe dirigente. La crisi attuale della coalizione è un'occasione per aprire una nuova possibilità. I partiti del centrosinistra hanno dimostrato tutta la loro insufficienza nell'esprimere il bisogno di riscossa del loro elettorato e nel perseguire l'interesse collettivo. Ma non ci si può solo lamentare.


Questo è il momento in cui la libera cittadinanza deve assumersi una responsabilità. Appoggiare e rafforzare Prodi, ma con uno scatto di protagonismo più convinto. Non una delega ma la realizzazione di un sforzo corale dal basso: una lista che nasca dal vivo della società, unisca le tante energie diffuse, convinca figure di grande rilievo ad accettare il compito esemplare e temporaneo di portavoce della nostra opinione pubblica.


Con un obbiettivo minimo: raccogliere quella quota di voti decisiva per vincere, che sfugge ai partiti attuali e che rischia, per il loro comportamento, di rifluire in un astensionismo dannoso per la democrazia. Abbiamo davanti un anno da usare bene: con prudenza e coraggio potremmo persino farcela





Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].