Eleaml


Ringraziamo l'amico FDV per aver ripescato questo pezzo della nostra storia. Le battaglie di Cronache Meridionali a favore del Sud finirono con la chiusura della rivista da parte di Togliatti.

Buona lettura e tornate a trovarci.

[email protected] - 15 giugno 2006
______________________________________________________________________________________

Fonte:
Cronache Meridionali N. 1 Anno I - 1° Gennaio 1954

AI LETTORI

Da molti anni e da molte parti si veniva sollecitando la pubblicazione di una rivista che sviluppasse il dibattito sulle questioni meridionali secondo gli orientamenti delle forze operaie e democratiche suscitatrici del Movimento per la Rinascita del Mezzogiorno.


Ma non solo per rispondere a queste antiche sollecitazioni «Cronache Meridionali» vede oggi la luce. In verità, il movimento operaio e democratico nel Mezzogiorno appare oggi uscito dalla sua fase primitiva ed elementare, e quindi deve ogni giorno di più assumersi, nello sviluppo della sua azione pratica, responsabilità nuove, per le quali si richiede una documentazione ampia ed oggettiva sui problemi reali che esso si trova a dovere affrontare, un loro esame critico ed approfondito, un loro studio attento e metodico.


Si aggiunga, inoltre, che per merito del movimento operaio e democratico italiano le questioni meridionali hanno acquistato ormai un posto ed un rilievo tali nella vita del Paese, e il dibattito intorno ad esse, in tutti gli ambienti della vita nazionale, è diventato così vasto e continuativo, che seguirne e giudicarne tutti i termini è impossibile senza uno sforzo non individuale e senza una pubblicazione che si proponga questo compito esclusivamente.


D'altro canto, il cammino compiuto dal movimento operaio e democratico nel Mezzogiorno ha creato condizioni propizie per dare, a queste esigenze, una risposta positiva, sia perché esiste oggi fra le forze operaie e democratiche raccolte nel Movimento per la Rinascita una solida unità politica raggiunta intorno al programma meridionalista di Antonio Gramsci, i cui termini sono da tutti accettati come il punto di partenza dell'azione da condursi per il rinnovamento democratico delle regioni meridionali, nel quadro della lotta per la costruzione di uno Stato democratico moderno in Italia; sia perché a centinaia si contano oggi nel Mezzogiorno i quadri capaci di collaborare attivamente allo sviluppo di una rivista come «Cronache Meridionali».


Quanto si è detto fin qui può costituire, ci sembra, una sufficiente giustificazione per la pubblicazione di questa rivista, che essenzialmente si propone, insomma, di compiere un opera di documentazione critica sui principali aspetti della vita del Mezzogiorno e sulla lotta popolare per il suo rinnovamento.

Si tratta, come si vede, di propositi che perseguono fini di utilità pratica e strettamente legati all'azione politica, sindacale, culturale, amministrativa condotta avanti dalle forze democratiche meridionali sotto la bandiera del Movimento per la Rinascita e alla realizzazione dei compiti sempre preminenti dell’organizzazione, della propaganda di massa, dell'attività pratica quotidiana.


Ma i promotori di questa rivista, pur convinti sinceramente dei limiti che essi stessi voglion porre alla loro impresa, non se ne nascondono per questo le difficoltà: e non si nascondono soprattutto che tali difficoltà potranno essere superate se essi non saranno lasciati soli, ma saranno sorretti dalla simpatia attiva e dalla attiva collaborazione di tutti coloro i quali, tanto nelle file organizzate del movimento operaio e democratico quanto fuori di esse, credono nel rinnovamento del Mezzogiorno e lavorano perché esso si realizzi.


Trentanni fa Antonio Granisci annotava nel suo magistrale scritto sulla «Questione Meridionale» che i pochi intellettuali meridionali i quali si adoperavano, nelle condizioni di allora, intorno ai problemi del riscatto delle loro regioni, non potevano disporre nemmeno di riviste o di pubblicazioni locali e dovevano cercare ospitalità, per le loro idee «esplosive», ben lontano dai luoghi dove «l’esplosione» covava sicché gli echi di essa potessero arrivarci opportunamente smorzati.


Oggi non pochi intellettuali isolati e staccati dal popolo si pongono i problemi del Mezzogiorno, ma se li pone il popolo stesso, con le sue forze innumerevoli, che è diventato il protagonista di una grande lotta.


Essere lo specchio di questa lotta, e nello stesso tempo contribuire, insieme alle grandi riviste e ai grandi giornali di cui oggi dispone il movimento operaio e democratico italiano, ad orientarla: questo è dunque il programma di «Cronache Meridionali», e di qui anche il suo titolo, perché questa rivista non avrebbe ragione di esistere se non vi fosse oggi.



Cronache Meridionali N. 1 Anno I - 1° Gennaio 1954

Cronache Meridionali N. 1 Anno I - 1° Gennaio 1954 Cronache Meridionali N. 1 Anno I - 1° Gennaio 1954





Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].