Eleaml


Fonte:
L'espresso -


C'era una volta Napoli

Strade in ostaggio di bande di ragazzini senza futuro. Montagne di rifiuti. Disoccupazione endemica. La rinuncia a imporre le regole. Così muore il sogno di una città

di Leo Sisti
C'era una volta Napoli


Napoli, Vomero, sabato 10 settembre, ore 19. In piazza Vanvitelli, come ogni week-end, va in scena la movida nel quartiere bene. È l'ora del branco, le baby gang si affollano per un'altra notte brava. Sono migliaia di ragazzini, da 12 anni in su. Scendono dalla stazione del metro. Moltissimi partono da Scampia, l'area dove si smercia la cocaina a cielo aperto, altri si aggiungono nelle sette fermate intermedie prima di arrivare a destinazione. I più pericolosi nascondono in tasca coltellini e tirapugni, pronti allo scontro con gruppi rivali. Ondeggiano, sciamano nelle vie dello shopping, tra via Scarlatti e Luca Giordano, si aggirano tra negozi di lusso e gli store di Nike e Stefanel. Alle 23, proprio a due passi dalla piazza, qualcuno appicca il fuoco a dei cartoni appoggiati a un cassonetto. Nessuno si muove. Dopo un po', un volenteroso vigile urbano cerca di domare l'incendio. Ci riesce a metà, poi lascia perdere. Si giustifica: "Si spegnerà da solo". Macché, le fiamme si alzano sempre di più. Un passante interviene coprendole con altri cartoni. Rimane solo un po' di fumo. Una ragazzetta di 14-15 anni, resa forte dallo spirito della banda, urla: "Bravo, sei un genio!", suscitando l'applauso corale di 400-500 coetanei. Pochi metri più in là, due agenti sistemati nel camper della polizia assistono alla scena. Domanda: "Perché non fate niente?". Risposta: "Non spetta a noi. È compito dei pompieri". Testuale.


È una giornata di ordinaria follia metropolitana, al Vomero, preso di mira da quando, da qualche anno, i treni da Scampia vi fanno tappa. Sono treni a rischio di vandali: vetri rotti o frantumati. Per questo quattro guardie giurate si imbarcano sull'ultima corsa, quella delle 22 e 57, per 'accompagnare' a casa quel carico umano. Qui, al Vomero, lo scorso novembre quattro tredicenni si sono scatenati: tre rapine nel giro di mezz'ora. Otto mesi fa, in gennaio, in piazza Vanvitelli un automobilista ha pagato a caro prezzo l'aver premuto il clacson per superare il bivacco di una dozzina di adolescenti. Tirato fuori e picchiato. Risultato: tre costole fratturate, una vertebra incrinata, milza spappolata e, in seguito, asportata.


È arancia meccanica in stile napoletano. Violenza pura. Il salto di qualità è ogni fine settimana, quando le 'bravate' dei boys e delle girls aumentano a dismisura. Salgono sugli autobus e prendono in ostaggio i passeggeri, coprendoli di sputi e schiaffi. Come è successo in maggio sul C 31 diretto a Posillipo e Bagnoli. Una quindicina di teppisti si sono anche qualificati: "Siamo quelli di Masseria Cardone", tenendo a precisare l'area di degrado da dove provenivano e minacciando: "E non ci provocate". Vanno dappertutto. Si presentano a blocchi di dozzine, girano anche in centro, piazza Plebiscito piazza Sannazzaro, piazza san Pasquale. Se va bene, qualcuno ci rimette solo il cellulare. Se va male, chi si ribella si ritrova con la testa spaccata. I turisti che si avventurano sul bus a due piazze del 'city sightseeing' possono vedersi tirare addosso qualche pietra.


L'ultima moda d'agosto è il tuffo dall'aliscafo. Non hanno più di tredici-quattordici anni e il loro obiettivo sono i mezzi che da Mergellina sono diretti a Ischia e Capri. Quando la nave sta per attraccare, si lanciano in acqua da una pedana, obbligandola a pericolose manovre. Di più. Alcuni di loro corrono all'impazzata verso la tolda e subito dopo si gettano in mare dall'alto, sette-otto metri di adrenalina. In tre occasioni sono stati individuati dalla polizia che li ha bloccati dopo l'ennesima esibizione. Identificati e consegnati alle famiglie, tutte di pregiudicati. E poi il nuovo brivido dei tredicenni: alla guida di piccoli bolidi a due ruote, che guizzano fino a 70 chilometri all'ora, scorrazzano sui marciapiedi terrorizzando i passanti. Sono le minimoto cinesi, l'ultimo grido per i figli, anche appena decenni, dei criminali, che percorrono in lungo e in largo via Toledo o corso Vittorio Emanuele. Non temono la galera: hanno meno di 14 anni e quindi non sono punibili. Commenta Antonio De Iesu, vicequestore vicario: "Tutto questo crea insicurezza sociale. Non è il singolo scugnizzo a preoccupare, ma il branco, l'affiliazione all'interno del gruppo".


Napoli affonda. Napoli sta morendo. Con l'eterno problema dei rifiuti e con un primato tutto italiano per il napoletano: passa 140 minuti al giorno alla guida della sua automobile in mezzo a un traffico impossibile. Gli uomini della camorra continuano a imperversare. Chiedendo il pizzo ai negozi e ammazzando. Tra un intervallo e l'altro si ammazzano anche tra loro, per la conquista del territorio. Ma, specialmente d'estate, entrano in scena i piccoli delinquenti, pronti a spaccar vetrine con mazze da baseball o a scippare turisti: sabato 10 settembre un austriaco, cercando di impedire che a sua moglie venisse strappato dal polso un Rolex d'oro, si è ritrovato con la testa spaccata. Niente sembra cambiare. Anzi, la città pare tornare indietro verso quel passato orribile che sembrava cancellato con la rinascita dei primi anni Novanta. Oggi la disoccupazione resta a livelli da record e i progetti di riqualificazione che avevano alimentato tante speranze segnano il passo. La camorra appare meno forte, indebolita dai contrasti interni come la faida che da Scampia ha devastato le periferie orientali. In compenso il moltiplicarsi della criminalità minore avvelena il tessuto sociale, non risparmiando nemmeno le scuole, oggetto di raid per rubare attrezzature informatiche, videoregistratori e persino infissi, come è successo a San Giovanni a Teduccio. E nemmeno le strade che erano state vetrina del rinascimento napoleano sono al riparo da scippi e rapine.


Di fronte a questa situazione crescente di degrado mancano risposte forti. Al punto da spingere in passato il prefetto Renato Profili a commentare in modo sconsolato: "La città è assuefatta alla violenza". Suscitando così la reazione del sindaco Rosa Russo Iervolino, secondo cui si tratta non di "indifferenza, ma di paura".


E ora la recrudescenza del disagio giovanile, di ragazzi che hanno alle spalle penose storie familiari, di disoccupati a oltranza, o di padri che entrano o escono dal carcere. Un quadro preoccupante. Con colpe ben definite, secondo Amato Lamberti, ex assessore alla Normalità durante la prima giunta degli anni '90 di Antonio Bassolino, ed ex presidente della Provincia, oggi tornato a insegnare all'Università di Napoli 'Sociologia della devianza e della criminalità': "Manca il governo della vita quotidiana. Non c'è la capacità di imporre le regole. Per una serie di ragioni. Il sovraffollamento: 10-15 mila persone, con punte di 17 mila, per chilometro quadrato. Nessun posto per le auto. Pessima manutenzione degli edifici. Case fatiscenti. In più 450 mila famiglie sotto la soglia della povertà in Campania (cioè sotto 7 mila euro all'anno), più di Lombardia, Piemonte, Liguria e Triveneto messe insieme. In più la difficoltà dei ceti popolari di entrare in un mercato del lavoro asfittico. In questa situazione mi meraviglia che ci siano così pochi delinquenti".


Ogni anno, tra Napoli e provincia, ben 7-8 mila studenti lasciano le scuole superiori dopo il primo anno, pronti a essere arruolati dai clan criminali. C'è da portare a Milano o al Nord-est borsoni contenenti cd clonati o capi di griffe contraffatti? La tariffa è di 200 euro a viaggio: 800 al mese, un guadagno sicuro. Eppure si potrebbe tentare di recuperare questi giovani allo sbando. Ne parla Raffaele Porta, assessore all'Educazione della giunta Iervolino: "La parola d'ordine è 'bonifica sociale'. Si tratta di puntare su centri di aggregazione regionale, assistenti sociali e, sopratutto, sulla scuola della seconda opportunità. Cioè creare un'attività scolastica con metodi diversi da quelli tradizionali, ma che attraggano lo studente che si è perso per strada: ad esempio, con insegnamenti di informatica, teatro, cinema, musica".


Fin qui i programmi di chi ha in mano la gestione politica della città. Ma, sulla strada, per estirpare la microcriminalità, ci vogliono sistemi più rapidi. Il questore Oscar Fioriolli, a Napoli da pochi mesi, punta su pattuglie miste di polizia e vigili urbani. Sono quelle che si vedono all'opera in questi giorni in alcuni luoghi strategici della città: da quando, da poche settimane, è scoppiata la 'guerra dei motorini'. Tutto per la legge entrata in vigore negli ultimi giorni di agosto. Chi, al volante di una moto non porta il casco o guida un ciclomotore da 50 cc con una seconda persona a bordo, deve consegnare il mezzo e non se lo vedrà più restituire. Finora, nei primi 20 giorni, Napoli ha battuto il record italiano: 700 sequestri. Con scene di disperazione di chi si è visto portar via il proprio motorino. Perché? Ma perché lo scooter è uno strumento di 'lavoro', l'ideale per lo scippo, che si può fare solo in due: uno guida e l'altro strappa le borsette. Del resto sono le cifre a parlare da sole: solo a Napoli vengono elevate 250 mila contravvenzioni all'anno per i motociclisti.


La legge sui motorini porta la firma del senatore di An Luigi Bobbio, già pm a Napoli, che oggi difende il suo provvedimento da chi, ad esempio, il ministro dei Trasporti Pietro Lunardi, vorrebbe trasformarla, perché troppo punitiva. Certo, è una norma studiata apposta per Napoli e ha tutto il sapore della 'tolleranza zero'. È la spia di una situazione che potrebbe aprire le porte a un ulteriore giro di vite. A Napoli se ne discute da tempo: è ora di abbassare la soglia di punibilità a 14 anni. Il che, come è arcinoto, permette alla camorra di utilizzare giovanissimi, al di sotto di questa età, come corrieri della droga. A proporlo è addirittura Stefano Trapani, presidente del Tribunale dei minorenni: "Il concetto di imputabilità deve essere aggiornato. Il ragazzo vuole essere giudicato come se fosse un adulto, perché nell'adulto si specchia e in lui vede un esempio da imitare. Per questo ritengo che si possa istituire una classe di responsabilità anche per giovani di 12-14 anni, per reati come borseggi o scippi. Magari prevedendo pene ridotte rispetto alla fascia superiore, che va dai 15 ai 18 anni. Inoltre bisognerebbe prevedere delle pene anche per i genitori dei minori. Sono colpevoli perché non seguono come dovrebbero i loro raggazzi".


Intanto al Vomero c'è un personaggio che vigila sul quartiere dove è nato e dove è anche stato presidente di circoscrizione. Si chiama Gennaro Capodanno e ogni giorno segnala e denuncia alle autorità e ai giornali qualunque irregolarità. Lui c'è sempre, anche al sabato, quando i vomeresi fuggono di fronte all'avanzata dei terribili teenager di Scampia.


ha collaborato Mario Fabbroni


___________________________________________________________________________________


Era più facile fare il ministro

Il sindaco e l'emergenza: "Il problema sono 17 mila famiglie che vivono nella miseria". Colloquio con Rosa Russo Iervolino

"Napoli si trova in una situazione complessa. Ha 17 mila nuclei familiari a reddito zero. I suoi abitanti hanno il reddito più basso d'Italia, c'è una miseria estrema. Abbiamo tantissimi 30-32enni che non hanno mai lavorato e sono costretti a vivere in casa dei genitori". La disoccupazione giovanile. La questione delle baby gang. La criminalità. Di tutto questo e di altro parla con 'L'espresso' il sindaco Rosa Russo Iervolino, che si trova a gestire una fase molto difficile della città, con il riacutizzarsi di emergenze che sembravano migliorate nella gestione Bassolino. Tanto che, sostiene, è "più difficile fare il sindaco che il ministro dell'Interno".


Per molti mesi Scampia ed episodi criminosi legati a questo quartiere degradato hanno tenuto banco. Oggi com'è la situazione?

"Là gli studenti non vanno a scuola, hanno famiglie disastrate alle spalle. E poi il commercio di droga: un fatto terribile. Però oggi la situazione non è più disperata. C'è una grande concentrazione di attività del volontariato e molte iniziative sociali".


Gli abitanti del Vomero protestano quando arrivano i ragazzini di Scampia.

"Se è per questo protestano anche quelli di Mergellina. Ma non possiamo tenere la città come un ghetto. Comunque è anche per questo che si fanno tante iniziative a Scampia, come quelle appena dette".


E i tuffi dagli aliscafi?

"Ma queste sono le bravate degli scugnizzi napoletani".


Che costringono la polizia a intervenire.
"Sì, perché quei ragazzi intralciano il funzionamento degli aliscafi. E poi guardi che ci sono anche le bande delle famiglie agiate, per bene. Si scontrano in piazza Amedeo, in via dei Mille".


Lei è favorevole alla 'tolleranza zero'?

"Solo nei confronti dei criminali".


E che cosa pensa di chi lancia la proposta di abbassare la soglia della punibilità dei minori, oggi di 14 anni?
"È una enorme sciocchezza".


Come si può combattere la microcriminalità?

"Tra le altre cose con sistemi di videosorveglianza. Poi con i lettori ottici di targhe di automobili e moto che, una volta inquadrate, verranno segnalate per i successivi controlli alle sale operative".

Ma il comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico cosa fa?


"Ci riuniamo tre volte la settimana con prefetto, questore, polizia, carabinieri e Finanza per studiare le misure di intervento che sono necessarie contro la criminalità".

Una legge promossa da Livia Turco prevedeva un contributo alle fasce più emarginate, definito 'reddito minimo di inserimento'. Una misura abolita dal centrodestra.

"Nel 2005 la Regione ha ripreso una norma simile. Si chiama reddito di cittadinanza. Prevede una spesa di 70 milioni di euro, con benefici di 600 euro al mese. A fronte di 35 mila domande, vengono erogate 3.500 prestazioni".


_____________________________________________________________________________________






Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].