L'unità d'Italia è una beffa, che comincia con una bugia.
Due Sicilie
  Eleaml


Marco Travaglio

di Nicola Zitara

Siderno, 14 Maggio 2008

(se vuoi, puoi scaricare l'articolo in formato RTF o PDF)

Tra il sottoscritto e Marco Travaglio ci sono incolmabili differenze. In primo luogo politiche. Lui propugna la legalità dello Stato e della vita sociale, è un discepolo di Enzo Biagi. Quel che conta per me è la liberazione del popolo meridionale dall'odioso, parassitario, colonialista capitalismo padano. C'è poi la differenza di statura professionale. La sua attività è diretta a milioni di telespettatori, la mia, se tutto va bene, raggiunge sì e no qualche centinaio di lettori. C'è però nelle persone,  al di là del loro ruolo sociale, come una bilancia interna che ti permette di pesare te stesso in relazione ai tuoi simili, e i tuoi simili in rapporto a te.

Da giornalista so che Marco Travaglio è un vero giornalista. Ma si dice: è partigiano, i suoi articoli e interventi televisivi tendono a demonizzare chi sta dall'opposta parte politica. Le sue, sono accuse, non spiegazioni.

Nessun giornalista è stato mai Salomone, nessuno è - o vuole essere - l'ago di una bilancia fermo sulla perpendicolare con lo Zenit. Un giornalista è spesso un combattente. I migliori giornalisti combattono una battaglia. Il fatto che Travaglio ci abbia ricordato che il presidente del senato va a spasso con i mafiosi non mi fa né caldo né freddo. Qui, al Sud, chi mai non ha un conoscente fra i mafiosi? D'altra parte, pure a Milano! No, non è questo che conta per me. Conta che Travaglio ha colto nel segno per una cosa diversa: ha additato ai telespettatori come immeritevole di rispetto e come assolutamente non  credibile un personaggio fra i più non credibili politici del Sud, che vengono foraggiati dallo Stato italiano per tradire le popolazioni meridionali. A livello di sistema cosiddetto nazionale, l'unica volta che un  meridionale pesa quanto un toscopadano è quando vota. Vota per portare zavorra, una sentina di maleodoranti liquami, in parlamento. Vendere onorevoli consensi all'Italia una e indivisibile è il mestiere più lucroso che esista nel Meridione.


Non eravamo molto propensi a pubblicare questo articolo. Abbiamo avuto un colloquio telefonico con Nicola Zitara, non per quello che egli scrive ma per il personaggio Travaglio che a noi non piace. 

I vari Travaglio e Santoro con le loro manfrine giustizialiste, che ci propinano da anni, ci tengono in una sorta di minorità intellettuale e ci impediscono di capire qual è la strada del riscatto. Non ci aiuteranno certo loro a liberarci dalle mafie, abbiamo visto cosa si è fatto in 150 anni, non si è fatto altro che alimentarle per farne dei guardiani del territorio.

Si accendono e si spengono i riflettori a seconda delle necessità mediatiche o politiche di turno, poi tutto torna nel dimenticatoio. Magari fino al prossimo morto ammazzato.











 

Per comunicare con Nicola Zitara potete inviare un messaggio breve anche senza dover indicare il vostro indirizzo di posta elettronica:



Se volete inviare una email a Nicola Zitara:

Email per Nicola Zitara - Yahoo


Se, invece, volete inviare una email a Nicola Zitara usando il nostro indirizzo:

Email per Nicola Zitara - Eleaml


Buona navigazione e tornate a trovarci.




Creative Commons License
FORA... by Nicola Zitara is licensed under a Creative Commons
Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia
.
Based on a work at www.eleaml.org.


You may copy pages from this site on the following conditions:
  • The article must be published in its entirety without any modification.
  • This is how the link should then look...
  • Article authored by Nicola Zitara and first published on “Fora” – eleaml.org








vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].