L'unità d'Italia è una beffa, che comincia con una bugia.
Due Sicilie
  Eleaml


io nun me scordo

Le discutibili parole del Presidente Napolitano
nella sua visita odierna a Marsala
per commemorare lo sbarco dei Mille

di Andrea Balìa
(se vuoi, puoi scaricare l'articolo in formato RTF o PDF)


Napoli, 11 Maggio 2010

"Si può considerare solo penoso che da qualunque parte, nel Sud o nel Nord, si balbettino giudizi liquidatori sul conseguimento dell'unità, negando il salto di qualità che l'Italia tutta, unendosi, fece verso l'ingresso a vele spiegate nell'Europa moderna", ha detto, sottolineando il ruolo "non passivo, ma da protagonista" della Sicilia nel moto unitario e lo "storicamente indiscutibile" contributo del Mezzogiorno...."Non c'è nulla di retorico nel celebrare l'unità conseguita dall'Italia, è un modo di rinnovare il patto fondativo della nostra nazione", ha ribadito Napolitano sul molo del porto.

Abbiamo rispetto per il Presidente Napolitano ma ci permetta di dissentire rispetto alle sue parole che altresì ci appaiono irrispettose per il Meridione, quando appella come "penose" valutazioni diverse rispetto al processo unitario:

1) una commemorazione non può prescindere e non riservare pensieri di rispetto e ricordo per tutti i martiri e i caduti del Sud in una guerra subita e non condivisa. Egli è un uomo del Sud e se (come probabile) sa, non gli fa onore omettere e non rendere omaggio; se non sa (molto improbabile), la cosa è stupefacente.

2) loro festeggiano nei fatti la vittoria del Nord nei confronti del Sud; noi, da gente del Sud che non ha dimenticato, cosa dovremmo festeggiare? La loro vittoria e la nostra sconfitta? Non sono bastati 150 anni a rendere unito questo paese e giustificare minimamente quell'impresa. Ci concederà di considerarla una sopraffazione e di ritenere, contrariamente a quanto ha dichiarato, vergognosamente retorica tutta l'organizzazione dei festeggiamenti ed uno spreco offensivo di soldi pubblici in un momento di difficile economia, in particolare e proprio del Meridione.

3) riteniamo, se d'Italia si vuol parlare, di doverla considerare nata nel 1946 con la Repubblica, e di non dover omaggiare una conquista ed annessione di quei Savoia che iniziarono nel 1861 una serie di regali al popolo fino a quello estremo del fascismo e della 2a guerra mondiale.

Presidente, i crimini di guerra non hanno età e non decadono, anche se a commetterli sono stati i nostri "fratelli" italiani!

Andrea Balìa

Partito del Sud - Napoli















Creative Commons License
FORA... by Nicola Zitara is licensed under a
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-
Non opere derivate 3.0 Unported License
.
Based on a work at www.eleaml.org.



You may copy pages from this site on the following conditions:
  • The article must be published in its entirety without any modification.
  • This is how the link should then look...
  • Article authored by Nicola Zitara and first published on “Fora” – eleaml.org







vai su






Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].