Eleaml - Nuovi Eleatici



La rivoluzione napoletana del 1820-1821 tra "nazione napoletana" e "global liberalism" di Zenone di Elea

CHIACCHIARIATA SECONNA

DE LO CUORPO DE NAPOLE

_______________________________________

Descurso tra lu Cuorpo de Napole e lo Giagante dinto a li studi

(se vuoi, scarica il testo in formato ODT o PDF)


C. N. Buono journo... guè compà... si tm... compà Giagante?...

G. O ben venuto, corpo di Napoli: si, sono io, E che vai facendo qui?

C. N. Io vago cammenanno pe priezza,. e buje che facite à lloco? Tu stave nnante palazzo... ahu... me t'allecordo con tanto no coppolone de la repubbeca franzesa, comm'a i peccerille guagliune mieje cotanta coppolicchie, e mmò comme te truove alloco?,,

G. Tu già sai....

C. N. Saccio ca te mmescaste la malattia de li franzisi, te mettettero tanta ma...

G. E poi, essi mi scacciarono dal mio posto: ed io mi ricoverai qui negli i

C. N. E c'avite fatto quà ncoppa alli studeje?

G. Mi son messo a studiare

G. N. Ah, perzò avite cagnato lenguaggio, mò parlate lince è quince, mo site addatto; e nce canuscimmo compà; io songo chiù biecchio e chiù cetadino de vuje. Ora già che te trovo accossi addatto, famme no piacere. Saja c'avimmo avuto la costipazione da rre nuosto, li cravunare, e ba scorrenno...

G. Tu che diavolo dici. Costituzione vuoi dire.

C. N. Costicazione, costsuzione; basta chiello ch'è è. Saccio ca è cosa bona. E tu non saje niente.

G. Oh io so tutto: i diavoli degli studenti che vengono qui mi hanno detto tutto. E sai tu che cosa è costituzione?

C. N. Sì, me na ditto quaccosa lo compare Sebeto....

G. O a proposito, come stà il compare Sebeto?

C. N. O sta semmana è benuto da le provincie, e m'ha ditto tanta belle cose de lloco, ca tutte stanno armate a rasulo, stanno aunire, e cojete, ch'è propio no piacere. Mo io po sempe aggio quarcosa a domannà, e non ne songo maje sazio. Donca deciteme vuje quaccosa fratanno: vuje state ncoppa a lli studii; e perzò ne potite fa capace.

G. Io veramente ho letto qualche cosa su l'affare della costituzione, ma da pochi giorni in quà; perchè prima qui non ci erano libri al proposito, e poi non ci facevano leggere tutt'i libri, perchè dicevano ch'era proibito: qualche libro ma l'ha da dato a leggere nascostamente qualche stupente amico che me lo portava.

C. N. Vasta, sempre potite sapè chiù de me Mo n' è stato ditto ca avimmo no e poco de lebertà; ca chesta libertà non ce la promette chisto e chillo, e co sta scusa nce pezzecavano mellejune e sempe mellejune, e po eramo sempe messere: ma mo nce, l'ha data u re nuosto, lu quale è corazzone. Dimme na cosa. Mo se stanno facenno i luputate, ossia procurature de lo popolo, comme m'ha ditto lo compare Sebeto, pe lo parlamiento.

G. E tu e i figli tuoi non siete andati alla parrocchia vostra per eliggere i compromessarii, gli elettori, eccetera.....

C. N. O securo, e nce avimmo fatto a sentì; avimmo fatto chello ch'avimmo voluto...

G. Cioè avreste dovuto scegliere persone di buon senso, e ben intenzionate per il bene della patria, che sappiano fare il loro dovere; che non siano capaci di esser burlati, e di burlare la nazione.

C. N. Comme mò, ponno essere borlate? e da chi?

G. E, da ministri, da paglietti...

C. N. E mbe e nuje a dò stammo? e nuie  le diciarramo a issi e a li ministri: oje tenite le piedi a lo singo, ca si no nu facimmo a sentere. E nuje pe chesso simmo stato lià ncoppa co tanne d'urecchie llà volevano fa mbroglie cierte tale e quale le bedeva mbrosoleja n segreto; io e li guagliune e cierto galantuomene avimmo strellato; guè guè, nuje volimmo sta ntise de chello che s'ha da fa: e loro avimmo fatte pe procuratore nuoste chil lo l'avimmo volute, prievete, maste, galantuomene, addotte, ma tutte annorate e conosciute: e si quarcuno n'è scappato, ha da tenè pede a singo. Ma te dico la vesità, io mo vorria sapè chisso lloco che hanno da fa?

G. I deputati si debbono riunire tutti. e o debbono accettare in nome del popolo la Costituzione di Spagna, la quale è raccolta di tutte le leggi fondamentali del Regno; è poi debbono risolvere tutte le leggi particolari le applicazioni di quelle o a bisogno dello Stato....

C. N. Io mo lo vorria senti meglio a lingua nosta...

G. Voglia dire in generare, che i deputati hanno da risolvere e de decidere tutto ciò che serve per ben regolare e persezionare l'educazione, l'industria, le arti, le scienze; la giustizia; per mantenere la pace e la sicurezza e la libertà internamente ed esternamente; per ripartire ed esiggere le imposizioni, senza opprimere e senza disanguare la gente; e fare tante altre cose che giovino a tutti, senza nuocere a nessuno.

C. N. Ah benedetto Dio! Mo tutto chesto loco l'hanno d'addemannà alli Ministi, hanno da fa chello che diceno i ministi?

G. Oibò: i ministri non debbono far altro che i porta lettere al re ed ai deputato che rappresentano la Nazione.

C. N. E u tre che ave da fa?

G. Il re approva e firma ciò che la maggior parte o tutti i deputati hanno risoluto, e lo fa mettere in esecuzione,

C. N. Ahu... e fosse addotto mo io... Addonca mme pare che lu rre a dda fa comme a mo covernatore, che non a dda fa auto che ordenà de farese chello che sta scritto alla legge, alle costruzione. e chello che hanno ditti li deputate? O de chesta mmanera mo li ministri non ponno fa chello che bonno lloro, ngannanno la re e paccarianno li povere suddete: mo s'ha da fa lo gghiusto, ognuno che se fa lo fatto sujo stace securo alla casa soja, e non è ncojetato senza sapè pecchè, chi non fatica non magna, e chi magna senza fatecà nna da dà cunto: mo po i nnanzi chi vo e chi sape fa le cose nnorate; mo nce potimmo nnustrià a fa meglio li panne nuoste, li fierre nuoste; nuje avimmo da sapè lu pecchè da tutto chello che se bbole fa: mo non avimmo abbesuogno de fa guerra senz sapè pecchè, e senza sfizio nuosto... mò... ohu... apprima pareva la coccagna: nuje non avevamo da fa auto che pagà a chisto a chillo: mellejune allo franzese, mellejune allo ngrese, mellejune a lo todisco, mellejune allo spagnulo, mellejune alli moscoviti, mellejune alli barbarischi, mellejune all'americane, mellejune... megliara a Medice, megliara a Tummaso, megliara a Nocente, a Bovarnese, migliara a Ciorcio, megliara a Recciardo; gradificazione e senza dà cunto a Vineviento, a Carella, a Sancio a Bacca... penziune a chisti e a chilli... cierte pe sapè appena leggere e scrivere avevano tre, quatto, cinco, sei solde, e soprasolde.... ahu e che porcaria porcaria! e addò volevamo arrevà... e lu galantomo, l'ommo nnorato, addotto, si non piaceva a sti sciorta de mmalora, da morì de famme! c li povere  de foro! ahu fatecate e sfatecate, e muerte de famme, e de friddo... e o chesto l' aveva ditto là legge de Dio? e de tutto chesto non poteva parla!.. e lassame spapurà na vota, ca si no crepo: e po dice tal e quale ca la costetuzione non le vole: signo ca è mariuolo, o rucco rucco, o zimeo, e 6o magnà franco: oh, e lassamello dì.

G. Avete ragione, l'avete conosciuto: costa questo metodo non si poteva andare innanzi: presto o tardi finivamo col mangiarci l'uno con l'altro, o pure dovevamo andarcene e venderci come schiavi agli Americani.

C. N. Ora venimmo a nuje: mo ch'avimmo da fa? mo non pagammo chiù pise, n'è o vero?

G. Non si pagherà tanto, né si pagherà a capriccio, ma si pagherà ciò che basta per mantenere la truppa che ci serve di difesa, i ministri, e i giudici che amministrano la giustizia, che regolano l'istruzione pubblica, e la sicurezza interna; que che conservano la marina, per la guerra, e per il commercio, per incoraggire le arti e le scienze utile; se per sostenere con qualche decoro la religione, e per dar quanto basta pel trattamento magnifico e decente del re e della famiglia reale...

C. N. Ah... mò capesco... E pe chesso nuje avimmo da pagà: o nò va buono: ma allo macaro sapimmo pecchè pagamo, avimmo da sapè quanno avimmo da pagà, ed a che serve lu denaro che pagamo: ca chesto donca serve tutto pe nuje?

G. Tanto bene: ed i ministri ne sono come tanti amministratori.

C. N. Chissi donca nc'anno da dà i cunte?

G. Sicuro, hanno da dar conto al re ed alle nazione; ed in fine dell'anno i conti si stamperanno e si pubblicheranno.

C. N. Ah, e mo va buono. Chi fa buono lo ministro e lo mpiegato non avarrà difficoltà de fa chiaro i cunti. Chi non bo da cunto, chi non bò costituzione è signo ca vo mbruoglio: Ca chissi nfì a mo hanno fatto li patrune nuoste, hanno fatto e desfatto ch'hanno voluto loro, e nisciuno poteva poteva di niente: nce hanno carrecate e scortecate comm'a ciucce, e non se poteva spepetà parola: isse hanno galliato e scialato, e nuje avimmo avuto da aggobbà e sparpeteja. E chesta non era proprio le legge de Dio... E tutte se mpiegate mo songo comme tanta serveture nuoste e de lo re, non è lo vero?

G. Nel buon governo l'uno serve all'altro, ed allora è buono il governo quando fa ognuno il suo dovere, e quando ognuno riceve la mercede che merita.

C. N. Ahu... nfi a li portiere non devano audienza; stevano co tanta na mutria: e chesso pecchè? pecchè li menistre... e ba buono. E mo le mpieghe comme se daranno, e a chi se daranno?

G. Si daranno sempre a chi li merita, a giudizio del pubblico senza impegni e senza intrighi.

C. N. Donca songo fenute li mbroglie, le mpigne secrete, le proteziune. Mo lu re nuosto po sapè tutto, e non se fa: nganmà chiù. Mo lu rre non avrà chiù renfacce, non avarrà chiù nemice, mo po dormi securo a sette coscine, passià fra nuje notte e ghuorno residie e senza pericole, po ghi cammenanno sulo e senza guardia, ca mò tutto lo popolo lo vole bene, e lo guardano: mo isso se po chiama rre d'uomene e no rre de maccarune.

G. Oh non v'è popolo e non v'è re più contento e sicuro quanto con la costituzione buona e ben osserva anche i Ministri che han giudizio, faranno il loro dovere rendendo felici i re ed i popoli; e questi gli saranno grati fino alla generazione: ma se si portano male, possono esser presto o tardi in disgrazia, e rovinati per giustizia, per volontà e capriccio del re a cui hanno servito e che hanno reso tiranno, e possono esser da un momento all'altro strascinati dal popolo irritato; e sono di eterna maledizione ed esecrazione ed odio presso tutte le nazioni e nella storia.

C. N. E donca perchè ne fanno quanno a Carella li Ministi?

G. Perchè sono pieni di superbia e d'ignoranza, e non vedano dove li va a trasci la lora mala condotta: che per comandare fanno la più vile servitù nelle corti.

C. N. E po chesto no llo bole Dio, che tanta megliara e megliara de aggente aggiano da essere schiave vennute maltrattate e scortecate pe poche solamente: io credo ca domeno Dio nce ha fatte tutte suocce, e tutte uommene, e no piecore e cinue: io non me nce poteva sa capa ce la veretà. Ora deciteme nauta cosa, mo non simmo portate chiù a fa la guerre a crapiccio pure de li meniste?

G. Oibò. Da ora in poi la guerra non si farà senza consenso e saputa delle Nazioni: e queste difficilmente si metteranno a far guerra senza bisogno: anzi esse da ora in poi saranno amiche, e qualche punto di controversia si saprà comporre amichevolmente. Laonde le guerre saranno rare, e non saranno ingiuste e capricciose per ambizione e per intrigò di qualche ministro. Quando la guerra per noi fosse necessaria, per difendere la nosta costituzione, le nostre proprietà, il nostro re, noi non saremo timidi né  pigri.

C. N. O pe chesso nce facimmo tante d'uocchie. Tanto che nuje eramo trascenate a commattere co chi non canoscevame, o pure co amice, e senza sapè pecchè, i o gli miei non hanno volato sapè niente i de commattere, e l'anno fatto buono, non s' hanno voluto sa accidere pe l'aute e cierte bote pe chi le maletrattava pure. Ma mo se s'avesse da commatere pe la causa nosta, io songo lo primmo; e non ce la facimmo passà la mosca pe lo naso. Vuje v alle cordate ca li franzisi non ce potevano, sì non era pe li patriotte e pe la guardia cifreca: li napoletane, l'abruzzise, li calavrise, eccettera si l'hanno visto bene; e po se stettero cojeto, ca li patriotte li proteggevano, credennose de sa buono, e po testajeno coglionate. E mbè, li civece e chille che isse chiamavano bregante, e che se songo sempe potate da guappe, non erano Napoletane?

G. Questo è vero. Si è creduto che i Napolitani non sono capaci di resistere, perchè di un clima molle ed in mezzo all'abbondanza: ma in questo medesimo clima, ed in maggiore abbondanza erano pure i Sanniti che diedero tanto da fare a Romani; qui vivevano anche Dauni, i Picentini, gl' Irpini, e Bruzii, i Tarentini, i Campani, e tanti altri popoli del nostro regno, che furono valorosi soldati, e che poi furono i più forti alleati de Romani. Per la causa propria gli abitanti del nostro possono fare gli stessi portenti di valore, possono fare gli stessi portenti di valore, possono fare gli stessi sagrificii.

C. N. Ahu! pozza esse mprefecato: chi nce ha data sta costetuzione. Mme pare che tutte l'uommene nuorate la vonno, però la legge de la jostizia e de la contentezza, e de lo bene do tutte: li prievete nuorate, li paglietta nuorate, li nobele nuorate, li sordato nuorate, li miedece nnorate, l'artiste nuorate li mercante nuorate, li suggeche nuorate, i mpiegate nnorate, li bezzariate nnorate, li pecchiane e li pecorare che vommecano no butto de Sango e acqua e bieto, tutta sta pente nnotate vole la costetuzione.

G. E pure vi è qualcuno, a cui non piace.

C. N. E chi non bole sta costestazione? so chillo che bonno magnà a spese d'aute, chillo che bonno sciala senza fategà, chille che banno  nnante senza merete, chille che bonno campà coglionano la gente, chille che non hanno coscienza, nè annore; chille che vonno pescà allo truvolo, chille che songo malandrine, mmecidejareje, marejuole, bregognate, spejune, chille che bonno fa sempre mbruoglie e fauzetà, chille che bonno scortecà la gente, chille che nce vonno apprimere... o domeno dio, e te ne vorrisse sta? Chisso so chille che banno contra la legge di Dio. Ahu, segnore mio, sannaro, falla durà sta costetuzioue nfi che lo munno e munno. Nè compà Gigà, po durà?

G. Senti, potrebbe darsi che un resto di birbanti la potrebbero distruggere: ma non potrebbe durar molto la schiavitù, perchè tutto il mondo ha aperto gli occhi, e tutti vogliono essere governati con la giustizia, e di è con la costituzione: e presto o tardi là si va a finire; quando tutti vogliono, quando i popoli vogliono una cosa, e cosa giusta, tutto ottengono, come vedete. Vi ricordate ch mostro di potenza era Napoleone? e bene, perchè si rese odioso a tutti, tutt congiurarono contro di lui, e quelle potenza che pareva onnipotente in poco tempo fu distrutto.

C. N. è vero: quanno lo popolo non bole non bole. Mo m'allecuorde na cosa. Sento di quarche frostiere ca sta revoluzione nosta l'hanno fatta i murattiste, ma chesto non è lo vero, anzi songo stati li nemmice de Muratto; li cravonare volevano la costetuzione, e isso non boleva, e li persecotaje; e poi li cravonare cioè tutte i napulitane, l'armata, e tutte quanne lo chiantajeno mmiezo a na via; e nce lo bolle. Diceno cierte forestiere ca la revoluzione nosta l'hanno fatta solemente li cravonare, e ca perzi e cosa de na setta: ma pe santo jennoro, o cravonare, o non cravonare, tutti.

_______________________________________

È continuata









Nicola Zitara mi chiese diverse volte di cercare un testo di Samir Amin in cui is parlava di lui - l'ho sempre cercato ma non non sono mai riuscito a trovarlo in rete. Poi un giorno, per caso, mi imbattei in questo documento della https://www.persee.fr/ e mi resi conto che era sicuramente quello che mi era stato chiesto. Peccato, Nicola ne sarebbe stato molto felice. Lo passai ad alcuni amici, ora metto il link permanente sulle pagine del sito eleaml.org - Buona lettura!

Le développement inégal et la question nationale (Samir Amin)










vai su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità  del materiale e del [email protected].