Eleaml - Nuovi Eleatici



La rivoluzione napoletana del 1820-1821 tra "nazione napoletana" e "global liberalism" di Zenone di Elea

LA SCOLA CUSTETUZIONALE

PE LI P I C C I R I L L I 

SECONDA LEZIONE  

CUNTENUVAZIONE DE LI PENZIERI

DE CHILLO CHE SCREVETTE LA  PRIMMA CHIACCHIARIATA

Tra lu Sebeto e lu Cuorpo de Napole

di Salvatore Grasso

se vuoi, scarica il testo in formato ODT o PDF)

Ai 10 Settembre 182o

Cuorpo de N. LU cielo t'avonna Sebete mio; salute e bene te venga.

Cola... E io te vaso la mano, si Masto mio de core.

Seb... La sciorta ve faccia chiovere ncuollo razie a bezeffie, e cunzulazione cu la pala.

Cic... E io pure faccio l'ubbrecazione mia cu lu masto.

Seb... Beneditte... crescite e murteprecate... nè simme tutte?

C. de N. Nce manca na capo.

Seb... E chi è chisso?

C. de N... Ntuono nu lu ssaje?

Seb... Ebbiva u ncurregibile. E pecchè n' è benuto?

C. de N... E che saccio: m' a jencuta ma capo i stroppole, parenno a isso i m’avè fatto capace. Aggio aizato u cannicchio; e mmente stevamo pe beni ccà, m'a fatto nu chiantarulo, ed è squagliato.

Seb... Chesso mme da pena; e non borria che sta freddezza i Ntuono fosse nu cattivo asempio pe ll'aute, e nu mal' aurio pe li fatiche meje. L'ommo che nu cerca de se canoscere, e pe cunzequenza de saperesi apprezzà, sarrà sempe nu piecoro che ba appriesso a lu manzo. N'avite assapurato ancora che gusto è chillo de sapè quaccosa chiù de n' auto. L'ommo mparato è fatto pe la sucietà; lu taratufolo è fatto pe li vuosche. Quanno ognuno canosce l'obbreco sujo, e chello che ll’attocca, se sape sta cu di piede dinto a ma scarpa, fa cunto de lu gnvierno mette mpratteca li leggi, li rispetta, li ttene a core; e si attocca fa de tutto pe se li guardà.

C. de N... E ca chisso è u ponte i l'aseno. Sa quanta paisane nuoste fanno bù, bà, e po ncuorpo a lloro dice no: ciuccie ccà, e ciucce nvarvaria.

Seb... Lu ssento, e lu ccanosco: una sacce ca è passato chillu tiempo che Bertola felava. O pe fforza o pe bona voglia mc anno da essere a st'abballo... Orsù, o spezzammo stu capo, e mettimmo mano a fierro.

Peppo.... Nè si Ma c'avimmo da taglià quaccosa superchia a quaccuno?

Seb.... Statte zitto tu, a n'è ora chessa de fa sbriffie.... Trasimmo dinto a la scola.

Cola.... Eccoce ccà....

Laur... E nce simme assettate.

Seb... Va buono.... Primmo de tutto voglio sapè si v'allicurdate chello che dicetteme ogge so otto juorne?

Cic... Io lu ttengo a mmente, si Mà: Dicistevi ca ogne ommo nasce e resta libero, e tutte simme uguale senza destinzione:

Vicien.: E sulo chi se fa mmereto cu li bone aziune, ave da essere premmiato e destinto.

Pep. E io pure m’allicordo c'azzennastevo, ca da chisto primmo deritto dell'ommo nne veneno ciert’aute che so na bella cosa, ma nu arrevastevo a sprecarincille.

Seb. Ebbiva, ve mmeretate proprio vase a schiuocche. Portateve sempe accusi, nchiuccate, e stampate a lu core?

C. de N... Cumpà nu faccio ca mme so figlie, ma teneno tutte nu cereviello sfasciato. Abbasta c'appizzano li rrecchie, nn' esceno sempe cu annore e grolia

Seb... E justo mo volimmo parlà un poco ncoppa a chello c'ave cefuliato Peppo.

Ve dicette ca da lu primmo deritto dell'ommo nne scenneno pe cunsequenza chiss'aute. Ogne ommo teme la libertà soja; e ncoppa a la perzona nu po essere né affiso né martrattato, o assuggettato a nu castico, si no de chillo muodo che la legge stabelesce.

Cic... Libertà... libertà. È na cosa bella e te fa freccecà pure nu muorto.

Seb... E lu vero ca è na cosa bella: ma è nu mitallo chisso, quanto preziuso, tanto chiù facile a spezzarese; e abbasta ogne piccola macchia pe lu fa addeventà peo de lu cchiummo.

 C. de N... E nne tenimmo l'asempie frische frische sotto all'uocchie, pe chello che da 30 anne a chessa via e succiesso ntutta l'Auropa. Non serve revutà li prutacuolle viecchie pe bedè cumme cammina lu Munno; avasta e superchia mmerarece a li spiecchie de Ii juorne nuoste.

Seb... La libertà dell'ommo se po guardà a doje faccie. Libertà naturale, libertà civile.

Cola... Si Ma, mo te nne viene cu lu ssoleto parlà ncercola.

Seb. E simmo da capo: a poco a poco è fatto u munno. Stateve a senti e rifrettite. Volite vedè cumme sarria l'ommo a lu stato de libertà naturale? eccolo ccà. Ve nne voglio fa lu ritratto cumme meglio esce da la forma.

Mmacemateve de vedè ma femmena prena, che passanno pe nu vuosco lle ncasano li ddoglie, figlia, e fa nu masculillo. Sperta dint'a sti frasche là resta: magna castagne e gliandre che cadeno dall'arvure; veve l'acqua che scorre da nu sciummariello: e la notte s'agguatta dint' a na grutticella pe s'arreparrà da lu cchiovere, e dorme a mura terra ncoppa a l'erva. Lu peccerillo cresce cu lu latte de la mamma; quanno sta pe se fa strappatiello, la brutta secca, da na cagliosa a la scasata, e nne la scioscia.

Niro guattariello, sulo dinto a stu vuosco, spierto, e abbannunato, se cresce cumme a nu purcelluzzo sarvateco: Si tene famma, s'ave d'arremerià cu li frutte che trova: ave sete: l'acqua che scorre nce la leva. Nsomma de chessa maniera campa, e comme ngrannesce la perzona, mette purzi lu judicio, e la ragione.

Beccotillo a la fine gruosso e cresciuto. Canosce tutte lli nnecessità de la vita, ma ave pure la libertà de fa chello che le pare e piace pe li ssudisfà; né ave chi nce lu pruibesce, pecchè vota e revota, e sempe isso sulo se trova. Si ogne ommo de lu munno poterria campà a ssu muodo, se diciarria l'ommo che campa a lu stato de libertà nnaturale.

C. de N... Io credo che stu chilleto s'avarria da chiammà chiù priesto animale sarvateco, ca ommo.

Seb... E chesso è certo; ma aje da sapè da l'ommo non è stato criato pe campà de chessa manera. Non nce jettammo: sacciammoce apprezzà; e tenimmo sempe nnante all'uocchio chillo mutto dell'Aracolo: ommo canuscete tu stisso.

Laur. Quanta vote stanno sulo sulo mmiezo a na campagna, mme passa quacche penziero de chisso, ma mme mbroglio e non ne saccio ascì.

Seb. E pecchesso in stato de libertà naturale s'è accunciato, passanno a lu stato de liberta cevile. L’ommo de natura soja ncrinato a passà la vita sempe meglio de chella che fa, s'è aunito cull’aute uommene. Si dà na cosa nne riceve n’auta: chisto fatica da manera e chillo de n'auta; e accussì ognuno se prucura chilli commote che no tene a lu stato proprio.

Peg... Ma quà bota aggio visto ca tutte vatteno la via de lu jiusto;

Seb. E mo mme ne vengo a lu discurzo nuosto, ca veco buono de m'essere scustato, nu poco da la custione.

Ogne ommo tene li ppassiune soie e spisso li bota chiù al lu mmale c’ a lu bene. Tutta la iustizia se fonna ncoppa a sti quatte parole non fare all'auto chello che non buò per te. Ma! simm'uommene. Quase sempe sta justizia nce la facimmo passà pe li talune; e la mala jenimma   nce fa sempe ji cercanno lu muodo comme saglì ncoppa a lu simmele nuosto e co fa ji l'aute da sotto. Da la necessità, de mantenè sta  justizia, se so aumentate lli lleggi. Chi manca ave da essere casticato, sulo mperò de lu muodo che la legge stabelesce. Essa perzeguita la mariuolo, lu mmicidiario, lu calunniatore, lu cattivo guvernatore, e ba scurrenno.

C. de N. E cierto ca si nu nce fossero li leggi nc'accedarriamo l'uno cull'aute; tu spuoglie a me, e i spoglio a lu tierzo, e accussì ognuno guardarria l'ommo no cumm' a compagno, ma cumm' a nemmico.

Seh... Vi cumme senza penzarece ajo canusciuto a che cunsiste la bella libertà civile. Lu cetatino che fa l'obbreco sujo, ama lu prossemo, campa  cu li frutte de li sudure suoi, rispetta la legge, e li judeci, obbedesce a da guvierno; e accussì si nu po fa  uso de tutta a libertà soia naturale,  sciasceja a fu mmanco de n'auta manera, pecchè dorme a quatte cuscine,  ca nce sta chi veglia pe isso. Nu teme de perdere chello che teme, né  ave a paura d'essere affiso pe preputenza e pe briccunaria.

C. de N... E pare quanta vote avimmo viste tanta nnuzente perzecutate, arruinate; lloro, li ccase, li rrobbe, nfi a perdere la vita!

Seb. Nò, perdoname. Addò nce sta bona Custetuzione chesto nu succede. Ntriche, calunnie, vennette private non se ne vedarranno. La legge mette li ggranfe ncuollo a chi manca; ma sulo quanno s' è assicurato ca chisso affettivamente ave mancato. Accussì sottamano nu nce nne sarranno chiù.

Fora spiune, fora dispotisemo, ca ogne omme ave da tenerese pe nuzente nfi a lu punto che canusciuto lu delitto sujo, se trova anninamente suggetto a lu castico.

Cola... Si Mà cu llicienzia vosta vorria dicere ma cosa. Pe potè ognuno sottometterese a chesto c" buje decite, nce vo u cunzenzo sujo?

Seb... Sta parola pesa, ma pure voglio vedè si so capace de nce responnere. Avisse da credere che stu cunzenzo dell'ommo che s'assuggetta all'obbrecaziune de la sucietà, fosse cumme a lu cunzenzo de chillo che ba a nguadià? A chessa cosa nce vo lu cunsenzo aspresso de ogne individuo, ma a lu bivere nsucietà avasta lu cunzenzo taceto.

Vicien... E quà è stu cunzenzo taceto?

Seb... Eccome ccà: no mme spreco cu nu paraone che ognuno de vuje a tenuto sott'all'uocchie, e boglio vedè si refrettennece me putite libbrecà nu ttecchete.... Nasce la criatura a lu Munno, e la mamma pe lu crescere l'arravoglia dint' a li ppezze; e po cu nonna e zizza la fa crescere nu pappone. Se fa strappatiello, e lu sinanxxxina,; e mmente cu lu calo per terra o a quatte piedi se mpara de cammenà sulo, accummenza pure a ntartaglià quá parola. Comme cresce isso, cresce lu judicio e li desideri: ma vo ma cosa, mo nu la vo chiù; chesso cerca, chello jetta: strilla, se despera, vatte, piglia a nziria, e guaje a la casa si nu llu faje vencere. Tu lu strille, e chillo chiù picceja; lle niei na cosa, e chillo ncoccia, ca chella vo a forza, Mme sapissevo a dicere a do nasce chesto?

C. de N... Ca veneno de mala jenimma.

Seb... Nò... pruovene ca nasce libero, e bo fa tutto chello che le vene ncapo; e crede ca la volontà soia conta pe tutto. Ma nu nce fermammo ccà. Fatto chiù gruosso, quà bota, lu pate cu lu cignone lu fa ntennere pe forza. Lu scurisso si na vota s' arraggia, n' auta cede: pecchè vede ca facenno lu ccuntrario nu ave marenna, s'ammanca u tornesiello, e nu z'accatta li ppazzie. V’ecco comme cede la porzione de libertà soja, pe godè de n'auta cosa... Va a la Scola e s'accummenza a mparà: Nasce lu vulio du vestito nuovo, du carrino dinto a la sacca, de lu spasso cu l'amice, e quacc’auta cosa purzi. Tellechiato da sti ncrinazione se mpara l'arte, cerca lu mpiego; nzomma piglia stato. Chi lu tene che pe stare a tunno a pappalardiello nu se nne vace a na sulitutene a sta cumme vò isso? Ma penza ca lla nu po truvà tutto chello che bole, e perzò tacetamente accumsente de restare nsucietà, e si da ha cosa, nne trova n' auta pe cierto. Cò, c'è e nu nc’è lu cunzenzo d' ognuno all'obbreco de Cetatino?

Cola... E che te voglio dicere?... Sto cumm’ all’aseno mmiezo a li suone.

Seb… Ora figliù stu capo l’avimmo troppo alluncato. Avite visto quà è la libertà de la perzona sotto a lu guvierno Custetuzionale; mo volimmo dicere doje parole sulamente ncoppa a libertà che ognuno ave de fa chillo mestiere che lle piace.

Laur... Si Ma, facette buono io! Tata mme voleva fa paglietta, e io mme ne jette a guardà i crape.

Seb... E faciste buono sicuro, pecchè tanno pateto penzava cu li piede... Pe dimustrà ca ognuno è patrone i fa chell'arte che le piace nu nce vo troppo. Chesso scenne pe cunsequenza da quant'avimmo ditto nfì a mò. Chillu Saccentone de Masto che nce criaje, si da na banna nce dette l'abbesuogne de la vita; dall'auta nce dette li bbraccia e li forze pe fatecà, e lu cereviello pe rifrettere e canoscere lu buono e lu mmale. Attocca a nuje a sciegliere, de chillo muodo che meglio nce riesce, e penne putè caccià chillo zuco che cercammo. Vide mò si ncoppa a chesso se nce po mettere assise?... E perciò lu guvierno Custetuzionale nu nce mette prete i ponta, e nce lassa fa cumme meglio credimmo ncoppa a stu particulare.

C. de N... Cumpare mio ti spriche a lettere i Marzapane,

Seb... Figliù avasta mò; stipammece quaccosa pe n' auto juorno.

Pep...Cò, lasseme passà, ca voglio ire a pi..

Col... E io pure.

Seb... Jate, jate, ca pare che v' a muzzecata a tarantula.

C. de N... Sebè faccio nu penziero. Mme pare ca i ccape se vanno mettenno chi è a signo: nu ne è tanta smania pe nutizie; anze veco na carumaria, che rifrettennece pare nu vero suonno chello che succere.

Seb... Li cagnamiente de cuvierno so cumme a cierte malati e murtale che o beneno all’ommo... Lu beleno a poco a poco s'acchietta ncuorpo; tutto nzieme le spara na freva; lu mma2 le cresce e fa paura, e facenno nu schiuoppo te l'afferra na simpeca. Niro isso, lu può speri pe ll’auti cazune; la casa tutta nfruscia, e già se tre va chi corre a chiammà patane. Ma mmiezo a stu spanto de lutte, lu mmale fa na crise, lu malato da signe de vita, ammanca la cummurzione, passa meglio; e a la paura de la morte succere la priezza de vederlo sano e sarvo.

Min... Lu Cielo mperò, lu pozza scanzà da na ricaruta!

Seb... Ntenno figliulo mio quanto vuò dicere: e pecchesso a lu juorno che simmo, sempe ve faccio na taverna ncapo dicennevo: Piccerì, stammece attiente, ca de la fraveca appena s'è accumenzata a scavà lu pedamiento. Nce manca u bello e u buono po fernì u palazzo.

C. de N... Io però mme prejo sempe che beco ca u Capo Masto sta cu tante d'uocchie apierte, e quanto face lu fface veramente de core, e cu la chiù bona ntenzione de tutte l'aute.

Vic... (a Peppo), Lassa, o te do nu scerevicchione!

Pep... Capurà, ch'è muorto a Lifante, cu mmico nu fa u spacca e pesa.

Vic... Mme lu ssonno ca si benuto sano, e te nne vurrai i rutto.

Pep... Guè? vi ca io nu m'aggio fatto passà mai a mosca pu naso.

C. de N... Nè né, scumpimmo stu taluorno; o mo ve faccio ascì a mustarda pu nase a tutte duje.

Seb... Nzomma ogne bota che ne arrepusammo nu poco, ve vota lu cancaro? Appurammo che d' è st'auto cuntrasto?

Pep... Aje ragione: io accalommo a la voce de lu Masto, no a la toja, muccusiello... te piglia.

Vic... Si Mà aggio smicciato chisto mpietto u guappo, e cu na scusa mme lu  vuleva piglià. Ecco pecchè isso faceva u nfernuso.  

Seb... Diascheee nu stile!... Nè Peppariè, chisso pecchè u puorte ncuollo.

Pep... ti porto ca tutte nc'avimmo d'armà, ed è necessario de nce defennere.

C. de N.: E addò te ll’ai mparato chesso, o chi t'a data ssa licienza?

Pep... Ta u pozzo purtà, ca songo...

Seb... Sì la mmala pasca che te vatta: Si cetatino cumm' a tutte l'aute, e aie da sta a currezione. Abbesogna avè meglio pinione de chilli tali che buje sapite. Mo tutte jamme armate annascuse; e ogge o dimane sta cetà nnosta e ogne paese, arreventarrà nu vuosco de sbannite. L'ommo dabbene se crede de sta mmieze a li simmele suoje, e sotto a lu Manto dell'Auturità leggitema che lu spalleja; e mmece ave da tenì lu cuorio a pesone, e a tutte li punte sta suggette a sentirese na cagliosa da do manco se crede. U   Malentenzionate se cummoglia cu stu pretesto, e se sbruffa a crepa panza de la legge, e de chi guverna. Vriogna... o cagnate sistema, o dico ca nu site Napulitane, ma li sarvagge, che stanno all'auta parte de lu Munno!

Pep... Ma quanno s'è cagnato u Cuvierno, n'avimmo avuto a piglià l'arme, e starece nguardia pe quà ruciello?

Seb... Ogne Cetatino nasce surdato; e quanno se tratta de defennere a causa propia contra a nu nnemmico, piglia l'arma, corre, e se fa fa tanto u piezzo. Ma chesto s'ave da fa sempe cu subburdinazione a chi è capo. L'armatura pò de lu vero cetatino, è a scuppetta, e la spata. Fenesce a nicessità? se posano l'arme mpotere de chi li custuresce, e torna ognuno a piglià lu strumiento dell'arte soia. Perzò lu Cuvierno sta de sentenella; e si attocca, nu sisco abbasta pe v' aunà tutte sotto a li bannere; e tanne sarrite chiù forte, quanno site chiù aunite.

C. de N... Si potessemo vedè lu core de tutte, che bella lenterna mageca che sarria!

Seb. Cumpà, tu che si pate de famiglia, sacce fa l'obbreco tujo.

Vic... Si Mà che nne facimmo de stu stilo?

Seb... Jettalo a mare... Veco ca quaccuno de vuje stammatina se nne va nu poco ntusciatiello cu mmico; ma i io ve voglio bene de core, e v'aggio da dicere a verità, o a vulite o nu la vulite sentere..

Pep... Nuje te simmo ubbrecato; e nsegno de chesso te cerco scusa si t'aggio dato collera.

Seb. Damme nu vaso a pezzichillo: chi non canosce u Napulitano nu l'apprezza.

C. de N... Peccerì nce nne volimmo ji.

Col... Cumme vo tata.

Seb... Lu Ciele ve guarda guagliune miei.

C. de N... Statte buono, cumpà, a ben vederece... Addio.




Nicola Zitara mi chiese diverse volte di cercare un testo di Samir Amin in cui is parlava di lui - l'ho sempre cercato ma non non sono mai riuscito a trovarlo in rete. Poi un giorno, per caso, mi imbattei in questo documento della https://www.persee.fr/ e mi resi conto che era sicuramente quello che mi era stato chiesto. Peccato, Nicola ne sarebbe stato molto felice. Lo passai ad alcuni amici, ora metto il link permanente sulle pagine del sito eleaml.org - Buona lettura!

Le développement inégal et la question nationale (Samir Amin)










vai su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità  del materiale e del [email protected].