Eleaml


Per non far torto a nessuno e per non ledere i diritti degli autori delle opere, riportiamo poche righe tratte dalla prima pagina di ogni testo, per invogliarvi allo studio personale degli argomenti.

[email protected]
_____________________________________________________________________________

PER LA CRITICA DEL SOTTOSVILUPPO MERIDIONALE

di Edmondo M. Capecelatro e Antonio Carlo


LA «QUESTIONE MERIDIONALE»

NELL'INTERPRETAZIONE CORRENTE

 

Il fenomeno del sottosviluppo meridionale è stato ricel­legato, da quasi tutti gli studiosi, al carattere ancora semi­feudale e precapitalistico del Sud al momento dell'unifica­zione nazionale, la quale, poi, signíficando un rapporto con una società più forte ‑ il Nord capitalistico ‑, avrebbe definitivamente schiacciato e compromesso le autonome pos­sibilità di sviluppo dell'ex reame borbonico.


Questa tesi delle «due Italie», dominante tra gli storici e gli economisti liberali, ha avuto vasta eco all'estero, come provano gli scritti di Vera Lutz o gli accenni al meridione contenuti in una delle più celebri opere di Celso Furtado.

Ma su questo punto la scrimínante non passa tra liberali e marxisti, poiché anche questi ultimi ‑ a cominciare dallo stesso Engels ‑ accreditano l'opinione in esame, che per­mea pure gli scritti di Grainsci. Nell'ambito del marxismo, anzi, questa opinione diventa il supporto delle analisi e delle proposte politiche del PCd'I, che appunto ebbe il merito di porre in rilievo l'importanza nazionale della questione meri­dionale.


Basta leggere, per convincersene, quanto scriveva, nell'agosto del 1926, poco dopo il congresso di Lione, uno dei massimi meridionalisti del partito: «I tentativi delle monarchie meridionali di opporre alla proprietà feudale la piccola proprietà andarono del tutto falliti, nel nuovo regi­me politico‑giuridico del xix secolo la grande proprietà con­tinuò a prevalere conservando quasi ovunque immutati i
caratteri della proprietà feudale.


[...]


____________________________________________________________________________________


PER LA CRITICA DEL SOTTOSVILUPPO MERIDIONALE

PER LA CRITICA
DEL SOTTOSVILUPPO MERIDIONALE


Edmondo M. Capecelatro - Antonio Carlo


    La Nuova Italia







vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].