Eleaml






Un caro saluto. Antonio Grano

A tridece 'e frevaro Sissantune...

(Da ‘O surdato ‘e Gaeta, di Ferdinando Russo,
per non dimenticare)


“... Tre mise e miezo 'e patimiente ‘e cane,

e a tridece 'e frevaro Sissantune

capitulaimo ‘nfra 'e sbattute 'e mane

d’ ‘e libberale fauze e scavuzune!

Belli fratielle! Belli crestiane!

Belli ppagnotte! Belli carugnune!

Vi' che vittoria! E che cuscienzia! E c'arte!...

Quanta Napuliune Bonaparte!

 
Tutte, cu 'e piette ‘nnanza, àute e ‘ntufate,

salvaino 'a Patria, e 'a Libbertà venette:

'e cammurriste fuino accarezzate,

‘e mmariuncielle avetteno 'e cunfiette...

E nui, maletrattate e suspettate,

cu 'annore ‘nfaccia e cu 'e fferite ‘mpiette,

nui suppurtaimo, ‘nfra delure e schiante,

‘e malefiggie nire 'e tuttuquante!...
























vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].