Eleaml


Fonte:
Specchio - Supplemento alla Stampa - 15 gennaio 2005 n. 450

Sono Mango e faccio come Bob Geldof

Prima la lotta contro le scorie nucleari.
Ora quella per l’autonomia della Basilicata.
La star di Lagonegro la butta in politica.

DI ANNA LANGONE

Lucano silenzioso ma anche ribelle, star eppure persona semplice che continua a vivere a Lagonegro (Potenza), dove è nato e dove ha sposato, da poco più di un mese, la madre dei suoi due figli. Accanto al Mango ammaliatore dì Bella d'estate e Ti porto in Africa, c'è un clone che forse sognala politica e, intanto, fa il capopopolo.


Mango. un anno fa lei guidava la protesta contro le scorie nucleari a Scanzano Ionico. Ora, la battaglia per tendere la Basilicata Regione autonoma. Che succede nella sua vita?


«Viviamo in un momento particolare, in un mondo fatto non soltanto di guerre, ma di una nuova barbarie, che mi costringe a spegnere la tv mentre sono a tavola con i miei figli, per non traumatizzarli con immagini dì decapitazioni. lo sono contrario alla censura, ma ci vorrebbe qualcuno che decidesse cosa trasmettere o cosa no».


E questo come si collega alla Basilicata?


«Tutto quanto viviamo è espressione dell'avanzata del potere. Per le scorie si dava per scontato che la Basilicata dovesse subire, ma dopo la protesta a Roma hanno dovuto fare marcia indietro».


Insomma, è riuscito a dar voce a chi non l’aveva, come Bob Geldof e Bono.


«Beh, diciamo che ho convinto i miei conterranei a protestare. Erano amareggiati e vedevano in me una specie di santo protettore, ma io mi sentivo solo uno di loro. In quel periodo ho annullato tutti i miei impegni, ma non sono mancati i problemi: í lucani non sono abituati a protestare, vanno istruiti».


E ora, la petizione per la Basilicata Regione autonoma.


«Sì, autonoma, ma non nel senso che intende Bossi, io mi sento italiano. La Basilicata però è sempre stata la regione più bistrattata d'Italia, la più povera, anche se negli ultimi anni il Pil è un po'aumentato perché abbiamo il petrolio. Ma anche il petrolio non dà ricchezza al territorio e le nostre grandi riserve d'acqua vanno altrove. La Basilicata continua insomma a essere l'ultima regione italiana e allora tanto vale fame una Regione autonoma: continuerò a battermi per questa causa, come il cittadino Mango Giuseppe».


Cittadino, ma anche cantante di successo e poeta


«Sì, ho pubblicato Nel malamente mondo non ti trovo, che rappresenta la mia filosofia di vita: io voglio vivere di poesia, di bellezza, voglio godere delle cose meravigliose di tutti i giorni, dell'amore per mia moglie Laura, per ì miei figli, i miei amici ... » .


Perciò vive in un paese di 7 mila abitanti?


«Sì, ma non sono l'unico a pensarla in questo modo: anche Vasco Rossi e Ligabue vivono cosi. L’esigenza dì condurre una vita semplice è molto avvertita nel nostro lavoro: c'è Lucio Dalla, con cui collaboro spesso, che si rifugia appena può alle Isole Tremiti.»


Se le chiedessero di fare il presidente della Regione cosa risponde?


«Non mi schiererei, ma se mi facessero una proposta convincente, fuori dai canoni della politica, accetterei. E lo farei con grande pulizia e onestà».



  Fonte: Specchio - Supplemento alla Stampa - 15 gennaio 2005 n. 450

 

Torna su

 

 

 

Il Sud e l'Unità d'Italia - Sicilia


Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].