Eleaml


Fonte:
http://www.telestreetbari.it/

Gaeta città laboratorio delle tv di strada

Sebastiano Gernone

Martedì, 20 gennaio 2009


La situazione delle tv di strada non è dinamica, si campicchia e d'altronde tutto naviga contro: oligarchie di potere e mancanza di progetti alternativi all'omologazione generale.

Da parte nostra le abbiamo tentate in tutti i modi: un progetto per la città di Bari e per la Puglia pubblicato a piena pagina sull'edizione di Repubblica pugliese, sulla Gazzetta del Mezzogiorno e altre testate locali non ha avuto nessun sostanziale riscontro dagli interessati (Comune, Provincia e Regione tutti di centrosinistra con Emiliano, Divella e Nichi Vendola); tutti hanno ritenuto innovativa la proposta, Vendola in campagna elettorale quattro  anni fa promise l'inserimento delle tv di strada in Puglia ma nulla si è fatto.

Beffati anche da chi pur disponendo di sedi e mezzi, invitò all'Università di Bari la tv di strada Insu Tv di Napoli per parlarne, ignorò volutamente e dolosamente quel che noi si realizzava online e si proponeva da tempo a Bari, non rimborsò a quanto mi è stato riferito gli amici di Insu tv e tutto finì nelle loro sedi a pizza, chiacchiere pseudo rivoluzionarie, birra, ecc. . . dai soliti aspiranti ad entrare nelle burocrazie dell'associazionismo vario e dei partiti.

Che fare ci chiediamo?

Propongo che Gaeta che ha un gruppo di lavoro della tv di strada consolidato, un assessore al Comune come Antonio Ciano (fondatore della prima tv di strada) diventi città laboratorio delle tv di strada.

Una città in cui confluiscano una volta all'anno tutte le tv di strada ospitate con i propri gruppi operativi e con  il sostegno economico del Comune, per trasmettere i propri lavori, contribuire alla creazione dell'archivio audiovisivo della città di Gaeta con interviste video biografiche a tutti gli anziani di Gaeta, ai giovani e a quanti vogliano partecipare per  esprimere il proprio punto di vista sulla cittadina (un laboratorio della gente di cui noi si sarebbe strumento), con la trasmissione oltre al lavoro di ripresa e racconto del territorio alla tv di strada di Gaeta Tele Monte Orlando di una rassegna cinematografica di valore per la settimana delle tv di strada, di dibattiti in piazza sulla vita pubblica trasmessi: un esperimento innovativo e tutto da discutere, realizzare e migliorare di edizione in edizione, alternativo e liberatorio rispetto al regime televisivo Rai Mediaset e tv commerciali varie, che possa creare con tante contaminazioni culturali un arricchimento per Gaeta, per il progetto tv di strada, per una cultura di creatività, espressione e liberazione.

Sebastiano Gernone





telestreetbari.it











vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del Webm@ster.