Eleaml - Nuovi Eleatici



La rivoluzione napoletana del 1820-1821 tra "nazione napoletana" e "global liberalism" di Zenone di Elea

LU SEBETO SCETATO DA LU SUONNO

CUNNO DISCURZO FATTO DA CHILLO STISSO 

CHE SCRIVETTE LA PRIMMA CHIACCHIARIATA

TRA LU SEBETO E LU CUORPO DE NAPOLE

(se vuoi, scarica il testo in formato ODT o PDF)

PRUTESTA

Li cummanne de l'amice de na banna, e l'ubbrecazione de cetadino dall'auta, m'hanno caruliato lu ciereviello chiù de no juorno, nfine aggio penzato a ttruvà lu muodo cumme fa na fatica contenovata, e potè da quanno nguanno dà na scuzzunatella a la ggente chiù gnorante pe mpararele, cumme meglio mme riesce, l'essere dell'ommo, e lu stare nsucietà.

Ma gnuno potarrà dicere, pecchè nfi a mo t'aje chiavato la lengua a chillu servizio?.... Sta scartoppola spartuta ndoje jornate, diciarrà, cu la primma le rraggiune meje, cu la seconna lu ntenzione che tengo pe chello che bene appriesso.

Aggio pesate li fforze meje, e tremino de fa quaraquacchiate. Pacienzia si chesse succede! Lu ntenzione è buono; e pò i parlo a li gnurante. Si piglio qua rancefellone cumpatiteme: e si pe cuntrario arrivo a mparà quaccosa a chi nu la sa, ne so contentone e sudesfatto, ca chesso, e niente chiù lu core mio resirera.

Lu Cielo te guarde.

Li 26 Austo 182o

Corp. de Nap..... Sebeto mio ben trovato... oje Sebeto, Sebè?... cumpà scetete ca è fatto juorno.

Seb.... Chi è che mme fruscia la capo?

C. de N.... Songo io... e che mmalora tiene li cefescole all'uocchie?... lu sole s'a fatto già ma bona galoppata, e tu staie nguarnascione, e duorme a suonno chino!

Seb..... Eh... cumpare mio!.... non saje ca pe nuje viecchie ogn'anno porta nu malanno. E po cunte pe niente stu caudo smaniuso, che nge fa addeventà tanta piezze i baccalà annammuollo. Aggio fatto guerra cu Morfee; e mo ntanto steva nu poco appapagnato, ca u viento frisco de la matina m'a fatto piglià suonno.

C. de N.... Mme dispiace ca te so benuto a froscià cu sta viseta fora lista. A

Seb..... Appila ca esce feccia. Pe me mme daje sempe sfizio: e mprova de chesso te voglio cuntà nu suonno o visione ch'aggio avuto.

C. de N.... Di, ca te stongo a sentì a canna aperta; e si lu suonno mme piace, mme nce joca nu viglittiello,

Seb..... M'aggio sunnato de sta mmiezo a na bella campagna. L'aure vierde e sciurute tuculiavano lli cimme, e facevano zumpà l'auciello da nu pizzo all'auto cantanno e pazzianno; nu, sciummetiello curreva da ccà e da là; e l'acqua soja rosecarella diceva propio viene te nce squazzareja. A nu pizzo scampagnato se faceva na fera, addò acchiane, fatecature, villanelle, nobele e ogne auto ceto, senza destenzione, redevano, pazziavano, e cu tutto lu core sciasciavano. Chi abballa a lo suono de zampogna, chi aiza na varrecchia, e sorchia asprinio razzente; chi dà nu rammaglietto a la pacchianella soja; nzomma tutto era priezza e cuntiento. Attuorno attuorno a sta campagna se vedeva na nfelacciata de belle muntagnelle, che t'addecriavano propio la vista. Quanne da coppa a una de ste montagnelle, aggio visti scennere tre o quatto pasture che purtavano nu libro gruosso gruosso mmano. Conforme cammenavano, tutti li gente se le facevano attuorno, e fatto nu gran ruciello aggio ntiso strellà.

Chisto è la libro che co fortuna avimmo truvato, e che nce face stare nfesta de chesta manera. Leggimmo stu libro, ca vulimmo piglià li tresore che nce prommette. Chi s'affolla, chi votta, chi se mpizza, chi dice lassamo passà a me ca voglio leggere io; nzomma se facette na cuccagna. Lu masto de la festa, imperò se mese a prerecà; e facennelo canoscere ca nu tutte sapevano leggere, prupunette de sciegliere nfra chella frotta chilli che ne fossero capaci. Ebbiva, ebbiva, strellajeno tutte; mo va buono. Ma cumpare mio che buò che te dico? se spartette chella murdetutene a tanta pizzitielle. Accommenza a scegliere: chi vo uno, chi vo n'auto: chi mmezeja, chi scioscia, chi sbruffa, chi se sta guatto guatto a nu pizzo e capuzzeja; ma quanto mmiezo a stu va e biene, mme ntrona ncapo la voce toia, me sceto, e sulo mme resta na confusione de penziere, e na pena, pe n'avè visto a che feneva chella barracca.

C. de N.... E ba sciaravoglia sta ma tassa?.. e tu che ne dice de sta visione? s.

Seb.... niente.

C. de N.... niente! E comme niente?

Seb.... Ca fujo nu suonno, e suonno de state... Ora venimmo a nuje che notizie mme puorte?

C. de N.... E sempe jarrammo trovanno nutizie! cumme si li nutizie nce facessero magnà cu sarvietto!

Seb.... Comme nu t'aje fatto n auto viaggetto pe li Ppruvincie, o a lu manco pe la Sicilia?

C. de N.... Tu quà Provincie e Sicilia mine vaje cuntanno?... io n'aggio passato maje a porta i Chiaja, e u Lavenaro.

Seb.... Tu poche juorne arreto mine veniste a cuntà tanta belle cose, c'avive visto, avive appurato; mme diciste tanta licchesalemme!

C. de N.... Sebè scusemo... A chello che beo pure nce tuzze nfaccia u carrafone! Da che te lassaje a primma vota non songo asciuto chiù da la tana.

Seb..... Mmalora squerciamo! io mo esco da fora i panne, e li cerevelle se fanno ncapo ma partita a rendò!... Anze quanno mme cuntaste sti nnutizie, te voleva addimmannà, ma po mme scurdaje, addò a vive cacciate chilli vierze che mme recetaste; e comme tutto nsieme facenno lu poeta avive....

C. de N.. Chià, chià, aspetta ca mo capesco.... Pure è buono ca parle!.. e bi che rancefellone avive acchiappato. Aje da sapè cumpare mio, ca sarranno quinnece juorne arreto, che na matina venette addò mè figliemo u mezzano, e mme cuntaje na farzetta curiosa. Mme dicette, ca nu poeta i chisse che cantano Linardo ncoppa u muolo, pe se fa na magnata i maccarune a spese i l'aute, ammentaje na cosa. Se chiavaje ncapo nu peruccone viecchio, e cu na scialucca ncuolla comme, a li nnoste, se mese a cammenà Tuleto; addò jeva cantanno e facemmo sentì cierti vierzi, che fegneva avessimo fatto nuje duje. Ma che buò; le fuje scummegliata a zella, e allora vediste, addò nne vuò ca so cepolle! Sische, scorze i limone, cappucce fracete, fujeno la museca, c'accumpagnanno stu poeta-mprosa, u fecero ji a stipà dinto a na taverna.

Seb.... Mme daje sfizio de core. A chisso le succedette cumme a lu cuorvo d'Asopo, quanno se mettette ncuollo li ppenne de lu pavone... Chessa è a prima; ma quanno mme parlaste du viaggio?

C. de N.... Se u viaggio du Meschino... Sebè fuje de notte o de juorno, chesso che dice?

Seb.... Era mbrucata l'aria.

C. di N... E ba pesca che sarrà. Ma io voglio mettere i rrecchie peli pertose, e nne voglio caccià u fraceto.

Seb.... Fa tu... Ma nfratanto damme cunto, cumme si stato tantu tiempo senza venirene a truvà?

C. de N... Aggio refrettuto e abbesogna mullà a scotta quanno u viento va mpoppa, quanno no se sbordeja, se piglia tiempo, e accussi no se po abbutecà a varca. Cu stu penziero ncapo me so stato u pizzo mio i chiantone, addò ausuleo, veco, penzo, rifretto, e faccio zi meo.

Seb.... Ma pecchè, fuorze quaccosa non te garbizza?

C. de N... Quacche beta faccio castielli anaria, e non saccio piglià u filo i sta matassa.

Seb.... Se vede ca nu tiene munno, e si nu poco de fiacca Minerva. Avimmo prummiso de nce chiacchiarià a parte du pane, simbè avessimo da sta dijuno tre juorne, e tre notte,

C. de N... E justo mo te juoche uno, e t'esce nuvanta. Lu parlà nuosto, è cumme si dicisse a nu muorto tira mano.

Seb.... E pecchè?

C. de N.... E pecchè ave da parla chi teme chiù lengua i nuje...

Seb.... Chi tene porva che spara.

C. de N.... Pe me te parto cu lu core a lu musso, aveva penzato i fa acqua mmocca, e passa nnante. U fatto sta ca cierti vicini ne fanno na taverna ncapo. Anno appurato ca tu si portato pe lu bene de la famiglia mia, e pecchesso mme diceno. Penza ca tieni i guagliuni, e non ba buono a farli crescere comme a cetrola nzemmennute. Lassale mbarà accussì tu n'avarraje l'annore, e loro lu vantaggio. Vedenno c'aggio tuorto, aggio pigliato n'auta vota sta via, e te preo de truvà lu muodo, e la manera de li fa cuntiente.

Seb... E che borrisse?

C. de N... Te porto ccà tutt'i guagliune, tu mme si scuzzunije nu poco, facennelo canoscere chello che n'anno voluto sapè nzì a mò.

Seb... Se! e po facimmo a scola de li piccirilli.

C. de N... E justo ca chisse s'anno da mparà

Seb... Lassamece penzà sta notte. Vieni me trova dimane ca nne parlammo.

C. de N... Mo mme ne faje ire cu nu core cuntento, e gruosso quanto a na votta.

Seb... Statte buono e guvernate.

C. de N... Bonnì e buonanno.

Li 27 Austo 182o

Seb.... Cumpà accussì te voglio. Non ajo lassato manco schiarà juorno, e m'aje carriate sti quatte cunigli!... Chissi so tutte figli a te?.

C. de N... So sette schiavutielli tuoie.

Seb... Sta parola non mine piace... Schiave! che schiave! chisse so uommeno cumm' a tutte l'uommene... Vamme dicenno a uno a uno comme se chiammano, e quà arte l'ai mparate.

C. de N... Ecco ccà lu primmo, e so chiamma Cola. So cchiù anne che se nne jette a nu paisiello così bicino, e se mettette a curtivà na massaria.

Seb... Bona pe ciento!... chisto lo volimmo fa capo scolaro.

C. de N... Chisto è lu terzo, e lu tengo all'arte........

Seb... Comme se chiamma?

C. de N... Masto Minico. Cumpà t'assecuro ca è n'assennatiello, e nu vero ommo de casa…

Chist'auto è appriesso a lu primmo, e se chiamma Latarienzo. Comme portava nu bene sbisciuliato a lu frate gruosso, accussì se nne jette co lu stisso. S'accattaje doje pecore, e na crapa, e li portava a pascere. Chesse so cresciute, se so murtipricate, e no teme na pagliarella acconcia acconcia cu ma mandra d' animali, che isso se guverna. E nu poco capo tuosto, ma po è fatecatore e ubbiriente.

Seb... E stu smargiassiello chi è?

C. de N... Chisto è u quarto, se chiamma Peppo, e campa cu accattà e bennere. Si sapisse cumm'è seca turnese!

Chist'auto è lu quinto, che da che nascette è stato banchiero; e a la fine a  stiento s'è chijato a fa u vastaso. Se  chiamma, Ntuono, e scommette ca doje cantara ncuollo le so nu mazzo i rafanielle.

Seb... Stu cavalluccio lo volimmo affrenà nu poco...... E chisto cu sta coppola a fa loteno chi è?...

C. de N... Chisto è capurà cchiappa, cchiappa.

Seb... Ah... ah... mme faje rirere.

C. de N... Quanno nascette u chiammaje Vicienzo; fatto strappatiello se jette a fa surdato; e no tre perzune nnanze sa cumme i tene? cumme a nu mammuocciolo i paglia.

Seb... Chisto s' a da: sapè manià, ca u surdato è una de li culonne de lu guvierno, e de lu Stato.

C. de N...  Nc’è rummaso a sculatura che se chiamma Ciccillo. E picciuotto ancora, e penzo de l'apprecà a quaccosa pulita, ca mme pare de cereviello chiù fino, e speccecato...

Seb... Oh venimmo a muje Io aggio penzato, pe non fa perdere jurnate a nisciuno, ogne Dummenica nce ne jammo a nu pizzo sulagnolo. Là cu nu discursetto cujeto cujeto, penzo de le fa capì a poco a poco i diritte lloro, e a parte che l'attocca a fa pe lu buono guvierno. Quanno facimmo pausa, nce la spassarrimmo a di quà fatticiello che succede nfra de muje, o quà pallone che bene da fora. Che te ne pare, l' appruo

C. de N... Penzata da paro tujo... A pruposito Sebè, aggio appurato cumme va u fatto che tu credenno i parlà cu mmico, parlaste cu n'auto.

Seb... Se se, dimmi di?

C. de N... Chisto fuje nu galantommo de bona ntenzione però, lu quale sentenno prubbecamente dicere tantu bene de chelle cusarelle che tu mme mparaste li primme juorne te volette sentì de perzona, e perciò facette la mmenzione che ssaje.

Seb... E cumme l'aje appurato?

C. de N... Isso stesso lu jeva dicenno.

Seb... lo te la dico cumme la sento. A Quanno fuje stu fatto, n'aviette nu suspietto. Te senteva dicere cierti pparole, cierti tiermini, che maje so state e mmosca toja. Diceva nfra me; mmalora u cumpare mio è fatto duttore tutto nzieme (a).

C. de N... Accussì restammo.

Seb... Ogge a otto farrimmo la primma lezione.

C. de N.. Addò site guagliù, vasate  la mano u masto.

Seb. Crescite, crescite, e faciteve annore.

C. de N…  Cumpà te lasso lu buono  juorno.

Seb. A revederece... bonnì e salute.

_________________

(a) Con buona pace dell'autore della 2. chiacchiariata, debbo osservare che nel suo scritto venne a scostarsi sia il proposito, dalla mia idea.

Io supposi nel Sebeto la parte instruita della Nazione, e la parte ignorante nel Corpo di Napoli. Vegga dunque che in bocca di quest'ultimo mal si confanno le frasi politiche, ed i sentimenti che egli li fa pronunciare.



Nicola Zitara mi chiese diverse volte di cercare un testo di Samir Amin in cui is parlava di lui - l'ho sempre cercato ma non non sono mai riuscito a trovarlo in rete. Poi un giorno, per caso, mi imbattei in questo documento della https://www.persee.fr/ e mi resi conto che era sicuramente quello che mi era stato chiesto. Peccato, Nicola ne sarebbe stato molto felice. Lo passai ad alcuni amici, ora metto il link permanente sulle pagine del sito eleaml.org - Buona lettura!

Le développement inégal et la question nationale (Samir Amin)










vai su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità  del materiale e del [email protected].