Eleaml


Cilento

La "terra dei tristi" diede il suo contributo alla unità prima e al brigantaggio poi.

Noi abbiamo trascorso in un paese del Cilento interno gli anni in cui il mondo è bianco o è nero e tutto sembra modificabile: basta volerlo!

Riportiamo alcuni canti dei briganti, da notare l'analogia delle tematioche e finanche delle espressioni col famoso canto dei briganti lucani, "Brigante se more", musicato da Eugenio Bennata per lo sceneggiato TV (1980) tratto dal romanzo di Carlo Alianello "L'eredità della priora".

 
_____________________________________________

 

La tematica di questo canto è un inno al brigantaggio le cui bande erano composte da uomini armati dì "coraggio" e di "ragione" e pronti a far fuori i gendarmi e ogni tutore dello "stato piemontese ".

 

Simo breanti re lo Re. Borbone
e lo Ciliento tutto nui giramo
armati re coraggio e de ragione
e re li 'nfami i conti regolamo.

Tira compagno mio e non sgarrare
inta lo centro mira re lo core
fa' li gendarmi tutti parpitare
come poddastro ra cortieddo more.
 

Traduzione

Siamo briganti del Re Borbone

e il Cilento tutto noi giriamo

armati di coraggio e di ragione

e degli infami i conti regoliamo.

Tira compagno mio e non sbagliare,

mira dentro il centro del cuore;

fai tu i gendarmi tutti fremere

come un pollo, ammazzato col coltello.

___________

Il canto è stato raccolto a Laurino.

* Italo Bruno, Cilento in fiamme, 1962, pag. 84, 85 e 86.
Michele Topa, I briganti di sua maestà, da Tribuna Illustrata 1961.

______________________________________________


TU SI' LU GIURICI

Stupendo monumento di contenuto brigantesco è il presente canto. In esso vi sono tutti i motivi di una scelta sociale..

 
Tu si' lu giurici re li miei signori,
i' so' lo capo re li fuorilegge;
tu scrivi co' la penna e dai rulori,
i' vao ppe' lu munno senza legge.

Tu tieni carta, penna e calamaio
ppe' castia' a sti poveri pezzenti,
i' tengo povole e chiummo, quanno sparo:
giustizia fazzo a chi non tenenienti.
 

Traduzione

Tu sei il giudice dei miei signori,

io sono il capo dei fuorilegge;

tu scrivi con la penna e dai dolori,

io vado per il mondo senza legge.

Tu tieni carta, penna e calamaio

per castigare questi poveri pezzenti

io tengo polvere e piombo, quando sparo:

Giustizia faccio a chi non possiede niente.
__________

Raccolto dall’avvocato , Giovanni Bianco a Mercato Cilento.

 

_____________________________________________

 

Il brigante


Si so' Breànde è stàta la furtùna,
pe' me 'uardà sibbe' la tèrra mìa.
La nòtte 'uardo fràsche sènza mùra,
m'addòrmo sènza 'e vàsi 'e màmma mìa.

Inda 'sta gròtta scùra a miezziuòrno,
ccu prànzi re rignàndi, còme càni.
La néve è fatto iàngo, tuòrno, tuòrno.
Tenéssemo sibbe' li pànni sàni.

'Uardo la fàcci jànga re li cumbàgni,
chi pàre céra sòtta li barbùni,
nun g'è chiù rìsa 'n bàcci a li breànbi,
'ngi han'a turnà' la tèrra li burbùni.

Si lu patròne è sàzio e la ròbba jètta,
e s'addilìzia a sènde suòni e càndi,
sinditi còme cànda mo' la scuppètta,
senza cerca' la gràzia re li Sàndi.

Lu sòle è puòsto, è òra ! E' fàtto nòtte,
la mòrte scènne abbàscio ra la mundàgna,
lu còre sàglie 'n gànna e fòrte vàtte,
sibbè tu mòrte fàmme ra cumbàgna.

Re muri' accìso chìsto è lu ristìno,
ma lu breànde nun l'ha da penzàre.
'Nu fiòre chiantatèmmelo vicìno,
'stu fiòre Nènna nu' lu fa' seccàre.

 

_____________________________________________








vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del [email protected].